5 capacità per trovare lavoro nei prossimi 10 anni (e che nessun robot potrà rubarci)

Robot e computer ruberanno 5 milioni di posti di lavoro da qui al 2020 (secondo i il report del World Economic Forum). Ma non dobbiamo rassegnarci.

Robot e computer ruberanno 5 milioni di posti di lavoro da qui al 2020 (secondo i il report del World Economic Forum). Ma non dobbiamo rassegnarci. Esistono ambiti che cresceranno in futuro tanto da assorbire una parte considerevole della forza lavoro secondo FastCompany. La rivista di business americana individua cinque aree di competenze necessarie per chi cerca un lavoro più stabile da qui al 2025.

1. Impara a leggere i dati

Con “computational thinking” si intende la capacità di gestire la quantità di dati che viene processata ogni giorno e provare a darle una logica: «Chi ha questa competenza sa analizzare i dati, sistemarli, senza farsi travolgere» scrive FastCompany.

Lavori associati. La richiesta di professioni legate al software devolpment crescerà del 18,8%, mentre figure come i computer system analyst (che tra i loro compiti analizzano dati e offrono chiavi di lettura) del 20,9%. Buone notizie anche per gli analisti di mercato (market research analyst) e le nuove professioni legate all’ambito del marketing che conosceranno un incremento del 18,6%.

data analyst

2. Formati nella Healthcare

Le persone vivono più lungo e ogni business nel campo della salute è destinato a crescere e a creare più occupazione. Nuove cure mediche (come la telemedicina, la chirurgia robotica). Ma anche il consolidamento di mestieri più tradizionali.

Lavori associati. Tecnici sanitari, fisioterapisti, esperti di ergonomia (che studiano come migliorare la salute del lavoratore in azienda) avranno molto spazio in futuro. Insieme a professioni amministrative nel campo medico. L’incremento maggiore (38,1%) si registra nell’ambito dei servizi di assistenza medica a domicilio.

healthcare

3. L’empatia è meglio di una laurea, a volte

I robot possono superarci in tutto, ma non nella capacità di intrattenere relazioni umane. Il futuro avrà sempre più bisogno di persone empatiche, buoni comunicatori in grado di dialogare su diverse piattaforme, anche in un’ottica di incremento del lavoro a distanza.

Lavori associati. Retail, vendite, marketing, professioni nel customer service, tutte queste categorie sono destinate a crescere tra il 6,4% e il 18,6% da oggi fino al 2025.

communication

4. L’insegnamento, professione del futuro

In un mondo che cambia così velocemente, la società ha sempre più bisogno di persone che sappiano imparare nuove cose e trasmetterle. Chi ama insegnare potrà trovare così nuovi spazi a patto che sappia usare le nuove tecnologie nella didattica e non smetta mai di informarsi sulle ultime novità.

Lavori associati. Insegnanti, tutor, trainer, coach, sono i settori legati all’education, sempre più richiesti nel futuro.

teaching

5. Adattabilità e competenze nel campo del business

Il mondo del lavoro è cambiato già da tempo. Lavori temporanei, sempre più frazionati (la cosiddetta gig economy, l’economia dei lavoretti) si stanno diffondendo sempre di più nel mondo. In una situazione così riesce chi non si limita a svolgere il suo ruolo, ma si interessa a tutta la filiera e sa sviluppare una visione a 360 gradi del business.

Lavori associati. Consulenti aziendali, contabili e revisori sono figure destinate a crescere in doppia cifra fino al 2024.

business-people-working-together

Ocean Cleanup ripulirà il Pacifico dalla plastica a partire dal 2018

La startup di Boyan Slat ha implementato una barriera galleggiane in grado di concentrare tutto l’inquinamento plastico e permetterne il recupero. Il sistema sarà impiegato nel Great Pacific Garbage Patch, uno dei più consistenti accumuli di immondizia marina al mondo

Impact Hub Milano cerca 5 startup a impatto sociale. IHM Acceleration

Fino al 25 giugno l’incubatore milanese concentrato sull’impact investing seleziona i cinque migliori progetti d’impresa nel campo dell’impatto sociale e ambientale e beneficiare di risorse in denaro e servizi in cambio di equity