Fedez molla la SIAE e passa a Soundreef: «Meglio loro, mi piace la trasparenza. E le startup»

Il rapper Fedez ha annunciato di voler lasciare la SIAE per la gestione dei diritti delle sue canzoni e di affidarsi alla startup Soundreef. D’Atri: «Scelta coraggiosa e di innovazione»

Il rapper e produttore discografico Fedez lascia SIAE (Società Italiana Autori Editori) e si affida a Soundreef per la raccolta dei suoi diritti d’autore. L’accordo è stato firmato a Milano tra lo stesso cantante e l’amministratore delegato di Soundreef, Davide D’Atri. Fedez, che è in testa alla classifica 2015 dei concerti con più biglietti venduti, ha incaricato di riscuotere i suoi proventi musicali Soundreef. Soundreef in queste settimane sta portando avanti una battaglia per far recepire all’Italia la direttiva europea che di fatto liberalizzerebbe il mercato dei diritti d’autore. Abbiamo raccontato la vicenda qui in un’intervista a Davide D’Atri

Sundreef Fedez

Fedez: «Scelgo Soundreef, mi piacciono le startup»

“Ho scoperto Soundreef – racconta Fedez – perché sono appassionato di startup e in più si occupa di un contenuto che mi riguarda direttamente. Ho scelto di affidarmi a loro per la raccolta dei miei diritti d’autore perché voglio sostenere chi fa della trasparenza e della meritocrazia un valore fondante”.

«Perché la nostra battaglia sui diritti d’autore riguarda tutto l’ecosistema delle startup»

“Quella di Federico – commenta Davide D’Atri, fondatore e amministratore delegato di Soundreef – è una scelta coraggiosa ma anche di innovazione, dettata dalla voglia di cambiare il sistema che garantisce i più forti. La rivoluzione digitale non poteva che travolgere i monopoli che ancora resistono nel nostro Paese. Assisteremo presto a un effetto domino”.

@arcamasilum

Ti potrebbe interessare anche

D’Atri (Soundreef): «Perché la nostra battaglia sui diritti d’autore riguarda tutto l’ecosistema»

Intervista a Davide D’Atri, Ceo di Soundreef, che in questi giorni col supporto di centinaia tra startup e stakeholder chiedono al Governo di ripensare la legge sui diritti d’autore. I motivi

Di cosa parla la direttiva europea sui diritti d’autore che l’Italia non vuole recepire

Una direttiva europea del 26 febbraio 2014 ha chiesto all’Italia di adeguare la legge sul diritto d’autore del 194. Ma in Italia non si vuole recepire in toto, di fatto favorendo la SIAE

Il presidente della SIAE definisce «speculatori finanziari» i 300 che hanno scritto a Renzi sui diritti d’autore

Filippo Sugar presidente della SIAE replica all’inziativa di Soundreef e di molti stakholder dell’ecosistema delle startup. E chiude dicendo che «La direttiva sarà applicata, ma l’Italia può scegliere tra concorrenza o esclusiva»

Lettera aperta di 349 innovatori: «Caro Renzi, ecco perché sui diritti d’autore il Governo sbaglia»

Ci sono acceleratori di startup, investitori. Da Luiss Enlabs a Italian Angels. Un pezzo di ecosistema italiano ha scritto al premier Renzi chiedendo di approvare in toto la direttiva europea sul diritto d’autore

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti