Ecco le 6 startup accelerate da Luiss EnLabs (e un nuovo strumento per finanziarle)

A partire dal batch attualmente in corso, LVenture Group introduce in maniera sistematica l’investimento micro-seed in startup con SFP

LVenture Group, holding di partecipazioni quotata sul MTA di Borsa Italiana, ha rinnovato e migliorato l’offerta d’investimento per le operazioni di investimento in startup partecipanti al programma di accelerazione di Luiss EnLabs “La Fabbrica delle Startup”, acceleratore nato da una joint venture tra LVenture Group e l’Università Luiss.

L’investimento tramite Strumenti Finanziari Partecipativi (SFP) emessi dalle startup stesse è stato introdotto per la prima volta sul mercato italiano da LVenture Group nel 2013 e a partire da questo batch del programma di accelerazione verrà adottato sistematicamente. Il regolamento degli SFP prevede la conversione in equity al termine del Programma di Accelerazione, per una quota del 9%, nel caso in cui la startup abbia dimostrato di essere in grado di ottenere risultati significativi dal mercato. Anche l’offerta economica è stata modificata: le risorse fornite sono pari a 80.000 euro, di cui 30.000 utilizzabili dalla startup per finanziare i primi investimenti durante il Programma, e 50.000 per i servizi di Luiss EnLabs.

Luiss EnLabs1

Questa nuova offerta d’investimento, che è stata adeguata ai migliori standard internazionali e sfrutta le ultime novità introdotte dal legislatore, risulta molto più vantaggiosa sia per l’investitore che per gli imprenditori, permettendo di attrarre le migliori startup. Per LVenture Group gli strumenti migliorano le condizioni di governance e garantiscono una più ampia snellezza nella gestione del portafoglio, mentre per le startup rappresentano un miglioramento in termini di valutazione e flessibilità nel management.

«Questa decisione nasce da quanto abbiamo appreso attraverso la nostra esperienza in qualità di principale attore nel panorama italiano dell’early stage, che ad oggi ha investito in 27 startup che hanno partecipato al programma di accelerazione di Luiss EnLabs» – dice Luigi Capello, CEO di LVenture Group e Founder di Luiss EnLabs – «Ci auspichiamo che questa forma di investimento possa divenire uno standard e fornire la base e il riferimento per altre startup e operatori del settore».

Ecco le startup che stanno attualmente partecipando al programma di accelerazione di Luiss EnLabs

Bemyguru

Bemyguru, marketplace di servizi aziendali che risponde alle esigenze delle imprese mettendo in contatto l’azienda con il giusto esperto;

CheckMoov

CheckMoov, piattaforma che permette di geo-localizzare il centro sportivo più vicino con la propria attività preferita e prenotarla, fornendo all’utente accesso a tutti i centri sportivi del network;

crowdbooks

Crowdbooks, piattaforma online che utilizza il crowdfunding per finanziare progetti di libri illustrati e sfida i metodi convenzionali di publishing e i limiti artistici che comportano;

DynamiTick

DynamiTick, la prima società italiana specializzata nel fornire soluzioni di pricing dinamico per l’industria sportiva e dell’intrattenimento, calcolando grazie ad algoritmi inediti e proprietari i prezzi migliori per massimizzare i biglietti venduti;

Fairbooks

Fairbooks, piattaforma di self-publishing e marketplace di competenze editoriali per autori indipendenti, i cui contenuti vengono distribuiti tramite l’app e pagati attraverso la pubblicità;

oreegano

Oreegano, community social per la creazione e condivisione di ricette che grazie a un algoritmo identifica il tipo di ricetta ideale per la propria dieta e i fattori nutrizionali degli alimenti.

Perché i venture investono ancora poco sulle startup bitcoin (e blockchain)

Più di 300 milioni di investimenti su startup bitcoin e blockchain. Come un anno fa. Niente raddoppio. Abbiamo provato a ragionare con la testa degli investitori per capire cosa frena davvero la crescita del mercato: ci sono almeno 4 motivi (e una soluzione alternativa)

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»