Le Village by CA Milano presenta il forum digitale Sustainable Innovation
Caricamento Eventi

Le Village by CA Milano presenta il forum digitale Sustainable Innovation


25 novembre

DESCRIZIONE

Logo Sustainable Innovation Le Village

È stato annunciato l’evento “Sustainable Innovation“, forum digitale organizzato da Le Village by CA Milano, in collaborazione con i partner KPMG ed Enel. Un evento importante per approfondire la sfida ambientale che ci aspetta, principale tema sociopolitico ed economico del presente e del futuro. Parteciperanno all’incontro anche Brembo Group e Amundi SGR. L’incontro si soffermerà sui principali temi legati al cambiamento climatico, a partire dal “Green New Deal” dell’Unione Europea, che prevede un piano d’azione volto a promuovere l’uso efficiente delle risorse. Passando a un’economia pulita e circolare, al fine di ripristinare la biodiversità del nostro pianeta e ridurre l’inquinamento. La diretta è prevista per il 25 novembre, alle ore 17.

Innovazione e sostenibilità, chiavi per il futuro

“Innovazione e sostenibilità sono due pilastri fondanti di Le Village e, più in generale, di Crédit Agricole”, commenta il CEO (Sindaco) di Le Village by CA Milano, Gabriella Scapicchio. “Con questa iniziativa vogliamo seguire gli intenti del IV World Economic Forum Summit e dare voce e sostegno a innovativi modelli di sviluppo sostenibili nell’ottica di un’economia circolare. Perché le nuove generazioni possano beneficiare di prodotti, servizi e processi sostenibili che già oggi devono essere messi in campo”.

 

Già al 4° World Economic Forum Summit sull’impatto dello sviluppo sostenibile, tenuto a settembre 2020, leader di governo, imprese e istituzioni si sono confrontati con esperti e innovatori. Con lo scopo di  avviare, accelerare e ampliare soluzioni imprenditoriali necessarie ad affrontare i cambiamenti climatici e promuovere lo sviluppo sostenibile. La crisi pandemica da Covid-19 ha infatti messo in forte evidenza la stretta correlazione tra ambiente, salute ed economia, restituendo maggiore consapevolezza ai policy maker, riguardo alla necessità di ripensare i modelli sociali ed economici e applicare politiche di sviluppo guidate da innovazione e sostenibilità.

 

Pertanto, il forum si pone l’obiettivo di comprendere meglio lo scenario aperto dal “Green New Deal“, ovvero capire quali siano le sfide e le opportunità, gli attori principali, le azioni già fatte e quali gli strumenti finanziari adatti a raggiungerne gli obiettivi. Attraverso le testimonianze di KPMG ed Enel, partner di Le Village, con la partecipazione di Brembo Group e Amundi SGR. Con questa iniziativa, Le Village by Crédit Agricole Milano conferma la sua natura di “ecosistema aperto”, che oltre a sostenere la crescita delle startup, accelera l’innovazione delle aziende, attraverso la sinergia tra grandi corporate e non solo.

Il programma dell’evento

Aprirà i lavori, alle ore 17 del 25 novembre, Gabriella Scapicchio, CEO (Sindaco) di Le Village by CA Milano. Interverranno poi PierMario Barzaghi, Partner di KPMG, Ernesto Ciorra, Chief Innovability Officer di Enel, Cristina Bombassei, Chief CSR Officer di Brembo Group, e Paolo Proli, Head of Retail Division di Amundi SGR.

 

PierMario Barzaghi, Partner di KPMG, tratterà la tematica “Creazione di valore condiviso: dalla compliance normativa alla strategia“. “La responsabilità assegnata ai componenti dei Consigli di Amministrazione per l’informativa da fornire in ambito sociale, ambientale, corruzione e diritti umani ha portato all’attenzione
alcuni temi che, in molti casi, si davano per normalmente gestiti. La sfida, ora”, spiega KPMG, “è il cambiamento culturale dei vertici aziendali verso questi aspetti. In modo che non sia
valorizzato solo il tema della compliance, ma si colga la valenza strategica della sostenibilità sociale e ambientale, oltre a quella economica”.

 

L’analisi di Cristina Bombassei, Chief CSR Officer di Brembo Group e presidente del Gruppo Tecnico Responsabilità Sociale d’Impresa, Confindustria Nazionale, verterà su “Pensare responsabilmente. Agire concretamente“. “L’innovazione è da sempre nel DNA di Brembo”, dichiara Bomassei. “E oggi innoviamo anche integrando la sostenibilità in tutte le nostre attività. Nei processi produttivi, sempre più attenti all’ambiente,
ma anche nei nostri prodotti, che saranno ancora più green e contribuiranno a ridurre ulteriormente i consumi delle vetture del futuro”.

 

“Turning Energy into Inspiration è la nuova vision di Brembo”, continua Bombassei, “con cui puntiamo a diventare un autorevole Solution Provider, attraverso prodotti e servizi digitali, sempre più sostenibili. E accettando l’ambiziosa sfida di diventare Carbon Neutral dal 2040. Innovazione e sostenibilità, questa è la chiave per affrontare le sfide del momento e rispondere concretamente agli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Un richiamo ad un’azione collettiva che ci vede tutti coinvolti”.

 

Paolo Proli, Head of Retail Division di Amundi SGR, approfondirà invece il tema “ESGONOMIA: la finanza al centro della transizione“. “I criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) sono centrali nella filosofia di investimento di Amundi e affiancano i tradizionali parametri finanziari. L’investimento ESG fa parte del DNA aziendale di Amundi. Attraverso la lente ESG”, spiega Proli, “valutiamo la qualità di una società e del suo management, poiché tali aspetti incidono direttamente sulle performance finanziarie di un’azienda, sulla gestione dei rischi e rappresentano un driver fondamentale per la creazione di valore nel lungo termine”.

 

“Non a caso”, prosegue Proli, “Amundi è pioniera negli investimenti responsabili, con oltre 30 anni di esperienza nel settore, ed è stato membro fondatore e firmatario nel 2006 dei Principi per gli Investimenti Responsabili (PRI) delle Nazioni Unite. Al 30 settembre 2020 gestivamo 331 miliardi di euro in investimenti responsabili e disponiamo di un team di analisti dedicato che sviluppa e implementa le metodologie ESG proprietarie. Amundi si impegna a spingersi ancora oltre, per diventare entro la fine del 2021 un’azienda 100% ESG, in materia di rating, gestione e politica di voto”.