Festival di Sanremo, il vero successo è sui social. L’analisi di Matteo Flora

E’ stato il Festival con più ascolti degli ultimi 12 anni. Il motivo? E’ riuscito a conquistare anche il popolo di Twitter (dai 17 ai 70 anni)

Il Festival della canzone italiana è risorto e non solo grazie alla presenza di super ospiti o alla co-conduzione di Carlo Conti e Maria De Filippi che ha trainato il pubblico dei giovani. Sanremo piace e, secondo l’analisi di Matteo Flora che vi proponiamo (qui potete scaricare le slide), piace sia ai giovani che agli adulti.

Guardando infatti le metriche si nota che il popolo di twittatori si divide in modo equo tra under 17 e over 35. Un successo in termini di engagement davvero importante che si registra anche per la capacità dei singoli cantanti di costruirsi un pubblico pronto a twittare e condividere per tutta la durata dello spettacolo.
I tweet diventati virali non sono necessariamente legati ai vincitori della kermesse. Su Twitter vincono i cantanti che sono riusciti a crearsi le fandom più rilevanti, primo fra tutti  Michele Bravi che ha condiviso un selfie retwittato oltre 6mila volte! In totale nell’arco della settimana di Sanremo sono stati lanciati quasi 2milioni e 600mila tweet ma la finale non è riuscita ad eguagliare il numero di messaggi della prima serata dove si è registrato un vero e proprio picco in corrispondenza delle 9.

L’analisi in breve

 

Ecco tutti i contenuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

“Impresa in azione”: verso la finale di Milano. Ecco chi ha vinto in Piemonte

Una sfida tra gli studenti delle scuole superiori per la migliore idea di impresa. Il 5 e 6 giugno la finale nazionale al BIZ Factory (presso TAG Milano Calabiana) alla quale parteciperanno le classi che hanno vinto le competizioni regionali.

Produrre grafene liquido a costi contenuti. La chiave del successo di Graphene-XT

La startup nata dall’idea di Simone Ligi produce un materiale ad alta conducibilità elettrica e termica dalle molteplici applicazioni. Dai laboratori dell’università di Bologna ha già lanciato dei brevetti esclusivi che hanno convinto molti investitori a partecipare al crowdfunding sulla piattaforma Mamacrowd