Airbnb chiude un nuovo round di finanziamento. Adesso vale 30 miliardi (seconda solo a Uber)

Con la (misteriosa) iniezione di liquidità il colosso dell’home sharing potrebbe valere la cifra record di 30 miliardi di dollari. Tre volte quella di appena un paio d’anni fa

Arrivano nuovi finanziamenti per Airbnb, il colosso dell’home sharing che ha ribaltato il comparto dell’ospitalità mondiale. Secondo il New York Times l’ammontare non sarebbe chiaro ma la nuova liquidità dovrebbe servire per nuovi investimenti e per crescere ancora nei mercati in cui il network è più debole. Il round in arrivo dovrebbe inoltre far schizzare la valutazione dell’unicorno alla cifra record di 30 miliardi di dollari. Tre volte quella di appena un paio d’anni fa.

Live-There_Tokyo_Elliott_Artist-Loft_20160222_0153_comp

Il secondo unicorno Usa. Il primo è Uber

L’anno scorso Airbnb ha raccolto 1,5 miliardi di dollari da nomi come General Atlantic, Hillhouse Capital e Tiger Global. All’inizio del mese ne ha messo in cascina un altro. Nel complesso, i fondi raccolti ammontano a oltre tre miliardi di dollari. Adesso la nuova iniezione dovrebbe trasformarla nel secondo unicorno degli Stati Uniti, dietro solo a Uber che si muove sui 62,5 miliardi.

airbnb

Oltre le case, verso musei e ristoranti?

Alcune precedenti indiscrezioni di Bloomberg avevano spiegato che la compagnia, fondata da Brian Chesky, Joe Gebbia e Nathan Blecharczyk appena otto anni fa, starebbe valutando di allargarsi alle prenotazioni per altri tipi di servizi turistici. Per farla breve, non solo case e stanze ma anche ristoranti e musei. Ponendosi così in competizione non solo con i tradizionali network di acquisto dei biglietti ma anche con sistemi come The Fork, la piattaforma di prenotazioni di TripAdvisor.

Nel frattempo, continuano su più fronti (San Francisco e New York negli Usa, praticamente ogni capitale in Europa) le battaglie legali e le strettoie che le amministrazioni stanno predisponendo per la piattaforma di affitto.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti