LVenture Group: Assemblea Straordinaria azionisti approva proposta di aumento capitale (4.9M)

I proventi derivanti dall’Aumento di Capitale saranno destinati al perseguimento degli Obiettivi Strategici delineati nel Piano Industriale 2016-2019

L’Assemblea Straordinaria degli azionisti di LVenture Group, holding di partecipazioni quotata sul MTA di Borsa Italiana che investe in startup digitali, ha approvato in data odierna la proposta di aumento del capitale sociale a pagamento, per un importo massimo di 4.990.000,00 euro, comprensivo dell’eventuale sovrapprezzo, da eseguirsi in via scindibile entro e non oltre il 31 dicembre 2016, mediante emissione di azioni ordinarie prive del valore nominale, in regime di dematerializzazione, aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione e godimento regolare, da offrire in opzione agli Azionisti della Società ai sensi dell’art. 2441, primo comma, codice civile.

I proventi derivanti dall’Aumento di Capitale saranno destinati al perseguimento degli Obiettivi Strategici delineati nel Piano Industriale 2016-2019, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29 dicembre 2015:

Investire nelle più promettenti startup digitali, selezionate tra quelle partecipanti al Programma di Accelerazione LUISS ENLABS o ricercate sul mercato, e supportarle nella fase di crescita e sviluppo al fine di massimizzare i valori di exit;

Promuovere lo sviluppo di una rete internazionale, mediante joint venture con altri acceleratori per agevolare l’ingresso delle startup sui mercati esteri;

Ampliare l’ecosistema per massimizzare il supporto alle startup ed in particolare incrementare gli spazi per permettere ad un sempre maggior numero di startup di usufruire dei benefici derivanti dall’operare all’interno dell’acceleratore;

Incrementare le linee di business del Gruppo mediante l’organizzazione di programmi di “Open Innovation” verso le corporate, di attività di formazione ed eventi, al fine di stabilizzare e diversificare i ricavi ordinari;

Dividend Pay Out del 50% degli utili che si prevede verranno maturati a partire dall’esercizio 2018.

LVenture Group

Il socio di maggioranza LV.EN. Holding S.r.l., titolare di n. 7.088.998 azioni, pari al 40,03% del capitale sociale, ha comunicato il proprio impegno vincolante alla sottoscrizione della quota dell’Aumento di Capitale ad esso spettante, per un importo non inferiore a 900.000,00 euro, di cui 700.000,00 euro saranno versati alla Società in conto futuro aumento di capitale entro il primo trimestre dell’esercizio 2016.

Qualora entro il 31 dicembre 2016 l’Aumento di Capitale non risultasse interamente sottoscritto, il capitale sociale si intenderà aumentato per un importo pari alle sottoscrizioni raccolte a tale data, conformemente a quanto previsto dall’art. 2439, secondo comma, c.c..

La proposta di Aumento di Capitale prevede l’emissione di azioni per un controvalore massimo pari a 4.990.000,00 euro. Pertanto, l’Emittente, ai sensi dell’art. 34-ter, lett. c) del Regolamento Emittenti, è esente dall’obbligo di pubblicazione di un prospetto informativo d’offerta ai sensi della normativa TUF. Tuttavia, si assume che l’Aumento di Capitale possa ragionevolmente dar luogo all’emissione di azioni in misura superiore al 10% del numero di azioni dell’Emittente della stessa classe già ammesse alla negoziazione e, pertanto, si ritiene che l’Emittente non sia esente dall’obbligo di pubblicare il Prospetto di quotazione ai sensi dell’art. 57 del Regolamento Emittenti.

Si precisa che le azioni rivenienti dall’Aumento di Capitale, e oggetto di ammissione a negoziazione, saranno azioni ordinarie LVenture Group, prive di valore nominale, e avranno godimento regolare e le medesime caratteristiche delle azioni ordinarie già in circolazione alla data della loro emissione.

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli