Brain, il controller per le performance delle moto, da oggi su Kickstarter: obiettivo 50mila euro

Brain presenterà Brain One su Kickstarter per la campagna di crowdfunding che le permetterà di aprirsi al mercato internazionale

Brain è una startup innovativa italiana che si sta occupando dello sviluppo della prima telemetria smart per motorsports ed action sports.

Brain presenterà Brain One su Kickstarter per la campagna di crowdfunding che le permetterà di aprirsi al mercato internazionale.

«In questi mesi il progetto non è più solo un’idea ma siamo giunti alla fase finale dello sviluppo del prodotto – spiegano i fondatori, Simone Grillo e Timoteo Ziccardi – Ora non ci resta che fare gli ultimi ritocchi e mettere in produzione il dispositivo. Brain One sarà pronto e verrà spedito nelle mani dei clienti a partire da Maggio 2016».

Brain

Brain One, nello specifico, consiste in un dispositivo senza fili che contiene diversi sensori dedicati al mondo degli sport estremi, in particolare al motociclismo. Brain permetterà a tutti gli appassionati di moto di sentirsi professionisti delle due ruote. Il dispositivo, infatti, misura tutte le metriche relative a un giro in pista o su strada (velocità, angolo di piega, forza g, giri motore, rapporto inserito, traiettoria, tempo sul giro e molto altro) ed è anche in grado di monitorare costantemente il battito cardiaco e altri parametri molto importanti di chi è in sella alla moto. Oltre a misurare le performance legate al mondo motociclistico Brain One è anche in grado di individuare un’eventuale situazione di emergenza grazie a un algoritmo che percepisce se la moto è ferma a terra in posizione orizzontale o se ci sono accelerazioni tipiche di un incidente, in quel caso un segnale di allerta geolocalizzato verrà inviato ai numeri preferiti.

Brain1

La campagna di crowdfunding

«La nostra campagna sulla piattaforma Kickstarter partirà il 25 Febbraio 2016 e durerà 30 giorni con un goal da raggiungere di 50,000 euro.
Ci saranno, ovviamente, diversi premi e riconoscimenti per le persone che decideranno di credere nel nostro progetto. Si parte da un prezzo scontato per i primi 50 pezzi che poi aumenterà a seconda della disponibilità. Ci teniamo a precisare, però, che si potrà donare anche solo 1 euro per supportare il nostro progetto senza la necessità di acquistare un dispositivo. Ogni singolo euro per noi farà la differenza!».

Le collaborazioni nel panorama del motociclismo

“Il nostro progetto ha subito suscitato l’interesse di personalità e realtà legate al mondo del motociclismo – concludono Simone e Timoteo – Infatti, abbiamo avviato una partnership con Aldo Drudi, il designer dei caschi di Valentino Rossi, che ha scelto di entrare nel progetto per curare personalmente il design di Brain One, ed è ufficiale anche la collaborazione con Fondazione Simoncelli. La scuola di guida Lucchinelli Experience, legata all’ex campione Marco è stata l’ultima collaborazione siglata, senza mai dimenticare chi ha creduto in noi sin dall’inizio come Luca Boscoscuro proprietario e team manager del team SpeedUp del mondiale Moto2».

Qui per partecipare alla campagna.

Londra: Your.MD chiude un round da 10 milioni. E ha un management tutto italiano

Nuovo aumento di capitale per la startup guidata da Matteo Berlucchi, che offre consulenza medica a mezzo bot: le nuove risorse serviranno a potenziare l’intelligenza artificiale che fornisce le risposte e ad ampliare il network di partner

Con dalmiomedico.it i medici di famiglia portano online il loro ambulatorio

La piattaforma lanciata dal Centro medico Santagostino di Milano consente di prenotare le visite con un clic verificando l’orario pubblicato dai dottori. In questo modo vengono ottimizzati i tempi e si migliora il servizio ai pazienti

Made in Italy e Lifestyle | Le due call di LUISS Enlabs. Come applicare

Fino al 25 settembre le startup possono candidarsi alla nuova edizione del Programma di Accelerazione nel Tech Hub all’interno di Roma Termini. Ma c’è anche una seconda call for applications, verticale

La presidenza dell’UE passa all’Estonia | Una buona notizia per la rivoluzione digitale

Data Embassy e lega per la cyberdifesa, il Paese sul Baltico è uno dei più all’avanguardia nel rispondere alle minacce di hacker e terrorismo digitale. Il premier estone Juri Ratas: “I dati sono il prossimo carbone e acciaio”