Anche Raffaella Carrà apre a SoundReef: «Bene libero mercato, mi informerò»

Anche Raffaella Carrà dà il suo endorsement a Soundreef e dice di pensarci mentre la scorsa settimana Fedez ci è passato sul serio scegliendo la startup romana al posto della Siae

Anche Raffaella Carrà dà il suo endorsement a Soundreef e dice di pensarci mentre la scorsa settimana Fedez ci è passato sul serio scegliendo la startup romana al posto della Siae. “Voglio informarmi bene su SoundReef ma la concorrenza fa benissimo, ti dà la carica e ti fa muovere. Il cambiamento è importante”. Lo ha dichiarato Raffaella Carrà alla conferenza stampa di presentazione dei live di ‘The voice of Italy’, in onda da domani sera in prima serata su Rai2. Sono stati selezionate 4 voci per ogni coach (Raffaella Carrà, Emis Killa, Max Pezzali e Dolcenera), per un totale di 16 finalisti.

Raffaella-Carrà-a-The-Voice

Raffaella ha poi parlato del programma: “Chi esce da ‘The Voice’ ha possibilità enormi. Il nostro compito è essere coach e non giudici, noi facciamo delle scelte ma chi giudica è il pubblico. La musica non è la priorità nella mia carriera, non posso promettere loro di far parte nel mio prossimo album, ma cercherò di spingere perché questi ragazzi siano presentati in tv. Il mio sogno è che il vincitore andasse a Sanremo, anche se non sarà della mia squadra”.

Ti potrebbe interessare anche

D’Atri (Soundreef): «Perché la nostra battaglia sui diritti d’autore riguarda tutto l’ecosistema»

Intervista a Davide D’Atri, Ceo di Soundreef, che in questi giorni col supporto di centinaia tra startup e stakeholder chiedono al Governo di ripensare la legge sui diritti d’autore. I motivi

Fedez molla la SIAE e passa a Soundreef: «Meglio loro, mi piace la trasparenza. E le startup»

Il rapper Fedez ha annunciato di voler lasciare la SIAE per la gestione dei diritti delle sue canzoni e di affidarsi alla startup Soundreef. D’Atri: «Scelta coraggiosa e di innovazione»

Il presidente della SIAE definisce «speculatori finanziari» i 300 che hanno scritto a Renzi sui diritti d’autore

Filippo Sugar presidente della SIAE replica all’inziativa di Soundreef e di molti stakholder dell’ecosistema delle startup. E chiude dicendo che «La direttiva sarà applicata, ma l’Italia può scegliere tra concorrenza o esclusiva»

Di cosa parla la direttiva europea sui diritti d’autore che l’Italia non vuole recepire

Una direttiva europea del 26 febbraio 2014 ha chiesto all’Italia di adeguare la legge sul diritto d’autore del 194. Ma in Italia non si vuole recepire in toto, di fatto favorendo la SIAE

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti