Ecco il disegno della studentessa che ha vinto il Google Doodle contest

Sarah Harrison, studentessa del Connecticut, ha vinto la competizione che premia la miglior rivisitazione del logo di Google: il tema di quest’anno era “cosa vedo per il futuro”

E’ stato il “doodle” più apprezzato, ovvero la miglior rivisitazione del logo di Google, alla competizione che ogni anno il colosso di Mountain View organizza tra gli studenti delle scuole superiori per coinvolgerli in una gara di creatività. Il disegno di Sarah Harrison, proveniente da una high school del Connecticut è risultato vincitore. Il tema di quest’anno era “What I see for the future” ovvero “Cosa vedo per il futuro”. Il disegno della giovane Sarah rappresenta un gruppo di ragazzi appartenenti a religioni diverse che si abbracciano sorridenti in un cerchio che sembra voler comprendere tutti i gruppi che solitamente sono considerati “minoranze” e che vengono emarginati (si vede un ragazzo con la sedia a rotelle e uno che indossa una maglia con una “G” arcobaleno, simbolo della comunità gay). Il Doodle di Sarah è stato messo online su Google il 31 marzo 2017.

Il concorso è stato lanciato a settembre e dopo mesi si è giunti a un vincitore. “Il mio mondo del futuro è un mondo dove tutti possiamo imparare ad amarci l’uno con l’altro, indifferentemente da religione, genere, etnia, orientamento sessuale” ha detto la studentessa descrivendo il suo disegno per il concorso. “Sogno un futuro dove tutti sono sicuri e accettati ovunque vadano e chiunque siano”.

Sarah Harrison riceverà una borsa di studio di 30 mila dollari per frequentare il college, in aggiunta a un tablet Android e alla possibilità di visitare gli headquarter di Google a Mountain View, in California, per incontrare il team Doodle. Anche la sua scuola riceverà un premio: 50 mila dollari da spendere in tecnologie. Oltre al primo premio, Google ha assegnato anche premi per ogni grado scolastico, dalla scuola d’infanzia alla scuola superiore. Ogni finalista riceverà una borsa di studio da 5 mila dollari.

@carlottabalena

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.