Mapendo chiude un round da 1,1M. Dentro Barcamper e IAG (con 745 mila euro)

La startup di Lorenzo Viscanti e Marco Marchini ha raccolto 520 mila euro dai 42 soci di IAG, 200 mila euro dal fondo di Gianluca Dettori e altre risorse dai soci di Malpendo che hanno deciso di reinvestire gli utili non distribuiti

Mapendo, startup che analizza l’attività degli utenti sugli smartphone e con le informazioni ricavate ottimizza la pubblicità delle società clienti su questi device, ha chiuso un round di 1,1 milioni di euro. Nel dettaglio, il progetto di Lorenzo Viscanti e Marco Marchini ha raccolto 520 mila euro dai 42 soci di Italian Angels for Growth, il principale network di business angels in Italia. All’operazione hanno partecipato anche altri due investitori, tra cui il fondo Barcamper Ventures, costituito di recente da Primomiglio SGR di Gianluca Dettori, che ha investito 200 mila euro. Contemporaneamente a questa operazione, i soci di Mapendo hanno deciso di reinvestire gli utili non distribuiti, portando il valore complessivo degli investimenti a oltre 1,1 milioni di euro. Mapendo è attiva da 24 mesi, ha un fatturato di oltre 2,5 milioni di euro e opera quasi esclusivamente all’estero con operatori ecommerce inglesi, tedeschi, statunitensi e latino-americani.

 

Mapendo

I founder di Mapendo Lorenzo Viscanti e Marco Marchini

 

Sviluppiamo in Italia, cresciamo all’estero

«Continuiamo a sviluppare tecnologia in Italia – ha dichiarato Lorenzo Viscanti, founder di Mapendo – vogliamo crescere sempre di più all’estero. Grazie a questa operazione diventeremo una azienda globale, il nostro cuore tecnologico crescerà ancora in Italia, a Bologna, allo stesso tempo saremo sempre più presenti all’estero sui mercati nord europei e americani».
Mapendo ha convinto, spiegaa Antonio Leone, presidente di IAG «per il suo approccio pragmatico e scalabile all’ormai maturo settore del mobile advertising. Riteniamo imbattibile la loro proposta per i clienti pubblicitari, orientata alla generazione immediata di ricavi e di lead commerciali. Contiamo di sostenere l’eccellente squadra di Mapendo con tutte le risorse del nostro network».
Nell’operazione Barcamper Ventures, il fondo di Primomiglio Sgr di Gianluca Dettori, ha investito 200 mila euro. «
Conosciamo il fondatore e il team della Bolognese Mapendo dai primi esordi – ha detto proprio Gianluca Dettori – e siamo contenti di essere riusciti a salire a bordo della startup di Lorenzo Viscanti per aiutare la società a scalare il suo business. Vorrei esprimere un ringraziamento al team dpixel e in particolare all’investment manager Lisa Di Sevo per averlo reso possibile».

 

Qual è la miglior serie tv sulle startup? Risponde Upday, l’app per le digital news. | VIDEO

Da “L’isola del tesoro” di Stevenson, alle gradi opportunità che offre Lisbona. L’app per digital news di Axel Springer punta forte sul mobile journalism e sulla qualità del proprio prodotto editoriale

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti