Y Combinator mette online gratis i corsi per le startup (tra i “prof” il papà di Whatsapp)

Il più grande acceleratore di startup del mondo lancia un suo MOOC: online 10 settimane di corsi gratuiti aperti a tutti

Dieci settimane di corso online offerte dal più importante acceleratore di startup al mondo, Y Combinator. Le lezioni ospiteranno protagonisti del mondo dell’innovazione del calibro di Jan Koum (WhatsApp), Patrick Collison (Stripe), Alex Schultz (Facebook), Steve Huffman (Reddit) e tanti altri.

I corsi sono online e gratuiti  e aperti a tutti (i cosiddetti MOOC) e si potrà partecipare  compilando il form di registrazione sul sito ufficiale.

Si inizia il 5 aprile 2017, ma le iscrizioni sono aperte dal 6 marzo:  «Pensiamo che le barriere all’ingresso del mondo startup siano ancora troppo alte. Vogliamo rendere più facile per tutti la creazione di un’impresa innovativa, indipendentemente da chi è o dove si trova», spiega Sam Altman, presidente dell’acceleratore.

Sam Altman Y Combinator

Va online la Startup School

Con la sua iniziativa Altman porta online uno dei programmi più esclusivi per startupper al mondo: la Startup School, l’evento annuale nel quale imprenditore e studenti ricevono lezioni da alcuni dei più grandi leader dell’industria tecnologia, alcuni dei quali hanno visto i loro business nascere proprio all’interno dell’incubatore. In passato sono stati speaker dell’evento Jack Dorsey (Twitter), Mark Zuckerberg (Facebook) e Phil Libin (Evernote).

«I nostri speaker affronteranno tanti argomenti, da come trovare ide, costruire un prodotto, una cultura in azienda, come raccogliere soldi. Le lezioni verranno poi registrate all’Università di Stanford», spiega Altman.

Tra i “prof” anche Jan Koum

Jan Koum è l’ospite più prestigioso dell’evento che offrirà solo a un numero ristretto di iscritti la possibilità di far parte di un gruppo a ingresso limitato (Startup Founder track) nel quale gli utenti potranno sottoporre la loro idea ad alcuni esperti del settore, come Daniel Kan di Cruise, e ricevere feedback. Non ci sono informazioni su quali saranno i criteri di selezione per farne parte. Oltre a questo, alla fine delle lezioni i partecipanti entreranno a far parte di un canale su Slack, nel quale potranno condividere le loro esperienze. E potranno poi presentare il loro progetto davanti all’intera classe durante il Demo Day.

Il migliore acceleratore del mondo

Fondato nel 2005 Y Combinator ha numeri strepitosiha avviato quasi 1500 startup, aziende che insieme hanno una valutazione di circa 80 miliardi, con exit miliardarie (come DropBox e Airbnb).  In media riceve 13000 proposte all’anno. La selezione è molto dura, solo il 2% di chi ha fatto domanda riesce a entrare nell’acceleratore che investe un importo fisso di 120mila dollari per un 7% di equity. Le startup selezionate entrano in un programma di tutoring e ogni sei mesi vengono inviat ea presentare un pitch davanti a 600 investitori potenziali.

Questo è il secondo MOOC che organizza (il primo nel 2014 sempre a Stanford) e ha già offerto preziose risorse gratuite sulla Rete, come le interviste ad alcuni dei personaggi dell’hitech più celebri, come Zuckerberg, Bill Gates, Peter Thiel ed Elon Musk.

Chi vuole registrarsi per il programma può farlo cliccando qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare anche

Y Combinator accelererà l’associazione che si batte contro il ban di Trump

Non è una startup, ed esiste da 97 anni. E’ l’Aclu, l’organizzazione che sta contrastando l’ordine esecutivo con cui Trump ha “congelato” i visti degli immigrati e rifugiati di 7 paesi islamici. Dopo aver raccolto 24 milioni in pochi giorni, ora l’associazione si allea con la Silicon Valley

Sempre più contactless e i pagamenti innovativi superano i 30 miliardi di euro

Il boom dei pagamenti contactless ne 2016 (+700% sul 2015) ha segnato una crescita positiva di tutti i “New Digital Payment”: il report dell’Osservatorio Mobile Payment&Commerce della School of Management del Politecnico di Milano

Un milione di dollari per migliorare la vita dei rifugiati: 5 progetti studenteschi in finale

Portare internet nei campi, sfruttare il biogas, fornire un sistema di trasporto ecologico, aiutare nell’apprendimento delle lingue e fornire una piattaforma per l’aiuto reciproco: sono le idee dei cinque team finalisti che si confrontano per un assegno da un milione di dollari

I 10 paladini del cibo sostenibile che si battono per un mondo migliore

Il sostegno agli agricoltori e alle comunità locali, le abitudini alimentari corrette, una produzione biologica e non intensiva: sono questi alcuni degli obiettivi delle personalità di questa lista che, con la loro attività quotidiana, vogliono preservare anche l’ambiente