Santini (Microsoft): «A luglio parte il nostro acceleratore per startup, a Milano»

Lo aveva annunciato a fine 2015 Satya Nadella in persona, adesso ci siamo: diventa realtà l’acceleratore per startup dell’azienda di Redmond. Lo annuncia a Startupitalia! Fabio Santini, ospite dell’Innovation Week a Milano. Qui l’intervista

E’ un po’ il “Virgilio” per tutti i giovani, le startup e gli sviluppatori italiani che hanno un’idea da proporre a Microsoft. E’ Fabio Santini, classe ’71, direttore della Divisione Developer Experience and Evangelism per l’Italia dell’azienda fondata da Bill Gates, che lancia una grande scommessa sull’Italia e sulle nostre startup. Lo abbiamo incontrato a margine della seconda giornata di lavori della Edison Innovation Week, a Milano.

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/MAHpHNSCT80?list=PLjV4jdWdzFfAy_Gc3fuT7dzXRvIOamCWe”]

Lo stiamo chiedendo a tutti gli ospiti. Qual è lo stato di salute, il termometro, dell’Innovazione in Italia?
«C’è sicuramente voglia di migliorare, il digitale sta facendo tanto, ma c’è ancora paura di prendersi dei rischi, soprattutto nelle aziende consolidate. Invece chi fa startup non solo si fa carico di rischi, non solo cerca un posto di lavoro, lo costruisce. Vedo dei ragazzi che vogliono sfondare, che si muovono per fare un business a livello globale».

A luglio il battesimo del super acceleratore di Microsoft in Italia

Grandi aziende e startup. Mondi e metodi paralleli e destinati a non incontrarsi mai?
«Credo che ci sia ancora una grande distanza tra startup e aziende. Le aziende devono innovare, sanno che possono “sfruttare” in qualche modo le startup per farlo, ma non è ancora chiaro il come. Dall’altra parte nascono moltissime startup, ma poche hanno successo. Credo che sia giunto il momento di mettere insieme questi mondi, quello dell’enterprise corporate e quello delle startup».

Come?
«Il primo luglio lanciamo “Grow it up“, insieme a Fondazione Cariplo (l’acceleratore voluto direttamente dal Ceo di Microsoft, Satya Nadella, che avrà sede a Milano alle ex officine Ansaldo, ndr). Il principio è: prendo le migliori startup delle migliori industry italiane e le metto a parlare, discutere, a ragionare, con i migliori player italiani di quell’industria. L’associazione di un mondo consolidato, di business consolidato, e di giovani che vogliono innovare dovrebbe portare innovazione da entrambe le parti: per la grande azienda, innovare più velocemente, grazie ai giovani e alle startup, e per i ragazzi  disegnare i propri business model e la proprie idee rispetto alle linee guida dell’industria più importante».

Caro vecchio competitor, collaboriamo

Nel lessico delle startup e, soprattutto, delle grandi aziende c’è una parola che va molto forte: Open Innovation. Anche Microsoft sta cambiando tutto?
«Per noi open innovation significa cambiare un po’ di paradigmi. Quando penso alla Microsoft di alcuni anni fa, alcune aziende erano nostri competitors e ora quelle stesse aziende sono co-petitors. Oggi ci sono degli esempi di collaborazione con IBM, Salesforce, Apple, Google, rapporti impensabili sino a qualche anno fa. Questo perché il mondo cambia molto velocemente, e se si vuole dare al cliente il massimo del beneficio bisogna dargli la possibilità di scegliere il device, lo strumento, la tecnologia che preferisce. E quindi Microsoft ha deciso di cambiare strategia, di credere molto di più nell’open innovation, nella condivisione, nella collaborazione, quindi molte aziende rimangono competitors ma sono anche co-petitors».

Aldo V. Pecora
@aldopecora

Un Commento a “Santini (Microsoft): «A luglio parte il nostro acceleratore per startup, a Milano»”

  1. AntonioSeverino

    Ciao, grazie mille per il commento e la segnalazione 🙂
    Ancora non abbiamo una data di rilascio per Android ma… è nella nostra lista.

    http://www.theristapp.com
    Antonio, Team Rist

I commenti sono chiusi.

Chi c’è e di cosa si parla al Data Driven Innovation a Roma

24 e 25 febbraio il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre ospita la seconda edizione dell’appuntamento dedicato alla data driven innovation. Fra gli speaker Raffaele Lillo (Italian Digital Transformation Team) che interviene sul tema Digital Transformation of the Italian Government

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Parte Renew the book per accelerare le migliori startup editoriali

Algoritmi o community online? Chi sceglierà i libri che leggeremo domani? Abbiamo chiesto a Tomaso Greco di bookabook di raccontarci che cos’è Renew the book, il contest di accelerazione riservato a cinque startup che innovano l’editoria libraria

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era