desc

L’Università degli Studi di Roma Tor Vergata va sulla nuvola

Scuola
EDUCATION
Edit article
Set prefered

L’Università degli Studi di Roma Tor Vergata va sulla nuvola

Continua la sperimentazione del progetto Azure Stack. Tecnologia a supporto della didattica, della ricerca e dell’innovazione sul territorio

Continua la sperimentazione del progetto Azure Stack. Tecnologia a supporto della didattica, della ricerca e dell’innovazione sul territorio

Scuola

L’Università degli Studi di Roma Tor Vergata punta sul Cloud Ibrido e adotta la piattaforma Azure Stack affidandosi al Cloud Computing. In questo modo intende procedere con una “personalizzazione” del servizio che le darà il vantaggio di gestire localmente i processi critici mantenendo il presidio dei dati sensibili, a beneficio di studenti e personale.

La sperimentazione di Tor Vergata

Si è conclusa in pochi mesi la prima fase del progetto portato a vanti in collaborazione con Microsoft, grazie al quale l’Ateneo romano mira ad aumentare il proprio livello di efficienza e flessibilità nella gestione dell’infrastruttura IT, facendo leva su un servizio con alti standard di sicurezza e affidabilità in termini di business continuity e disaster recovery. La nuova tecnologia – fanno sapere dall’ateneo capitolino – consentirà al team IT dell’università di gestire i flussi di lavoro in un ambiente unico e consistente, a prescindere che siano sul cloud oppure on premise.

La “fase due”: laboratori virtuali e corsi per sviluppare app

Al via ora per l’università di Tor Vergata le fasi successive del progetto che prevedono la collaborazione con Microsoft a supporto della creazione di laboratori virtuali per gli studenti e l’erogazione di training per insegnare ai ragazzi come sviluppare applicazioni per il cloud ibrido in linea con i propri obiettivi di studio e ricerca. Inoltre, un ulteriore sviluppo del progetto Hybrid Cloud di Tor Vergata si focalizzerà sulla Ricerca: facendo leva sulle capacità computazionali del Cloud di Microsoft, l’Ateneo sta creando delle task force tra mondo della ricerca e mondo ICT per sviluppare prototipi su Azure Stack e beneficiare di modelli di calcolo scalabili.

Leggi anche: Con Erasmus+ si trova lavoro con più facilità

“Con circa 2.500 dipendenti e 35.000 studenti, Tor Vergata rappresenta uno dei principali atenei in Italia e da sempre si contraddistingue per l’attenzione alle nuove tecnologie e l’ambizione all’innovazione. Ora abbiamo scelto di puntare sul Cloud ibrido, adottando Azure Stack per standardizzare la gestione IT, efficientare i processi, ridurre i costi, ottimizzare l’accesso sicuro ai dati, beneficiando al contempo di interoperabilità, affidabilità e flessibilità nell’uso delle risorse”, ha dichiarato Domenico Genovese, CIO dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

 

“Il progetto di migrazione al Cloud Ibrido di Tor Vergata è per noi punto d’orgoglio, in quanto rappresenta un importante caso di adozione in Italia del nuovo Azure Stack, tecnologia con cui Microsoft si propone di trasferire l’innovazione agile e rapida del Cloud Computing all’ambiente fisico, ponendo le basi per scenari realmente ibridi in cui non si debba più scendere a compromessi tra la flessibilità del Cloud e i limiti dell’on premise”, ha commentato, Simonetta Moreschini, Direttore della Divisione Pubblica Amministrazione di Microsoft Italia.