immagine-preview

Lug 12, 2018

È online la call per accedere a SPARKme, l’acceleratore dedicato alla Space Economy

Venti le imprese che avranno accesso ai servizi dell'acceleratore, con sede a Matera, promosso dall'azienda Openet Technologies e da Agenzia Spaziale Italiana

Dopo la presentazione avvenuta ad aprile, SPARKme, l’acceleratore per i progetti basati sull’applicazione delle tecnologie satellitari e spaziali, lancia la call per raccogliere le candidature di 20 team che potranno avere accesso agli spazi e ai servizi offerti. SPARKme ha sede a Matera, è promosso dall’azienda Openet Technologies e co-finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), per un budget complessivo di quasi 2 milioni di euro (45% finanziato da ASI e 55% da Openet).

 

La call, ufficializzata in anteprima nazionale a Roma, negli spazi del Mercato centrale, è aperta a innovatori, aziende già costituite, startup e prevede la compilazione online, sul sito SPARKme, di un form. Oltre ai dati anagrafici, va inserita una breve descrizione del progetto proposto, anche attraverso l’upload di un video-pitch, e selezionata, tra le opzioni disponibili, la finalità: sviluppare ed utilizzare una nuova tecnologia per un nuovo prodotto/servizio o per un nuovo processo produttivo; sviluppare un nuovo prodotto/servizio o processo produttivo attraverso una nuova applicazione di una tecnologia già esistente; riprogettare e/o migliorare un prodotto esistente e/o produrre un prodotto di generazione successiva; riprogettare e adattare un prodotto esistente ad una nuova applicazione; applicare e/o utilizzare una nuova materia prima o fonte di energia.

Presentazione della call SPARKme a Roma

L’acceleratore SPARKme, pur essendo focalizzato sulla space economy, è aperto a tutti i settori che, come sottolineato da Filomena Cuccarese, managing director di Openet, considerano le tecnologie spaziali come key factor per lo sviluppo del progetto da accelerare. “Ci aspettiamo – ha detto la Cuccarese – candidature provenienti dal mondo dell’agricoltura, energia e ambiente, osservazione della terra e, perché no, dall’industria culturale e creativa, anche in vista del 2019, anno in cui Matera sarà Capitale europea della cultura”. “Il ruolo dell’Asi – ha commentato Alberto Tuozzi, responsabile dell’Unità di telecomunicazioni e navigazione dell’Agenzia Spaziale Italiana, durante l’evento di lancio della call – è quello di facilitare l’innovazione, specie quella basata sulle infrastrutture aerospaziali, in grado di generare applicazioni, basate sulla navigazione satellitare, le telecomunicazioni, l’osservazione della terra, che possono integrarsi con l’intelligenza artificiale e l’Internet of things. 

"È un'innovazione sostenibile anche per le micro e piccole imprese che, grazie a SPARKme, potranno essere formate e seguite in tutte le fasi di sviluppo del progetto".

L’acceleratore offre gratuitamente, infatti, una serie di servizi e strumenti, per un valore complessivo di 30 mila euro a progetto. Spazi e laboratori modulari, possibilità di effettuare riprese e collegamenti satellitari, connessione a fibra simmetrica, satellitare e 5G (Matera è, assieme a Bari, oggetto della sperimentazione del 5G). Ma anche consulenza specialistica, sessioni formative in collaborazione con E4Impact, la business school dell’Università Cattolica di Milano, e supporto nella ricerca di fondi privati o pubblici, grazie al solido network formato da Asi, Esa, Cnr, Università degli Studi della Basilicata e di Bari.

Le candidature saranno valutate da un Comitato tecnico interno, formato da esperti di settore, che si riunirà con cadenza mensile. Le variabili oggetto della valutazione sono principalmente tre: componente tecnologica, competenze del team ovvero adeguatezza rispetto al progetto proposto, prospettive di mercato. L’esito sarà reso pubblico sul sito www.sparkme.space

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter