Quattro anni in Italia: il paradosso di un potenziale inespresso. Chi è disposto a mettere insieme le forze per fare la differenza?

Carlo Purassanta, Country Manager di Microsoft Italia, traccia un bilancio dei suoi primi quattro anni alla guida dell’azienda in Italia e si prepara a inaugurare il nuovo quartier generale in centro a Milano

Tra poche settimane celebrerò due traguardi importanti. Per prima cosa, all’inizio di febbraio chiuderò il mio quarto anno come Country Manager di Microsoft Italia; due settimane dopo, il 15 febbraio darò il via a una fantastica cerimonia di lancio della nostra nuova sede di Milano. Mi sembra che questo sia un buon momento per riflettere su questi quattro anni e per condividere i miei pensieri sull’impatto che il nostro business ha avuto in questi anni mostrando allo stesso tempo che cosa vogliamo fare per il Paese nei prossimi anni.
Mi ricordo ancora molto bene le reazioni al mio arrivo a Milano nel febbraio 2013. C’era molta curiosità per una persona che tornava nel suo Paese dopo 18 anni di esperienza all’estero: infatti in Italia c’era allora e c’è tuttora un dibattito aperto sulle persone che lasciano il Paese per mancanza di opportunità. Io sono uno di quelli che è andato via e poi è tornato e questo era motivo di molte discussioni: colleghi, partner, giornalisti mi facevano sempre la stessa domanda: perché? Perché sei tornato in Italia? Questo Paese non funziona correttamente, non cresce, non dà opportunità, perché non hai deciso di continuare la tua carriera in luoghi dove ci sono maggiori possibilità?
Ogni volta rimanevo stupito dalla domanda, ma allo stesso tempo ho dovuto interrogarmi sulla questione. Sono tornato proprio perché sapevo che il Paese non era in perfetta salute, l’ho fatto perché sentivo che volevo contribuire a cambiare la situazione partendo da una posizione dalla quale credo potrei fare la differenza. Ho voluto restituire al mio Paese quello che avevo imparato. Credo fermamente che la tecnologia sia una leva potente per la trasformazione di cui abbiamo bisogno, Microsoft è una forza trainante per la trasformazione digitale a livello globale, e con un ecosistema forte possiamo trasformare l’Italia più velocemente che mai. Questa era l’ambizione, ed è proprio quello che stiamo facendo!

Lo stato dell’arte

L’Italia è il Paese industrializzato che ha sofferto di più della crisi finanziaria del 2008, con un PIL che è oggi solo il 76% di quello pre-crisi. Altri Paesi sono stati in grado di recuperare più velocemente dell’Italia nel periodo successivo alla crisi: il PIL attuale della Francia è l’82% di quello che era nel 2008, quello del Giappone è l’85%, quello tedesco l’89%, Regno Unito e Canada sono tornate allo stesso livello, quindi circa al 100 % e negli Stati Uniti il PIL nel 2015 è stato superiore del 22% rispetto al 2008. (Dati WorldBank)
Un altro modo di guardare al problema è la capitalizzazione di Borsa delle società nazionali quotate. Se guardiamo il periodo di tempo tra 2006-2014, i dati della WorldBank dimostrano che, nonostante la crisi maggior, molti Paesi siano riusciti ad accrescere la capitalizzazione di mercato delle loro società nazionali quotate i Borsa, gli Stati Uniti in testa al gruppo con una crescita del 36% in 8 anni.
Solo tre Paesi hanno mostrato problemi: il Giappone ha registrato una diminuzione del 6%, la Francia del 14%, e l’Italia dove il calo è stato semplicemente incredibile: un tappo di mercato totale che corrisponde solo al 57% della situazione di 8 anni prima. Ciò significa che le più grandi aziende in questo Paese valgono oggi quasi la metà del loro valore nel 2006.
Questa situazione macro-economica ha generato negli italiani qualcosa che definirei una “trappola della fiducia”: le persone, gli studenti, i manager, gli imprenditori soffrono di una mancanza di fiducia in quello che il paese può fare. Questo mi ha sorpreso perché l’Italia che conoscevo era un Paese in cui, nonostante tutto, le persone erano estremamente resistenti e ottimiste. Gli ultimi 10 anni hanno minato questo ottimismo, e hanno fatto in modo che si creasse una profezia che si autoavvera di “decadimento nazionale” a cui contribuiscono tutti, compresi i media e le élite politiche.

