Il database con i venture che investono di più in startup. Per l’Italia Innogest fa meglio di tutti

La piattaforma olandese DealRoom mette in lista i fondi di venture più attivi in Europa con il più grande database mai realizzato sul tema

Chi sono i 500 venture più attivi in Europa? Lo rivela Dealroom, azienda olandese che fa da tramite tra investitori e imprese innovative. Da anni la piattaforma raccoglie dati sui venture europei e ha costruito il più grande database sul tema. I dati raccolti sono inseriti all’interno di un foglio di lavoro di Google e i venture sono classificati sulla base di alcuni parametri. Conosciamo chi guida la lista e come si posiziona il nostro Paese.

La classifica di DealRoom

La piattaforma precisa che la classifica stilata è solo un lavoro parziale. Quello definitivo sarà pubblicato il 27 aprile. L’uscita in anticipo serve a offrire ai lettori la possibilità di dire la loro e di offrire feedback sui dati raccolti. Il lavoro contiene info su 500 venture capital, anche se la ricerca è stata molto più impegnativa poiché ha coinvolto oltre 6.500 investitori in capitali di rischio che operano in Europa.

I criteri dell’analisi

Sono diversi gli aspetti che sono stati presi in considerazione da DealRoom per stilare la classifica dei venture più attivi in Europa. Vediamo quali sono:

–  Il numero delle startup europee in portfolio (Israele è stata inclusa all’interno dell’Europa

–  Il numero di round realizzati negli ultimi dodici mesi

– Il volume dei round stessi, sempre realizzati nell’arco degli ultimi dodici mesi

–  Il numero di exit realizzato negli anni

– Il numero di exit di un valore superiore ai 100 milioni

– Il numero di aziende nel portfolio con una valutazione superiore ai 500 milioni

– L’efficienza del capitale, qui la piattaforma ha analizzato il rapporto tra le exit e il capitale investito.

I magnifici 5 del venture in Europa

Sulla base di questi parametri DealRoom stila la classifica dei migliori venture del Vecchio Continente. Scopriamo chi sono  i primi cinque e che numeri fanno.

Index Ventures

Fondato nel 1966 da Neil Rimer, il venture con sede principale a San Francisco e in Europa a Ginevra e Londra, ha investito 638 milioni negli ultimi 12 mesi, realizzando un numero totale di exit del valore di 51.5 miliardi di euro. Tra le startup più note in cui ha investito troviamo la King.com dell’italiano Riccardo Zacconi, JustEat, Privalia ed Etsy.

HV Holtzbrinck Ventures

Fondato nel 2000, il venture tedesco ha investito 191 milioni negli ultimi 12 mesi, per un numero totale di exit del valore di 7.6 miliardi. Tra le startup in cui ha investito, Depop dell’italiano Simon Beckerman, Zalando, Groupon e Delivery Hero.

Sequoia Capital

Nel 1972 l’imprenditore Don Valentine crea il fondo di venture di Menlo Park che ha investito nel mondo in società come Apple, PayPal, YouTube, Instagram… Il venture è stato inserito in classifica per i suoi affari in Europa (investe soprattutto in Israele e Regno Unito). Il numero complessivo dei deal negli ultimi 12 mesi ammonta a 2.7 miliardi, mentre il valore delle exit è di 62.8 miliardi. Tra le startup europee in cui ha investito figurano Moovit e Skyscanner.

Accel Partners

Società di venture capital statunitense, fondata da Arthur Patterson e Jim Swartz, ha investito 549 milioni negli ultimi 12 mesi per un numero totale di exit del valore 28 miliardi. In Europa investe soprattutto nel Regno Unito (38 deal), in Israele (10) e in Francia (9). Deliveroo, WorldRemit, Funding Circle, alcune delle startup più note in cui ha investito.

Insight Venture Partners

La società con sede a New York, fondata da Jeff Horing e Jerry Murdoch nel 1995, ha investito 735 milioni negli ultimo 12 mesi per un numero totale di exit del valore di 10,7 miliardi. In Europa è attiva soprattutto in Germania e Regno Unito. Ha messo soldi in Trivago e Delivery Hero.

I migliori venture in Italia secondo DealRoom

Il database contiene una lista dei migliori venture Paese per Paese. Scopriamo come è la situazione in Italia. Il miglior piazzamento dei “nostri” è il 158esimo posto di Innogest Capital, seguito dal P101 (267esimo) e United Ventures (288esimo).

Innogest Capital

Il venture fondato nel 2006 da Claudio Giuliano ha investito 46,4 milioni negli ultimi 12 mesi (secondo i dati in possesso di DealRoom).  Tra le startup in portfolio, Sardex, Prestiamoci, DrexCode, Supermercato 24.

P101

La società fondata da Andrea Di Camillo nel 2013 ha investito 28,9 milioni negli ultimi 12 mesi. MusiXmatch, BorsadelCredito, BeMyEye, sono tra le startup di maggior successo in portfolio.

United Ventures

Il fondo di venture di Massimiliano Magrini ha investito 91,1 milioni negli ultimi 12 mesi. MoneyFarm, BuzzMyVideo, Faceit, alcune delle startup su cui ha puntato in questi anni.

LVenture Group

La holding di partecipazioni quotata sull’MTA di Borsa italiana, ha investito 8,4 milioni negli ultimi 12 mesi. Nel portfolio, Moovenda, Soundreef, Atooma.

Italian Angels for Growth

Tra i più grandi network di business angels italiani (composto da 129 soci), il gruppo ha investito 4 milioni negli ultimi 12 mesi. Qurami,Tok.tv e Musement, tra le startup in portfolio di maggior successo.

I top venture Paese per Paese

DealRoom analizza poi i 5 migliori venture Paese per Paese. Scopriamo quali sono.

Francia

Oleg Tscheltzoff

IDInvest Partners

360 Capital Partners

Partech Ventures

Xavier Niel

Regno Unito

Index Ventures

Accel Partners

Balderton Capital

Atomico

DN Capital

Germania

HV Holtzbrinck Ventures

Rocket Internet SE

High-Tech Gründerfonds (HTGF)

Wellington Partners

Acton Capital Partners

Spagna

Nauta Capital

Ysios Capital

Caixa Capital Risc

Cabiedes & Partners

Axon Partners Group

Appuntamento il 27 aprile per il database definitivo

Alla fine del mese DealRoom rilascerà il database definitivo che avrà all’interno una serie di filtri. Lo startupper potrà cercare il venture che più si adatta alle sue caratteristiche secondo la location, il seed e il Paese in cui il fondo è più attivo.

Anche i ragazzi dell’Apple Academy dentro il dream team di Giffoni

Grazie a un’intesa siglata dall’università Federico II e il Giffoni Innovation Hub, gli allievi del polo di San Giovanni a Teduccio potranno integrarsi nel gruppo di innovazione che sviluppa idee imprenditoriali creative connesse al festival del cinema per ragazzi

Noi cuciniamo, tu fai lo chef. Ecco i meal kit di Amazon

Un’indiscrezione di TechCrunch racconta di una serie di marchi e slogan registrati a tema cibo, fra cui quelli relativi a un servizio di consegna a domicilio di kit con ingredienti pronti per “costruire” un pasto. E non solo

Dalle borse alla tecnologia. Il marchio Louis Vuitton arriva anche sullo smartwatch

Realizzato in collaborazione con Google e Qualcomm Technology, il Tambour Horizon di Vuitton si differenzia dagli altri per lo stile e la personalizzazione, con una varietà di 30 cinturini sia per uomini che per donne. Può arrivare a costare 2.900 dollari