Una società rivela che il 90% del fatturato di Spotify viene dal 30% degli utenti

Una società di consulenza Lussemburghese ha fatto i conti in tasca a Daniel Ek rivelando una curiosità nel suo modello: ma in realtà Spotify può curarsene poco. La sua leadership è indiscussa

Quei (pochi) cantanti che boicottano Spotify per il suo modello “free” di distribuzione dei contenuti musicali possono segnare un punto a loro favore: la musica gratuita non rende quanto quella a pagamento.

daniel-ek-spotify-bloomberg*1200xx3000-1688-0-137

«Esiste uno squilibrio troppo forte tra utenti paganti e non»

Sebbene la piattaforma musicale, nell’ultimo anno abbia quasi raddoppiato il suo fatturato (passando da 1,3 miliardi di dollari al record di 2,18 miliardi), bisogna anche dire che il 90% di questi risultati viene dalla piccola parte di utenti che hanno sottoscritto un abbonamento a Spotify. A constatarlo è una società finanziaria lussemburghese, che ha studiato i bilanci della piattaforma e ne ha dedotto che solo il 10% dei fatturati proviene dagli utenti che ascoltano musica senza pagare.

Leggi qui: Dalla depressione ad un un miliardo, a 33 anni: storia di Daniel Ek 

Ma i manager credono che Spotify resterà leader di settore

Tutto il resto, viene da quei  (quasi) 30 milioni di utenti paganti (quelli che hanno sottoscritto un abbonamento Spotify Premium da 9,99$ al mese). Uno squilibrio troppo rischioso per una società che si basa così tanto su solo il 30% dei propri clienti (sono infatti altri 60 milioni gli utenti di Spotify, quelli che ascoltano musica senza pagare).

Che il modello gratuito non sia “foriero di profitti”, lo sanno anche gli stessi manager di Spotify. Gli stessi però che riferendosi al modello esclusivamente a pagamento – come quello del diretto concorrente, Apple Music – sono convinti che anche questo non abbia ancora portato economie di scala. Ecco perché quindi, secondo loro Spotify resterà comunque il leader di settore e non deve preoccuparsi: proprio perché combina insieme i due modelli di business: la gratuità e gli abbonamenti.

“Non siamo una famiglia, siamo una squadra”, ecco perché in Netflix si lavora bene

Netflix si distingue da Facebook e Google per politica aziendale: nessuna festa, tornei di frisbee o tributi al Burning Man. Però non esistono giorni di vacanza prefissati, i dipendenti possono andare in ferie quando vogliono

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola

Prime Wardrobe, il servizio di Amazon che permette di provare gli abiti prima di acquistarli

Il nuovo servizio di abbigliamento Prime Wardrobe, è un try-before-you-buy. Disponibile solo per i clienti Amazon Prime consentirà di scegliere in un catalogo di un milione di pezzi i vestiti e le scarpe più adatti, senza essere obbligati ad acquistare ciò che si ordina

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.