L’impatto di questa profezia è visibile tanto che abbiamo un significativo “gap di investimenti” in tutti i settori e in tutti i business, e i nostri imprenditori hanno in qualche modo perso la capacità di individuare nuove fonti di crescita. In particolare nel settore della tecnologia l’Italia fino agli anni ‘90 aveva un rapporto tra investimenti IT e PIL coerente con gli altri Paesi sviluppati, dopo ha cominciato a ridurre costantemente gli investimenti e ora sono quasi la metà di quelli degli altri Paesi. Difficile non mettere in relazione questo indicatore con il tappo di mercato totale, e dedurne una mancanza di visione negli ultimi 20 anni in questo Paese su come la trasformazione basata sulla tecnologia sia in grado di creare valore di business. Gli indicatori di ricerca e sviluppo non sono un’eccezione, e mostrano che la spesa globale in Italia non solo è sempre stata bassa, ma è diminuita ancora di più negli ultimi anni.
Il risultato della situazione è che l’Italia sta sperimentando il più elevato tasso di disoccupazione della storia del Paese, in particolare di disoccupazione giovanile (cresciuta ancora fino a un incredibile 40% di questo mese)

Gli stakeholder sono bloccati

L’imprenditorialità, nonostante decenni di successi e fiorente business internazionale in molti settori, purtroppo è in calo: manca l’innovazione di prodotto e servizi, manca l’ambizione internazionale, mancano progetti globali, mancano investimenti sia all’interno del Paese che all’estero.
La Pubblica Amministrazione sta lavorando con competenze, processi e obiettivi che sono esattamente gli stessi di 20 anni fa (o più) e non c’è stato nessun impatto visibile in termini di trasformazione dei servizi per i cittadini.

La frammentazione e l’obsolescenza hanno sterilizzato qualsiasi tipo di possibile innovazione; pertanto, nonostante l’iniziativa individuale e locale (vediamo ancora grandi esempi di innovazione, e leader con la visione e la volontà di trasformare), è estremamente complicato arrivare a un cambiamento visibile per i cittadini.
In 4 anni, ho già visto cambiare 4 governi (Monti, Letta, Renzi, Gentiloni) che hanno provato a fare del loro meglio per indirizzare l’energia e le persone nella giusta direzione. Di sicuro possiamo dire che abbiamo risolto alcuni problemi, ma purtroppo non si può dire che abbiamo creato alcun vantaggio per rendere il Paese competitivo e sostenibile. Il Jobs Act è probabilmente uno dei migliori esempi di progresso verso l’eliminazione di un gap competitivo, ma l’Italia ha bisogno di più di questo. Abbiamo bisogno di creare un percorso per la crescita economica, e questo richiede un salto di qualità sia nella visione e che nella capacità di esecuzione delle nostre élite politiche.
I media non stanno aiutando. Ogni giorno una parte importante di quello che si legge sui giornali, si vede in televisione, si legge nei blog e sui social è critica su ciò che non funziona. Questo tipo di informazione permea di messaggi negativi tutto il Paese.

Come possono le generazioni più giovani avere fiducia nel loro futuro, se tutto ciò che facciamo è puntare il dito su ciò che non funziona? Perché crediamo sempre che gli altri non stiano facendo il loro lavoro? Che dire di noi stessi? Perché non condividere idee su come risolvere i problemi? Perché non parlare di fatti e persone che stanno già creando un impatto positivo grazie al loro comportamento? E’ interessante pensare piuttosto alla percentuale di messaggi positivi che vediamo sui giornali e cercare di promuovere un ambiente in cui i messaggi positivi possano aiutare le persone a superare il gap di fiducia.

