Arriva la prima exit del 2016: l’editore di Harmony compra 20lines

HarperCollins Italia ha acquistato 20lines, community che permette agli utenti di condividere e leggere testi brevi. La cifra non è stata rivelata

HarperCollins Italia, ha acquistato 20lines, una delle più importanti community a livello mondiale che permette agli utenti di condividere e leggere testi brevi. La cifra non è stata rivelata.

Nata a fine 2012 dalle idee di Alessandro Biggi, Pietro Pollichieni, Marco Pugliese e Francesco Scalambrino, 20lines oggi conta più di 220.000 utenti registrati, oltre a 15.000 nuove storie pubblicate ogni mese. L’applicazione, disponibile in 7 lingue ( italiano, inglese, francese, spagnolo, tedesco, portoghese e russo), è stata recentemente riconosciuta da Apple tra le “Best Social Networking and Books Apps” in ben 96 Paesi.

20lines_fondatori

«Sono molto felice – dichiara Paola Ronchi, Direttore Generale HarperCollins Italia – di aver messo a segno questa importante acquisizione che rappresenta lo strumento ideale per rafforzare la presenza digitale di HarperCollins Italia. 20lines darà voce a nuovi talenti e offrirà la possibilità di interagire direttamente tra scrittori e lettori».

«Questa acquisizione rappresenta un passaggio naturale per 20lines e per la nostra community. – afferma Alessandro Biggi, CEO di 20lines­ – Si tratta del coronamento di un percorso di startup ricco di sfide e soddisfazioni che ci ha portato fino in Silicon Valley e siamo convinti che un gruppo importante come HarperCollins sia ideale per sostenere la crescita del progetto anche a livello internazionale».

Ti potrebbe interessare anche

3,3 miliardi. In Cina il round più grosso di sempre della storia delle startup, spiegato

Il 2015 è stato l’anno del boom di investimenti del venture capital in startup cinesi. Come si è arrivati a questo punto, con la minaccia incombente del crollo delle borse

Cisco comprerà Jasper (IOT) per 1,4 miliardi di dollari

Un’acquisizione che conferma l’attenzione di Cisco per il mercato dell’Internet of Things, ultima operazione di una strategia chiara del gigante californiano

I venture mondiali hanno scelto queste 20 città per crescere, la rosa delle Global Startup City

Cosa sono le Global Startup City, le città scelte dai venture capital di tutto il mondo per crescere fuori dagli Stati Uniti. Sono 20, nessuna italiana

Il capo di Zomato Italia molla tutto ad un anno dall’exit della sua Cibando: «Voglio nuove sfide»

Una decisione improvvisa, il country manager di Zomato ha lasciato il suo posto e ora si dedicherà ad altro: «Voglio crescere ancora, in altri settori»

Creabilis (Ivrea/Kent) venduta per 150 milioni al colosso americano Sienna Biopharmaceuticals

La startup ha sede nel Kent (contea UK) ma il processo di ricerca e di sviluppo del prodotto è tutto made in Italy. Ha sviluppato un sistema in grado di localizzare l’effetto dei farmaci dermatologici a livello della pelle

Il rino-robot per proteggere i rinoceronti dal bracconaggio. Ramakera

Ramakera è un robot con le sembianze di un rinoceronte, in grado di monitorare e proteggere il gruppo di animali in cui si trova. Una possibile misura contro il bracconaggio che, a causa dei corni, sta spingendo questo animale verso una rapida estinzione.

Tecnologia e hardware, com’è stato il 2016 degli investimenti e dove vanno le big. Il report

La tecnologia primeggia nelle operazioni M&A per il secondo anno consecutivo e raggiunge la vetta nelle fusioni e acquisizioni a livello globale per la seconda volta dal 2000. Le innovazioni in realtà aumentata, realtà virtuale e l’Internet delle Cose (IoT) i settori nel mirino degli investitori nell’hardware

A colloquio con la spia che adesso protegge le aziende. Intervista a Dave Palmer (Darktrace)

L’azienda ha sviluppato un approccio alla cyber-defense che mima il comportamento del sistema immunitario umano di fronte alle minacce virali. Il suo CTO, Dave Palmer, ha lavorato con il MI5