I tessuti fatti di agrumi di Orange Fiber vincono il Global Change Award di H&M

Orange Fiber ha ottenuto il quarto posto, aggiudicandosi un premio di 150.000 euro e un anno di accelerazione offerto dalla H&M Conscious Foundation

Orange Fiber – startup che sviluppa tessuti e filati sostenibili e innovativi dagli agrumi – è uno dei 5 progetti vincitori della Global Change Award 2015, l’iniziativa lanciata dall’organizzazione no-profit H&M Conscious Foundation nel 2015 con l’obiettivo di ricercare idee innovative capaci di chiudere il cerchio nell’industria della moda per salvaguardare il nostro pianeta.

OrangeFiber

Dopo essere stata selezionata da una giuria di esperti fra più di 2.700 progetti provenienti da 112 Paesi diversi, Orange Fiber si è contesa la finale al City Hall di Stoccolma con altri 4 progetti e, grazie al voto online, ha ottenuto il quarto posto, aggiudicandosi un premio in denaro di 150.000 euro (su un grant totale di 1 milione) e un anno di accelerazione offerto dalla H&M Conscious Foundation in collaborazione con il KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma e Accenture per svilippare il progetto.

«La vittoria al Global Change Award rappresenta un’opportunità unica per testare, migliorare e scalare la nostra idea di business, aiutandoci a sviluppare ulteriormente il nostro processo sul modello dell’economia circolare».

Orange Fiber_Global Change Award

Orange Fiber è una startup fondata da Adriana Santanocito e Enrica Arena che sviluppa tessuti e filati sostenibili e innovativi per la moda, partendo dai sottoprodotti agrumicoli.

Ogni anno in Italia l’industria di trasformazione degli agrumi produce oltre 1 milione di tonnellate di prodotto derivato da smaltire. L’obiettivo di Orange Fiber è di trasformarlo in un manufatto che risponda al bisogno dei fashion brand di utilizzare tessuti sostenibili e innovativi di alta qualità.

A settembre 2014 è stato presentato il primo prototipo di tessuto derivato dagli agrumi, frutto di un processo di ricerca iniziato con il Politecnico di Milano e consolidatosi con il deposito di domanda di brevetto italiana nel 2013 e PCT nel 2014.

Nel febbraio 2014 viene fondata la Orange Fiber s.r.l. con sede a Catania e a Rovereto e nel dicembre 2015 viene inaugurato il primo impianto pilota – con sede a Caltagirone – per la trasformazione del pastazzo di agrumi in cellulosa atta alla filatura.

Orange Fiber è un progetto finanziato dal bando FESR 1/2013 – Seed Money, Trentino Sviluppo e Smart&Start, Invitalia. I prossimi passi sono l’ottimizzazione del processo di produzione industriale e l’ingresso sul mercato in co-branding con un brand di moda che sposi i valori di sostenibilità e innovazione alla base dell’azienda.

Orange Fiber1

Il Global Change Award è un’iniziativa globale lanciata dalla H&M Conscious Foundation ad agosto 2015 con l’obiettivo di selezionare e supportare le idee più innovative capaci di chiudere il cerchio nel settore della moda e salvaguardare così le risorse naturali del pianeta.

Il Global Change Award affronta una delle più grandi sfide cui l’industria della moda è chiamata a rispondere: creare moda per una popolazione in costante aumento, riducendone l’impatto ambientale.

Storie di ex calciatori che oggi fanno startup. Bonetti, Ponzo e gli altri

Ivano Bonetti, ex centrocampista bianconero, smessi i panni di calciatore (e poi di manager) ha lanciato Mobisafe, startup che si occupa di tecnologia applicata alla salute. Ma non è il solo.

I tassi di interesse negativi delle banche, spiegati

Che senso ha mettere soldi in banca con la certezza che varranno di meno? Figuriamoci se è la Bce a chiedere alle banche di farlo. Coi loro soldi. Eppure un senso ce l’hanno, questi tassi d’interesse a margine negativo. Vi spieghiamo perché

Gioia e cibo a cielo e (cuore) aperto. Vi racconto il mio Salone del Gusto

È la prima edizione che si svolge a cielo aperto e senza biglietto d’ingresso. In tutta Torino. Con sapori, sorrisi ed eccellenze enogastronomiche da tutto il mondo. Ma soprattutto è la possibilità di scacciare via la paura e capire quanto è bello, insieme, voler bene alla Terra.

Toronto, la città multiculturale che consuma poco e innova tanto

Sistemi per il controllo dei consumi nelle case, produzione di energia dal gas ricavato dai rifiuti, stampa in 3D alla portata di tutti: la capitale economica del Canada entra così a pieno titolo tra le smart city più importanti del mondo