L’81% delle startup inglesi vuole rimanere in Europa, dice un sondaggio

8 startup su 10 dicono che in Europa si sta meglio: mercato più grande, capacità di attrarre talenti, mercato del lavoro più ampio. Ma chi vuole andare via accusa l’Ue di avere troppa burocrazia

Il referendum ci sarà. Il 23 giugno i cittadini britannici saranno chiamati a scegliere se stare nell’Unione Europea o uscire, e i prossimi mesi saranno mesi di dibattito intenso su cosa sia meglio fare per la Gran Bretagna. Il dibattito sulla Brexit è accesissimo. Il tema interessa ovviamente anche alle startup inglesi, che in questi anni di europa unita hanno beneficiato sia per quanto riguarda il mercato, sia per il gran numero di founders che si sono trasferiti in Uk in cerca di capitali più facili e crescita più veloce. Non è un caso dunque se un sondaggio appena pubblicato condotto dall’associazione delle startup Coadec (il cui payoff recita The policy Voice of Startup) emerge che l’81% dei founder delle startup inglesi si sono detti contrari all’uscita dall’Unione Europea. 8 su 10. Una maggioranza schiacciante. La notizia è apparsa questo giovedì su Medium, in un post del direttore di Coadec, Guy Levin.

wework-devonshire-london-2

CHI HA PARTECIPATO AL SONDAGGIO
Il sondaggio ha coperto un campione di 175 membri di startup
, di cui il 72% sono founders, il 12% ci lavorano e 11% sono investitori. E di questi il 71% hanno detto che la negoziazione condotta dal primo ministro David Cameron in Europa su un nuovo modello di Unione per gli stati membri non ha impattato per nulla sulle loro opinioni.

CheFuturo: Brexit, ovvero che succede se gli inglesi lasciano l’Europa.
Di Loretta Napoleoni 

MA IL METODO LASCIA QUALCHE DUBBIO
Il motivo di questo plebiscito a favore dell’UE è presto detto. In UK ci sono founders da tutta Europa, l’ecosistema UK è nato grazie alla sua grande capacità di attrarre talenti da tutta Europa. E lì ci sono diversi founders italiani. Ma il sondaggio, da quello che si capisce, presenta grossi limiti di metodologia. Il campione appare troppo piccolo e sembra poco rappresentativo dell’intero ecosistema britannico.

Però va detto che un sondaggio analogo fatto qualche mese fa dal Tech London Advocates ha raccontato che addirittura l’87% dei founder sono contrari all’uscita dall’UE. E ancora un sondaggio di techUK ha detto che il 71% vuole rimanere. Certo, sono tutti con un rigore non ineccepibile, ma raccontano probabilmente quello che la maggioranza dei founders inglesi pensano davvero.

I MOTIVI DI CHI E’ CONTRARIO ALLA BREXIT
Ma perché i founders non vogliono uscire dall’Unione Europea? I motivi sono molteplici, a giudicare dal sondaggio.

1) Per mantenere l’accesso a un mercato unico molto più grande di quello britannico, con regole valide e uguali per tutti
2) Perché piace il mercato del lavoro mobile, che dà la possibilità di accedere facilmente a talenti da tutta Europa
3) Per avere un posto al tavolo delle decisioni in Europa
4) Ma anche per garantire a tutti maggiore stabilità e sicurezza

I MOTIVI DI CHI E’ FAVOREVOLE ALLA BREXIT 
Chi vuole uscire invece dà due motivi principali.
1) Tornare ad avere sovranità in UK
2) In EU ci sono troppe regole e troppa burrocrazia

Londra: Your.MD chiude un round da 10 milioni. E ha un management tutto italiano

Nuovo aumento di capitale per la startup guidata da Matteo Berlucchi, che offre consulenza medica a mezzo bot: le nuove risorse serviranno a potenziare l’intelligenza artificiale che fornisce le risposte e ad ampliare il network di partner

Con dalmiomedico.it i medici di famiglia portano online il loro ambulatorio

La piattaforma lanciata dal Centro medico Santagostino di Milano consente di prenotare le visite con un clic verificando l’orario pubblicato dai dottori. In questo modo vengono ottimizzati i tempi e si migliora il servizio ai pazienti

Made in Italy e Lifestyle | Le due call di LUISS Enlabs. Come applicare

Fino al 25 settembre le startup possono candidarsi alla nuova edizione del Programma di Accelerazione nel Tech Hub all’interno di Roma Termini. Ma c’è anche una seconda call for applications, verticale

La presidenza dell’UE passa all’Estonia | Una buona notizia per la rivoluzione digitale

Data Embassy e lega per la cyberdifesa, il Paese sul Baltico è uno dei più all’avanguardia nel rispondere alle minacce di hacker e terrorismo digitale. Il premier estone Juri Ratas: “I dati sono il prossimo carbone e acciaio”