bandi

Nasce un programa di accelerazione in svizzera per startup italiane, qui la call

Kickstart avrà la durata di 3 mesi (1 luglio/30 settembre 2016) e offre alle startup un finanziamento di 25.000 franchi svizzeri (circa 22.500 euro). Iscrizioni entro il 31 marzo

Kickstart è un ambizioso programma di accelerazione a Zurigo, Svizzera, che prenderà il via il primo luglio 2016.

Kickstart è aperto alle startup al primo stadio con un’idea di business nelle seguenti 4 categorie che rappresentano importanti aree di innovazione della Svizzera: Food, Fintech, Smart & Connected Machines e Future & Emerging Technologies.

kickstart-accelerator-1068x534

Le startup ammesse riceveranno 25mila franchi svizzeri (circa 22.500 euro) in seed capital. Cui si aggiungeranno altri 1500 franchi al mese per ogni fondatore. La novità, rispetto ad altri acceleratori, sta in una formula partecipativa. Ogni startup ammessa dovrà mettere in comune il 2% del proprio capitale. Una forma di mutua partecipazione che consentirà a tutte le imprese partecipanti e ai mentor di guadagnare (anche) in caso di successo altrui. Quel 2% è l’unico pezzo di equity che le startup dovranno cedere.

Il programma estivo di 3 mesi (1 luglio/30 settembre 2016) offre anche un ufficio, whorkshop, tutoring e l’accesso a esperti del settore.

Kickstart è supportato da diverse imprese svizzere come la la Kick Foundation e la DigitalZurich2025.

Le iscrizioni sono aperte fino al 31 marzo 2016

Sempre più contactless e i pagamenti innovativi superano i 30 miliardi di euro

Il boom dei pagamenti contactless ne 2016 (+700% sul 2015) ha segnato una crescita positiva di tutti i “New Digital Payment”: il report dell’Osservatorio Mobile Payment&Commerce della School of Management del Politecnico di Milano

Un milione di dollari per migliorare la vita dei rifugiati: 5 progetti studenteschi in finale

Portare internet nei campi, sfruttare il biogas, fornire un sistema di trasporto ecologico, aiutare nell’apprendimento delle lingue e fornire una piattaforma per l’aiuto reciproco: sono le idee dei cinque team finalisti che si confrontano per un assegno da un milione di dollari

I 10 paladini del cibo sostenibile che si battono per un mondo migliore

Il sostegno agli agricoltori e alle comunità locali, le abitudini alimentari corrette, una produzione biologica e non intensiva: sono questi alcuni degli obiettivi delle personalità di questa lista che, con la loro attività quotidiana, vogliono preservare anche l’ambiente