WikiRe chiude un round da 300 mila euro con Digital Magics e altri investitori

Aumento di capitale per la startup (co-founder Pietro Pellizzari) che ha sviluppato WikiCasa.it, portale di annunci immobiliari

WikiRe, startup che ha sviluppato e lanciato WikiCasa.it, portale di annunci inseriti solo dai professionisti dell’immobiliare, ha chiuso un aumento di capitale di 300 mila euro. L’operazione ha coinvolto LigurCapital, società della Regione Liguria per la capitalizzazione della piccola e media impresa e importanti business angel italiani e internazionali: Alessandro Gatti, CEO di F.G. Invest, Fabio Massaro e Massimo Nicastro, proprietario e broker dell’agenzia immobiliare di Miami South Beach Estates. WikiRe è partecipata da importanti aziende del settore immobiliare italiano come Gabetti Property Solutions, azienda del mercato immobiliare, RE/MAX Italia, network immobiliare internazionale presente in Italia dal 1996, da Digital Magics e da Antlia, software house specializzata nel settore dell’information technology per il real estate e per il settore finanziario-assicurativo.

Grazie a questa operazione, WikiRe consoliderà il posizionamento sul mercato di www.wikicasa.it che, con oltre 800.000 visite mensili, è già il primo portale verticale riservato ad annunci immobiliari di soli professionisti abilitati a svolgere la professione di mediazione immobiliare. WikiCasa ha raccolto l’adesione di più di 5.000 agenzie immobiliari italiane.
WikiRe sta già lavorando per stringere nuovi accordi con importanti investitori e sono già in corso diverse trattative per un secondo aumento di capitale.

wikicasa.it

2 milioni di annunci online per chi cerca casa

«Si tratta del primo step di crescita  – ha spiegato Pietro Pellizzari, co-founder di WikiRe e WikiCasa.it – che ci consente di potenziare lo sviluppo tecnologico in un mercato in continua evoluzione. Nel settore immobiliare si è ormai affermato il web come canale principale di raccolta di informazioni e generazione contatti per le transazioni: in Italia più del 75% degli utenti, che cercano un immobile, utilizza il canale online, dove si possono trovare più di 2 milioni di annunci a portata di click. La fiducia accordataci dagli investitori dimostra la qualità del nostro business model e le grandi potenzialità di crescita che il mercato offre. Siamo fiduciosi di chiudere altri aumenti di capitale nei prossimi mesi per poi dare avvio all’attività di crowdfunding rivolta alle agenzie immobiliari italiane».

wikire

Pietro Pellizzari, co-founder di WikiRe

Ha aggiunto Alberto Fioravanti, fondatore e presidente esecutivo di Digital Magics: «Nell’ultimo anno il settore dei portali immobiliari, a livello mondiale, ha registrato più di 10 operazioni tra quotazioni, fusioni e acquisizioni. Sono nati diversi operatori direttamente controllati dagli agenti immobiliari e il modello di WikiCasa.it e di WikiRe va proprio in questa direzione. Con il nostro team di professionisti, partner, esperti di digitale continuiamo a sostenere la startup di Pietro Pellizzari perché rappresenta l’innovazione e il futuro di un mercato tradizionale come quello del real estate».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La call di dpixel per il secondo programma di accelerazione di Barcamper Ventures

Le startup possono applicare fino al 5 giugno. Il percorso inizierà a settembre 2017, si terrà a Bologna e includerà fino a venti progetti innovativi nel campo della tecnologia e del digitale

Videoarte e tecnologie: dal 27 aprile torna il Media Art Festival, con un concorso per le scuole

Il filo rosso di questa edizione è “L’arte che cambia il mondo”, grazie anche ai laboratori creativi per lo sviluppo sostenibile, realizzati con scienziati e maker. Gli studenti saranno coinvolti con scienziati e artisti in progetti sullo sviluppo sostenibile

Tidal Vision, la startup dell’Alaska che trasforma gli scarti dell’oceano in vestiti

Partito nel 2015 su Kickstarter, il progetto di Craig Kasberg si propone di recuperare la pelle di salmone o i gusci dei crostacei per ottenere capi di abbigliamento sostenibili che rispettino l’ambiente e contrastino gli effetti negativi della cosiddetta fast fashion