Thron chiude un round da 3 milioni. Enrico Noseda (ex Skype) nuovo chairman

Gianfilippo Cuneo guida un pool di investitori che punta a consolidare il processo di internazionalizzazione avviato nel 2015. Alla guida del board arriva Enrico Noseda, ex Head of Global Business Development di Skype

La software company italiana Thron chiude un nuovo round di investimenti da 3 milioni di euro attraverso un aumento di capitale sottoscritto dai soci attuali e da investitori di primo piano. Tra questi Gianfilippo Cuneo attraverso la sua società IPE Investimenti in Private Equity Srl. «Thron è un esempio di startup italiana che è riuscita a superare con successo le fasi iniziali di vita e ad affermarsi anche a livello continentale in un business molto competitivo – ha dichiarato Gianfilippo Cuneo – siamo orgogliosi di esser stati fra i primi a credere nel valore imprenditoriale e professionale dei fondatori e dell’azienda e siamo determinati a continuare il nostro supporto, per raggiungere ulteriori livelli di sviluppo». Oltre a Gianfilippo Cuneo, tra i protagonisti di questo nuovo round di investimenti in Thron, anche Eurofinleading, Girolamo Vimercati Sanseverino e AnimaTerra, la holding dei tre founder. «Questa operazione si inserisce nel nostro percorso di crescita a livello internazionale che sta evidenziando risultati importanti – ha spiegato spiega Nicola Meneghello, CEO & Founder di Thron – brand del calibro di Whirlpool, Carrefour e Lastminute hanno scelto la nostra piattaforma in una competition che ha coinvolto i principali player del mercato a livello globale. Questi risultati, esattamente come la fiducia di importanti investitori come Gianfilippo Cuneo, sono la conferma che Thron è sulla strada giusta per guadagnare una posizione di primo piano anche sul mercato internazionale». Il nuovo round di investimenti si accompagna a un riassetto nel board di ThronEnrico Noseda, ex Head of Global Business Development di Skype, assume il ruolo di Chairman con l’obiettivo di guidare la crescita dell’azienda a livello europeo. Oltre a Enrico Noseda, il board di Thron è composto da: Nicola Meneghello (CEO & Founder), Andrea Rizzi (CFO di Thron), Alberto Mosca (Consigliere) e Girolamo Vimercati Sanseverino (Consigliere).

Thron

Nicola Meneghello (CEO & Founder) e Dario De Agostini (CTO & CoFounder)

Rivoluzionare il modo in cui le aziende comunicheranno

«Sono orgoglioso di prendere parte alla grande sfida lanciata da Thron: creare in Italia un player di eccellenza nel mercato del software enterprise – ha commentato Enrico Noseda – il fatto che aziende come Valentino, Carrefour, RTL 102.5 e Whirlpool, abbiano scelto la nostra piattaforma per la loro strategia omnicanale è segnale inequivocabile della solidità del prodotto. Sono convinto che Thron abbia le carte in regola per rivoluzionare il modo in cui le aziende comunicheranno nel futuro prossimo. Inoltre partecipare allo sviluppo internazionale di una realtà SaaS italiana è un’opportunità preziosa per dimostrare che il nostro Paese può giocare un ruolo di primissimo livello anche in questo mercato». In Skype, a Londra, Noseda si è occupato dello sviluppo globale dei prodotti consumer e della loro valorizzazione a livello economico attraverso un articolato programma di partnership. In precedenza, sempre all’interno della società di Microsoft, Noseda è stato responsabile dello sviluppo del business nell’area EMEA e in precedenza Country Manager per l’Italia.

Blockchain per i rifugiati: ecco come la usa (bene) la Finlandia

Il progetto con la startup locale Moni coinvolge migliaia di persone: una carta-conto e un’identità digitale memorizzate su blockchain pubbliche lavorano per l’inclusione sociale dei migranti

Airbnb vale 6,5 miliardi di euro per i ristoranti, 257 milioni a Roma

Un rapporto della piattaforma su 44 metropoli internazionali indaga l’impatto degli ospiti sulla ristorazione locale: in media spendono fra i 40 e i 100 dollari a serata, spesso nel quartiere dove alloggiano

Centy ed Eggup | Che fanno le 2 nuove startup di Digital Magics

I due nuovi progetti innovativi di Digital Magics. Ronchini: «Ci hanno convinto non solo per l’elevato valore innovativo, ma soprattutto per le risposte concrete che queste due startup hanno dato ai rispettivi mercati»