Il potenziale inespresso del Paese

Malgrado tutti i dati negativi sono fermamente convinto che in Italia ci sia un potenziale inespresso dal valore enorme.
In primo luogo, alcune delle nostre lacune più significative possono essere considerate come opportunità: dato che il Paese si trova dietro su tanti punti, può concentrarsi su queste lacune e ottenere risultati incredibili. Gli investimenti in R&D, e nella Digital Transformation tra cui IOT e Cloud sono a mio parere le leve sulle quali dobbiamo spingere proprio per l’impatto positivo che potrebbero avere sul PIL. Le soluzioni ci sono e l’ecosistema per trasformare le opportunità in vantaggi reali è pronto. Si tratta di una corsa che dovremmo incominciare il prima possibile.
Se siamo stati in grado di fare business negli ultimi 50 anni attraverso l’imprenditorialità individuale e con la creazione dei distretti industriali, abbiamo bisogno ora di reinventare noi stessi in un sistema incentrato su un’innovazione aperta e collaborativa. Dobbiamo capire che lavorando insieme e collaborando trasversalmente in un ecosistema più grande, diventiamo più forti. Questo modo di lavorare è diventato uno standard in tutto il mondo. Dobbiamo farlo funzionare qui in Italia.
Per spingere in avanti il Paese abbiamo bisogno di trovare modi per sfruttare la nostra risorsa principale: l’intelligenza individuale delle persone. Possiamo ottenere un vantaggio competitivo se:
diamo più potere alle giovani generazioni
– investiamo in educazione e sviluppo delle capacità in tutte le fasi della vita di una persona
– incrementiamo le opportunità per le donne che vogliono fare le imprenditrici e in generale incrementiamo la partecipazione delle donne al lavoro
– Diamo più valore ai messaggi di successo individuale e collettivo, puntando a un approccio positivo e “pedagogico”

Tutto questo indubbiamente implica responsabilità e collaborazione da parte degli imprenditori, pubblica amministrazione, governi e media. Insieme si può progettare e contribuire a plasmare il nostro futuro.

Cosa sta facendo Microsoft e il suo ecosistema

In Microsoft amiamo guardare i fatti e basarci sui numeri, confrontandoci sia all’esterno con il mercato locale, sia internamente con i nostri pari. Ciò che Microsoft Italia ha fatto negli ultimi quattro anni è qualcosa di davvero importante.
– In primo luogo, siamo passati all’interno dell’ecosistema di Microsoft dall’essere un paese con una crescita a una sola cifra all’essere un paese con una crescita a due cifre, con una solida esperienza in termini di prestazioni e di vendita di prodotti strategici
– In secondo luogo lavoriamo con un ecosistema di partner con i quali abbiamo posizionato la barra di eccellenza a un ritmo di crescita annuale del 20%. Inizialmente questo obiettivo è stato percepito come irraggiungibile, alcuni dei nostri 200 “partner” stanno ancora lavorando per raggiungere questo obiettivo, mentre molti stanno crescendo con questo ritmo, i migliori di loro stanno crescendo di oltre il 30%. Questo obiettivo così ambizioso sta creando non solo trazione sul mercato, ma anche un numero significativo di opportunità di posti di lavoro. Abbiamo dovuto sviluppare piattaforme ad hoc e stringere partnership con startup e Business School per aiutare il nostro ecosistema e mettere insieme le competenze per queste opportunità.
– In terzo luogo, siamo attivamente partecipando a portare il “miracolo del Cloud” nel Paese. Il Cloud è un nuovo paradigma grazie al quale qualsiasi organizzazione, grande o piccola, può sfruttare infrastrutture IT, piattaforme e servizi a prezzi incredibilmente convenienti, aiutando a trasformare il business in un business digital-driven. La nostra crescita negli ultimi quattro anni ha raggiunto un CAGR del 96%, il che significa che abbiamo raddoppiato il nostro business ogni anno per quattro anni. Questa prestazione è superiore del 10% rispetto alla media europea, un grande risultato in un paese che di solito è considerato solo un seguace sull’innovazione. I nostri cloud services on Collaboration (Office365), Digital Tranformation (Dynamics365) e piattaforme cloud (Azure) sono in piena espansione nel mercato, e questo significa che il mercato è pronto per l’adozione questo nuovo paradigma di computing. Possiamo essere orgogliosi di questo risultato.

