Mapendo chiude un round da 1,1M. Dentro Barcamper e IAG (con 745 mila euro)

La startup di Lorenzo Viscanti e Marco Marchini ha raccolto 520 mila euro dai 42 soci di IAG, 200 mila euro dal fondo di Gianluca Dettori e altre risorse dai soci di Malpendo che hanno deciso di reinvestire gli utili non distribuiti

Mapendo, startup che analizza l’attività degli utenti sugli smartphone e con le informazioni ricavate ottimizza la pubblicità delle società clienti su questi device, ha chiuso un round di 1,1 milioni di euro. Nel dettaglio, il progetto di Lorenzo Viscanti e Marco Marchini ha raccolto 520 mila euro dai 42 soci di Italian Angels for Growth, il principale network di business angels in Italia. All’operazione hanno partecipato anche altri due investitori, tra cui il fondo Barcamper Ventures, costituito di recente da Primomiglio SGR di Gianluca Dettori, che ha investito 200 mila euro. Contemporaneamente a questa operazione, i soci di Mapendo hanno deciso di reinvestire gli utili non distribuiti, portando il valore complessivo degli investimenti a oltre 1,1 milioni di euro. Mapendo è attiva da 24 mesi, ha un fatturato di oltre 2,5 milioni di euro e opera quasi esclusivamente all’estero con operatori ecommerce inglesi, tedeschi, statunitensi e latino-americani.

 

Mapendo

I founder di Mapendo Lorenzo Viscanti e Marco Marchini

 

Sviluppiamo in Italia, cresciamo all’estero

«Continuiamo a sviluppare tecnologia in Italia – ha dichiarato Lorenzo Viscanti, founder di Mapendo – vogliamo crescere sempre di più all’estero. Grazie a questa operazione diventeremo una azienda globale, il nostro cuore tecnologico crescerà ancora in Italia, a Bologna, allo stesso tempo saremo sempre più presenti all’estero sui mercati nord europei e americani».
Mapendo ha convinto, spiegaa Antonio Leone, presidente di IAG «per il suo approccio pragmatico e scalabile all’ormai maturo settore del mobile advertising. Riteniamo imbattibile la loro proposta per i clienti pubblicitari, orientata alla generazione immediata di ricavi e di lead commerciali. Contiamo di sostenere l’eccellente squadra di Mapendo con tutte le risorse del nostro network».
Nell’operazione Barcamper Ventures, il fondo di Primomiglio Sgr di Gianluca Dettori, ha investito 200 mila euro. «
Conosciamo il fondatore e il team della Bolognese Mapendo dai primi esordi – ha detto proprio Gianluca Dettori – e siamo contenti di essere riusciti a salire a bordo della startup di Lorenzo Viscanti per aiutare la società a scalare il suo business. Vorrei esprimere un ringraziamento al team dpixel e in particolare all’investment manager Lisa Di Sevo per averlo reso possibile».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup