H-Farm si prende il 4,5% di SMAU

L’acceleratore di Riccardo Donadon ha acquisito una partecipazione pari al 4,5% del capitale di SMAU

H-Farm ha stretto un accordo che stabilisce il suo ingresso nel capitale sociale di SMAU, da più di 50 anni fiera di riferimento per il Paese in tema di innovazione. H-Farm ha acquisito una partecipazione di minoranza pari al 4,5% del capitale di SMAU: l’obiettivo è la crescita della fiera dell’innovazione italiana e la sua affermazione anche nel panorama internazionale. La quota acquisita non determina impatti diretti e significativi nel bilancio di H-Farm«SMAU è una realtà a cui abbiamo sempre guardato con estrema attenzione e con cui collaboriamo da anni – ha dichiarato Riccardo Donadon, fondatore e amministratore delegato di H-Farm – nell’immaginario di tutte le imprese italiane questo salone rappresenta il luogo d’incontro dell’innovazione». Soddisfazione per l’accordo è stata espressa anche da Pierantonio Macola, presidente e amministratore delegato di SMAU. «Negli ultimi anni – ha detto – SMAU ha dedicato sempre più spazio e impegno per stimolare la formazione e l’aggiornamento professionale nelle imprese e pubbliche amministrazioni. Il prossimo passaggio è l’internazionalizzazione: l’Italia deve avere un evento leader non solo a livello nazionale ma anche in ambito internazionale. Per questi motivi – ha aggiunto – H-Farm per noi è oggi più che mai un partner fondamentale per la nostra crescita ed evoluzione, grazie alla sua struttura consolidata e l’esperienza radicata in questi campi».

H-Farm

Ogni anno più di 50 mila imprese protagoniste

SMAU, nelle tappe del suo circuito di eventi, viene visitata ogni anno da oltre 50.000 imprese provenienti da tutti i settori. SMAU ha inoltre recentemente dato vita a Smau Academy, la piattaforma gratuita di formazione e aggiornamento professionale dedicata ad imprenditori, manager e professionisti che vogliono accrescere le proprie competenze e conoscenze sulle tematiche oggi più rilevanti per l’evoluzione delle proprie organizzazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Jobot, il robot da trasporto italiano che sa lavorare in gruppo

Si orienta in ambienti complessi, comunica con gli altri mezzi della flotta e aiuta i lavoratori aumentandone la produttività: ecco le potenzialità del progetto frutto della collaborazione tra Centro Piaggio, Unipi e la startup Eutronica