Un fulmine alto 3 piani come tributo a David Bowie: la campagna di crowdfunding dei fan

Il gruppo dietro la campagna è noto come This Ain’t Rock’n’Roll: è alla ricerca di 990 mila sterline per coprire i costi della statua ispirata alla copertina dell’album Aladdin Sane

Un fulmine rosso e blu alto come tre piani, per ricordare l’inventore del glam rock David Bowie. I fan hanno lanciato una campagna su Crowdfunder, per trovare i fondi per la realizzazione della statua commemorativa a Londra. La costruzione è un omaggio all’iconica copertina dell’album del 1973 Aladdin Sane: la foto del cantante a torso nudo, con gli occhi chiusi, i capelli fiammeggianti e il volto diviso in due da una saetta rossa e blu mentre una lacrima gli scivola lungo la clavicola. È una delle immagini più celebri di tutta la sua carriera, con cui probabilmente tutto il mondo lo identifica. Il memoriale dovrebbe nascere di fronte alla  stazione della metropolitana di Brixton, a cinque isolati di distanza da dove è nato Bowie, Stansfield road.

David Bowie Memorial

Obiettivo: 990 mila sterline

La statua dovrebbe accompagnare un famoso murale, situato a pochi passi dalla stazione, su un lato dei grandi magazzini di Morley, sempre ispirato all’album del 1973, ideato nel 2013 dall’artista di strada James Cochran, alias Jimmy C. Da allora è diventato un santuario per i fan di David Bowie di tutto il mondo, soprattutto dopo la sua morte avvenuta nel gennaio dello scorso anno. Il gruppo dietro la campagna è noto come This Ain’t Rock’n’Roll,  stanno lavorando al progetto con il team di Bowie di New York e Londra, e sperano di raccogliere 990 mila sterline per coprire i costi dei materiali e di costruzione entro il 21 marzo.

Il quartiere di Bowie

“Quando David Bowie è morto, il mondo ha perso un talento insostituibile. – si legge nella pagina di Crowdfunder – In una carriera cinquantennale, ha aperto una strada musicale diversa che ha portato gioia, ha cambiato la vita e aperto le menti di milioni di persone. Molti di noi non sarebbero le persone che sono, se non fosse stato per Bowie. Quando il cantante è morto, Brixton ha perso un figlio. Il memoriale sarà la prima cosa che la maggior parte dei visitatori vedranno appena arriveranno a Brixton. Al mattino, il sole splenderà direttamente sulla struttura. Di notte, i frequentatori dei club di Brixton, appassionati di musica,  saranno accolti dal memoriale splendidamente illuminato”. La statua non è il primo tributo a Bowie. Dopo la sua morte era stato onorato con la sua serie di emoji, un balletto, e addirittura con una sua personale costellazione. Una targa commemorativa  è stata messa a Berlino, nella casa dove il cantante ha vissuto tra il 1976 e il 1978, appartamento che ha condiviso con Iggy Pop. Ricordiamo che oltre ad aver rivoluzionato il genere musicale, David Bowie è stato anche un ottimo attore. Talmente bravo da essere diretto da registi del calibro di Martin Scorsese, David Lynch, Christopher Nolan. Ma il ruolo per il quale resterà nella storia è l’iconica figura di Jareth il re dei Goblin, nel film fantastico di Jim Henson, Labyrinth. Figura che ha turbato molti sogni dei bambini cresciuti negli anni 80.

 

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti