Una società rivela che il 90% del fatturato di Spotify viene dal 30% degli utenti

Una società di consulenza Lussemburghese ha fatto i conti in tasca a Daniel Ek rivelando una curiosità nel suo modello: ma in realtà Spotify può curarsene poco. La sua leadership è indiscussa

Quei (pochi) cantanti che boicottano Spotify per il suo modello “free” di distribuzione dei contenuti musicali possono segnare un punto a loro favore: la musica gratuita non rende quanto quella a pagamento.

daniel-ek-spotify-bloomberg*1200xx3000-1688-0-137

«Esiste uno squilibrio troppo forte tra utenti paganti e non»

Sebbene la piattaforma musicale, nell’ultimo anno abbia quasi raddoppiato il suo fatturato (passando da 1,3 miliardi di dollari al record di 2,18 miliardi), bisogna anche dire che il 90% di questi risultati viene dalla piccola parte di utenti che hanno sottoscritto un abbonamento a Spotify. A constatarlo è una società finanziaria lussemburghese, che ha studiato i bilanci della piattaforma e ne ha dedotto che solo il 10% dei fatturati proviene dagli utenti che ascoltano musica senza pagare.

Leggi qui: Dalla depressione ad un un miliardo, a 33 anni: storia di Daniel Ek 

Ma i manager credono che Spotify resterà leader di settore

Tutto il resto, viene da quei  (quasi) 30 milioni di utenti paganti (quelli che hanno sottoscritto un abbonamento Spotify Premium da 9,99$ al mese). Uno squilibrio troppo rischioso per una società che si basa così tanto su solo il 30% dei propri clienti (sono infatti altri 60 milioni gli utenti di Spotify, quelli che ascoltano musica senza pagare).

Che il modello gratuito non sia “foriero di profitti”, lo sanno anche gli stessi manager di Spotify. Gli stessi però che riferendosi al modello esclusivamente a pagamento – come quello del diretto concorrente, Apple Music – sono convinti che anche questo non abbia ancora portato economie di scala. Ecco perché quindi, secondo loro Spotify resterà comunque il leader di settore e non deve preoccuparsi: proprio perché combina insieme i due modelli di business: la gratuità e gli abbonamenti.

Aumento di capitale per Satispay, già raccolti 14 milioni. Obiettivo: mercato estero

Risorse da record per la startup italiana dei pagamenti digitali fondata da Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta. I fondi raccolti saranno destinati all’internazionalizzazione del prodotto. A partire dalla Germania

Chi compra l’usato guadagna 900 euro all’anno. Intervista alla CEO di Subito.it

Secondo l’Osservatorio 2016 Second Hand Economy condotto da DOXA, la compravendita dell’usato cresce di €1 miliardo nel 2016 e ora vale l’1,1% del PIL. Abbiamo sentito Melany Libraro per capire come cambiano le abitudini degli italiani

La centrifuga di Iscleanair ripulisce l’aria dagli inquinanti senza usare filtri

La scaleup, che è inserita nel programma di accelerazione Eit Digital, propone un dispositivo in grado di migliorare la qualità degli ambienti interni ed esterni, sfruttando l’abbattimento in acqua. La sua soluzione può aiutare anche la rigenerazione urbana

Quanto sono sicuri i tuoi sistemi? Ecco cosa ci dice il rapporto Verizon sulle violazioni informatiche

Ransomware e phishing sono in aumento, i settori finanziario e sanitario tra i più colpiti, ma anche le piccole imprese non stanno tranquille. Entusiasmo, distrazione, curiosità e incertezza sono i cavalli di Troia