Le Camere di commercio lanciano un bando per far crescere le startup italiane all’estero

Le domande di partecipazione dovranno pervenire entro e non oltre il 26 febbraio 2016

Nell’ambito delle misure messe in atto dal Governo per la promozione dell’autoimprenditorialità innovativa, anche attraverso il sostegno alle startup, nasce il progetto pilota InnovAzione – Assistenza allo Sviluppo Internazionale di start-up innovative, realizzato da Assocamerestero e dalle Camere di Commercio italiane all’estero in collaborazione con ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane e con il supporto finanziario del Ministero dello Sviluppo Economico.

In relazione a tale progetto Assocamerestero ha pubblicato un bando rivolto a tutti gli acceleratori di startup, che possono partecipare candidando le startup, che stiano partecipando o abbiamo partecipato al loro programma e che ritengono maggiormente in linea con gli obiettivi del progetto. Fra tutte le candidature pervenute saranno selezionate 20 startup da inserire in un percorso di collegamento e apertura al mercato estero.

business plan sardegna

Le domande di partecipazione dovranno pervenire, pena l’esclusione, entro e non oltre le ore 16:00 del giorno 26 febbraio 2016 e andranno inviata tramite raccomandata del servizio delle Poste Italiane S.p.A., ovvero mediante agenzia di recapito autorizzata indirizzata a: Assocamerestero – Associazione delle Camere di Commercio Italiane all’Estero, Via Sardegna, 17 – 00187 Roma. Sulla busta andrà indicata la dicitura “Progetto InnovAzione”.

Eventuali quesiti relativi al bando e alle modalità di presentazione della domanda di partecipazione, potranno essere inviati esclusivamente al seguente indirizzo di posta elettronica: startup@assocamerestero.it entro e non oltre le ore 12 del giorno 8 febbraio 2016.
Le risposte ai quesiti saranno pubblicate sul sito di Assocamerestero entro le ore 12 del giorno 11 febbraio 2016.

Qui per maggiori informazioni sul bando.

Da ottobre a Milano il primo bike sharing senza stazioni. Mobike

Inquadri il Qr con lo smartphone, sblocchi la bici e la parcheggi dove ti è più comodo. Poi paghi tramite l’applicazione. Funziona così il primo servizio di condivisione delle bici a flusso libero che permette agli utenti di arrivare vicini alla propria destinazione con le due ruote