10 professioni dove si faranno più soldi lavorando da freelance (e c’è anche la scrittura)

FastCompany stila la classifica dei 10 settori che oggi e in futuro offriranno più opportunità ai freelancer

L’esercito dei freelance avanza e arruola sempre nuovi lavoratori: 54 milioni in Usa, circa 9 milioni in Europa, secondo uno studio di Freelancer Union. FastCompany stila la classifica dei 10 settori che oggi e in futuro offriranno più opportunità ai freelancer.

La Top Ten

 

1. Computer e IT
2. Amministrazione
3. Contabilità e finanza
4. Customer Service
5. Sviluppatore software
6. Medicina e salute
7. Project management
8. Research Analyst
9. Scrittura e Copyrigh
10. Educazione e training

 

Domina l’IT ma occhio alle sorprese

«Anche se dominano l’IT e il software development – ma succede già da 10 anni – ci sono altri settori nei quali cresce la domanda per lavori freelance. Come l’educazione e il training. E altri che perdono posizioni, nonostante vengano ancora associati al mondo dei freelance, come i grafici e designer che sono superati dai servizi di assistenza medica a domicilio, educazione e risorse umane» spiega Brie Reynolds, direttore dell’agenzia di freelance FlexJobs che ha realizzato l’indagine.

È il miglior momento per diventare freelance

Almeno secondo Upwork, il più grande market place mondiale per freelance con tre milioni di lavori postati in media all’anno. Crescono la domanda nel content marketing (+ 136% nell’ultimo anno). Esperti di AngularJS, un framework di Java Script (+ 141 %). Incrementi anche nell’assistenza virtuale e ingegneria elettronica.

Trend e consigli

«I freelance diventeranno sempre di più leader di una nicchia di settore e si specializzeranno ulteriormente. Per esempio, “esperto di contabilità specializzato sul mercato dei droni”» continua Reynolds che poi offre un consiglio a chi ha scelto definitivamente di progettare una vita da freelance: «Vince chi si è informato sui nuovi trend, su come evolve il settore in cui è inserito e gioca d’anticipo acquisendo le competenze di cui ha bisogno» conclude.

Ti potrebbe interessare anche

Come avviare una startup senza soldi, o quasi

Le startup non sono roba per ricchi, non soltanto. Sono tanti i casi di chi ce l’ha fatta partendo da zero, anche in business più complessi. Qui un po’ di casi e qualche soluzione per cominciare da zero

Il lavoro del futuro secondo il World Economic Forum, spiegato in 4 concetti chiave

Dal lavoro in mobilità all’analisi dei dati per la previsione delle competenze, fino alla diversificazione sotto ogni punto di vista e al ribaltamento nella gestione dei talenti: cosa fa davvero un’azienda resiliente

Per Apple è l’app più innovativa del 2015, ora la trevigiana Sellf si integra con Slack

La startup di Diego Pizzocaro si è integrata con la nota piattaforma per gestire il lavoro dei gruppi Slack, poche settimane dopo che Apple l’ha nominata tra le app più innovative del 2015

WeWork chiude un round da 430 milioni, ed è un round F

WeWork ha chiuso un nuovo round di investimento, che si aggiungono ai 950 raccolti finora. Tra gli investitori Golman Sachs e JP Morgan

Londra: Your.MD chiude un round da 10 milioni. E ha un management tutto italiano

Nuovo aumento di capitale per la startup guidata da Matteo Berlucchi, che offre consulenza medica a mezzo bot: le nuove risorse serviranno a potenziare l’intelligenza artificiale che fornisce le risposte e ad ampliare il network di partner

Con dalmiomedico.it i medici di famiglia portano online il loro ambulatorio

La piattaforma lanciata dal Centro medico Santagostino di Milano consente di prenotare le visite con un clic verificando l’orario pubblicato dai dottori. In questo modo vengono ottimizzati i tempi e si migliora il servizio ai pazienti

Made in Italy e Lifestyle | Le due call di LUISS Enlabs. Come applicare

Fino al 25 settembre le startup possono candidarsi alla nuova edizione del Programma di Accelerazione nel Tech Hub all’interno di Roma Termini. Ma c’è anche una seconda call for applications, verticale

La presidenza dell’UE passa all’Estonia | Una buona notizia per la rivoluzione digitale

Data Embassy e lega per la cyberdifesa, il Paese sul Baltico è uno dei più all’avanguardia nel rispondere alle minacce di hacker e terrorismo digitale. Il premier estone Juri Ratas: “I dati sono il prossimo carbone e acciaio”