immagine-preview

Nov 5, 2018

L’incentivo Resto al Sud raddoppia: dentro professionisti e under 46

La legge di Bilancio 2019 (in fase di approvazione) estende “Resto al Sud” anche ai liberi professionisti e agli under 46 per favorire la nascita di nuove imprese

E’ ufficiale: Resto al Sud, l’incentivo di punta gestito da Invitalia, raddoppia con due importanti novità. La legge di Bilancio 2019, attualmente in fase di approvazione, ne prevede l’ampliamento della platea dei destinatari e l’innalzamento dell’età: i finanziamenti potranno essere richiesti anche dai liberi professionisti e l’età compresa sale tra i 18 e i 45.

Ad ottobre 2018 l’incentivo Resto al Sud ha ricevuto oltre 4.900 domande di finanziamento un terzo delle quali sono state accolte. Altre 7.000 domande sono in fase di compilazione.

Con l’allargamento della platea ai lavoratori autonomi e l’innalzamento dell’età, è previsto un sensibile aumento delle domande e delle erogazioni di finanziamento.

 

Obiettivo rafforzare l’imprenditoria nel Mezzogiorno

L’obiettivo è rafforzare l’azione di sostegno e di stimolo all’imprenditoria meridionale messa in campo con Resto al Sud: ad oggi sono quasi 4.900 le domande presentate nelle otto regioni interessate: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

 

I giovani che vogliono restare o tornare nel Mezzogiorno possono contare su un mix agevolazioni che copre il 100% delle spese: 35% di fondo perduto e 65% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di garanzia per le Pmi e coperto, per gli interessi, da un altro contributo.

 

Leggi anche: Resto al Sud, ecco il nuovo incentivo. Fino a 200K per i giovani che vogliono diventare imprenditori.

 

La app di Resto al Sud

Invitalia, ha da poco rilasciato anche la app di Resto al Sud: lo strumento che assiste le persone nella creazione di nuove realtà imprenditoriali nel Mezzogiorno ed è rivolto ai giovani di età compresa tra i 18 e i 45 anni residenti in Sicilia Sardegna Calabria, Basilicata, Puglia, Campania, Molise e Abruzzo.

La app ha la funzione di informare e assistere quanti vogliano ottenere un finanziamento per aprire un’azienda meridionale o anche un’attività autonoma ed è suddivisa in due macroaree Pubblica e Privata.

L’area pubblica è chiaramente accessibile a tutti e consente di ricevere informazioni sempre aggiornate su opportunità per la creazione di aziende e attività, eventi in programma, news, workshop formativi. E’ inoltre possibile attivare notifiche push suddivise per regione e avvisano ogni volta che c’è qualche novità di rilievo.

Nell’area privata è invece possibile seguire in tempo reale l’iter della pratica nei vari passaggi: presentazione della domanda, valutazione della domanda, concessione del finanziamento bancario, ammissione alle agevolazioni, ed erogazione dei contributi

Ad ogni passaggio l’eventuale carenza di informazioni o di documentazione viene notificata in tempo reale all’utente. In questo modo si abbreviano i tempi di comunicazione tra gli esperti dell’incentivo e gli utenti. Infine, per tenere traccia delle scadenze e degli appuntamenti la app fornisce anche un calendario in cui segnare date e orari degli impegni.

E’ possibile scaricare la app sia da Play Store per smartphone Android sia dall’App Store per gli iPhone.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter