Una società rivela che il 90% del fatturato di Spotify viene dal 30% degli utenti

Una società di consulenza Lussemburghese ha fatto i conti in tasca a Daniel Ek rivelando una curiosità nel suo modello: ma in realtà Spotify può curarsene poco. La sua leadership è indiscussa

Quei (pochi) cantanti che boicottano Spotify per il suo modello “free” di distribuzione dei contenuti musicali possono segnare un punto a loro favore: la musica gratuita non rende quanto quella a pagamento.

daniel-ek-spotify-bloomberg*1200xx3000-1688-0-137

«Esiste uno squilibrio troppo forte tra utenti paganti e non»

Sebbene la piattaforma musicale, nell’ultimo anno abbia quasi raddoppiato il suo fatturato (passando da 1,3 miliardi di dollari al record di 2,18 miliardi), bisogna anche dire che il 90% di questi risultati viene dalla piccola parte di utenti che hanno sottoscritto un abbonamento a Spotify. A constatarlo è una società finanziaria lussemburghese, che ha studiato i bilanci della piattaforma e ne ha dedotto che solo il 10% dei fatturati proviene dagli utenti che ascoltano musica senza pagare.

Leggi qui: Dalla depressione ad un un miliardo, a 33 anni: storia di Daniel Ek 

Ma i manager credono che Spotify resterà leader di settore

Tutto il resto, viene da quei  (quasi) 30 milioni di utenti paganti (quelli che hanno sottoscritto un abbonamento Spotify Premium da 9,99$ al mese). Uno squilibrio troppo rischioso per una società che si basa così tanto su solo il 30% dei propri clienti (sono infatti altri 60 milioni gli utenti di Spotify, quelli che ascoltano musica senza pagare).

Che il modello gratuito non sia “foriero di profitti”, lo sanno anche gli stessi manager di Spotify. Gli stessi però che riferendosi al modello esclusivamente a pagamento – come quello del diretto concorrente, Apple Music – sono convinti che anche questo non abbia ancora portato economie di scala. Ecco perché quindi, secondo loro Spotify resterà comunque il leader di settore e non deve preoccuparsi: proprio perché combina insieme i due modelli di business: la gratuità e gli abbonamenti.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti