Fedez molla la SIAE e passa a Soundreef: «Meglio loro, mi piace la trasparenza. E le startup»

Il rapper Fedez ha annunciato di voler lasciare la SIAE per la gestione dei diritti delle sue canzoni e di affidarsi alla startup Soundreef. D’Atri: «Scelta coraggiosa e di innovazione»

Il rapper e produttore discografico Fedez lascia SIAE (Società Italiana Autori Editori) e si affida a Soundreef per la raccolta dei suoi diritti d’autore. L’accordo è stato firmato a Milano tra lo stesso cantante e l’amministratore delegato di Soundreef, Davide D’Atri. Fedez, che è in testa alla classifica 2015 dei concerti con più biglietti venduti, ha incaricato di riscuotere i suoi proventi musicali Soundreef. Soundreef in queste settimane sta portando avanti una battaglia per far recepire all’Italia la direttiva europea che di fatto liberalizzerebbe il mercato dei diritti d’autore. Abbiamo raccontato la vicenda qui in un’intervista a Davide D’Atri

Sundreef Fedez

Fedez: «Scelgo Soundreef, mi piacciono le startup»

“Ho scoperto Soundreef – racconta Fedez – perché sono appassionato di startup e in più si occupa di un contenuto che mi riguarda direttamente. Ho scelto di affidarmi a loro per la raccolta dei miei diritti d’autore perché voglio sostenere chi fa della trasparenza e della meritocrazia un valore fondante”.

«Perché la nostra battaglia sui diritti d’autore riguarda tutto l’ecosistema delle startup»

“Quella di Federico – commenta Davide D’Atri, fondatore e amministratore delegato di Soundreef – è una scelta coraggiosa ma anche di innovazione, dettata dalla voglia di cambiare il sistema che garantisce i più forti. La rivoluzione digitale non poteva che travolgere i monopoli che ancora resistono nel nostro Paese. Assisteremo presto a un effetto domino”.

@arcamasilum

Ti potrebbe interessare anche

D’Atri (Soundreef): «Perché la nostra battaglia sui diritti d’autore riguarda tutto l’ecosistema»

Intervista a Davide D’Atri, Ceo di Soundreef, che in questi giorni col supporto di centinaia tra startup e stakeholder chiedono al Governo di ripensare la legge sui diritti d’autore. I motivi

Di cosa parla la direttiva europea sui diritti d’autore che l’Italia non vuole recepire

Una direttiva europea del 26 febbraio 2014 ha chiesto all’Italia di adeguare la legge sul diritto d’autore del 194. Ma in Italia non si vuole recepire in toto, di fatto favorendo la SIAE

Il presidente della SIAE definisce «speculatori finanziari» i 300 che hanno scritto a Renzi sui diritti d’autore

Filippo Sugar presidente della SIAE replica all’inziativa di Soundreef e di molti stakholder dell’ecosistema delle startup. E chiude dicendo che «La direttiva sarà applicata, ma l’Italia può scegliere tra concorrenza o esclusiva»

Lettera aperta di 349 innovatori: «Caro Renzi, ecco perché sui diritti d’autore il Governo sbaglia»

Ci sono acceleratori di startup, investitori. Da Luiss Enlabs a Italian Angels. Un pezzo di ecosistema italiano ha scritto al premier Renzi chiedendo di approvare in toto la direttiva europea sul diritto d’autore

Magnocavallo (Tannico): La Digital Transformation? Marcia in più per il settore vitivinicolo

Con il ceo della startup parliamo di Gli Impatti della Digital Transformation sul settore Agrifood, il report di Cisco Italia e Dti. «Chi fa investimenti importanti sulle tecnologie produttive spesso riesce ad avere prodotti con qualità uniforme e di alto livello»

A Dubai entra in servizio Reem, il primo poliziotto robot

Frutto della collaborazione tra il dipartimento di polizia della città degli Emirati Arabi, Google e IBM, il moderno Robocop potrà interagire con i cittadini grazie all’intelligenza artificiale e sarà sempre in connessione con i colleghi umani per segnalare situazioni sospette