Perché continueremo a investire

Con questi risultati, e incoraggiato dai feedback che riceviamo tutti i giorni dai nostri clienti, partner, startup e studenti di tutto il Paese, crediamo che sia il momento di investire più che mai per portare opportunità technology-driven per la crescita … per tutti!
Il trasloco del nostro quartier generale italiano nel centro di Milano, è un simbolo di questo investimento: vogliamo mostrare in modo visibile il nostro impegno ad essere un motore significativo e di grande impatto per la crescita per il Paese.
Il nuovo edificio, chiamato Microsoft House, sarà una vetrina di quanto un lavoro intelligente possa avere un impatto positivo sulla nostra vita. Sarà una piattaforma per l’innovazione all’interno del nostro ecosistema. Sarà una piattaforma per migliorare l’uso delle risorse digitali nel sistema di istruzione. Diventerà una “agorà” per l’innovazione. Sarà un luogo da cui ogni individuo potrà trarre ispirazione grazie alle opportunità create dalle tecnologie che stanno trasformando la nostra vita: Intelligenza Artificiale, bot, piattaforme basate sui dati, 3D e tecnologia a realtà mista. Si creerà una vera spinta positiva per idee e innovazione.
Naturalmente noi non vogliamo fare questo da soli: vogliamo essere un catalizzatore per tutte le persone e le organizzazioni che credono che unendo le forze si può fare la differenza per la crescita del Paese.

– Se sei uno studente e sei alla ricerca di opportunità di crescita, inizia a usare le Microsoft Virtual Academy (MVA), navigare il portale Skills4You per conoscere le opportunità di lavoro all’interno del nostro Ecosistema, esplorare la possibilità di diventare uno specialista di tecnologia grazie a CTO4Startup e guardare a BizSpark se pensi che l’imprenditorialità digitale possa essere la tua strada.
– Se sei un startupper impara a crescere di più a livello internazionale attraverso growITup, il programma che stiamo portando avanti con Fondazione Cariplo
– Se sei un partner Microsoft o vuoi entrare nella nostra rete di partner puoi sfruttare le risorse per migliorare il tuo business all’interno del nostro Microsoft Partner Network
– Se sei un Microsoft Client puoi visitare il nuovo Microsoft Technology Center a Casa Microsoft a Milano, è la nuova piattaforma per l’innovazione
– Se sei un’organizzazione interessata alla trasformazione digitale puoi navigare tra le nostre Stories Portal dove troverai esempi di altre aziende che hanno sperimentato i vantaggi della tecnologia, dell’innovaizione e della collaborazione.
– Se sei nella Pubblica Amministrazione troverai risorse utili con le storie CityNext
– Se lavori nell’ambito della formazione abbiamo creato una comunità speciale per condividere le esperienze in materia di istruzione digitale e puoi visitare la comunità degli Animatori Digitali
– Se sei un giornalista o influencer puoi trovare le ultime notizie nel nostro Newscenter o seguirci sulla pagina Linkedin di Microsoft Italia

Noi crediamo nel futuro dell’Italia, investiamo per creare opportunità, e siamo partner di tutti coloro che condividono questa visione. Collettivamente possiamo essere una forza di trasformazione che aiuta ad accendere quello che dovrebbe essere un nuovo desiderio nazionale che si auto-avvera per il rinnovo, la crescita e il benessere.

Leggi il post originale in inglese pubblicato sul profilo Linkedin di Carlo Purassanta a questo link

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Questa app sviluppata da Prospeh (H-Farm) ti dice da dove viene il cibo. OriginTrail

Prospeh è una startup di origini slovene ha sviluppato un’applicazione che mostra le informazioni sulla provenienza dei prodotti alimentari. Fa parte della seconda edizione del Food Accelerator, il programma di H-Farm

Il futuro di Internet non è nella fibra. Così Elon Musk ci farà connettere dallo spazio

Mentre Facebook ci prova con i droni, Space X vuole lanciare in orbita più di 4mila satelliti per portare internet ovunque. L’impresa è titanica se si pensa che ad oggi ci sono solo 24 satelliti nello spazio per il GPS e che le aziende che ci hanno provato prima hanno fallito

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure