FbStart Bootstrap e Apps of the Year, Facebook sceglie Buzzoole

La piattaforma di influencer marketing è stata selezionata per il programma dedicato alle startup che hanno appena lanciato una app mobile, e per il premio nato per riconoscere i meriti delle migliori startup innovative all’interno dei propri programmi

FbStart Bootstrap è il programma di Facebook dedicato alle startup che hanno appena lanciato una app Mobile. FbStart Apps of the Year è la selezione nata per riconoscere i meriti delle migliori startup innovative all’interno dei propri programmi. Protagonista di entrambi i progetti, Buzzoole. La piattaforma di influencer marketing potrà beneficiare di una serie di strumenti e servizi da parte di Facebook e di oltre 30 terze parti coinvolte come partner. Avrà inoltre accesso alla community internazionale delle startup che include aziende come Mixcloud, servizio di streaming musicale, e Streamago, strumento interattivo di live broadcasting. Buzzoole è inoltre in lizza per i 100 mila dollari, parte del premio Apps of the Year, che verranno aggiudicati da un panel di esperti di sviluppo, investitori, founder di startup e, ovviamente, da Facebook.

Buzzoole

Buzzoole, il team

Non vediamo l’ora di iniziare

«Buzzoole è un’azienda che affonda le proprie radici nella tecnologia – ha spiegato Gennaro Varriale, cto di Buzzoole – quindi per noi è fantastico poter beneficiare dei vantaggi offerti dal programma FbStart di Facebook. E d’altronde, con partner del calibro di Dropbox e Adobe, siamo sicuramente in ottima compagnia. FbStart e il premio Apps of the Year sono sicuramente delle grandiose opportunità per noi. Non vediamo l’ora di iniziare».

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

Un metodo per stampare in 3D con la polvere di Marte

L’idea quasi fantascientifica della colonizzazione dello spazio ha ispirato i ricercatori della Northwestern University che hanno pensato a un modo per realizzare strumenti necessari alla vita umana con la fabbricazione digitale sfruttando le risorse del suolo extraterrestre

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.