2.275 hanno detto al ministero cosa ne pensano delle policy sulle startup #StartupSurvey

Si tratta della prima rilevazione nazionale sull’ecosistema italiano delle startup innovative, curata dal Ministero dello Sviluppo Economico insieme a Istat

E’ andata molto meglio del previsto. Quasi la metà  delle startup interpellate dal Mise hanno risposto al primo sondaggio che le riguarda. Sono 2.275, infatti, i questionari dello #StartupSurvey compilati (il 44,2% del totale), peraltro inclusivi di 1.027 suggerimenti di policy individuali: una percentuale considerevole per una survey a partecipazione volontaria.

Leggi: Cosa dice il questionario che il ministero ha inviato a 5mila startup italiane

Le regioni più partecipative sono state la Lombardia (con 501 questionari compilati), l’Emilia-Romagna (258) e il Lazio (200), mentre hanno fatto registrare una partecipazione superiore al 50% il Friuli Venezia Giulia, il Trentino-Alto Adige e la Valle d’Aosta. Da notare che proprio nella più piccola regione italiana hanno partecipato 7 delle 11 startup registrate al 31 dicembre 2015.

startupsurvey_infografica 16_06_2016

Il patrimonio di esperienze ed esigenze individuali ottenuto sarà tradotto in informazioni sintetiche nei prossimi mesi, fondando un’indispensabile fonte di informazioni sia per i futuri sviluppi della policy dedicata alle startup innovative (scheda di sintesi) che per tutta la cittadinanza: i dati, una volta resi anonimi, saranno disponibili per tutti coloro che, per ragioni professionali, di ricerca o interesse personale vogliono conoscere più in profondità il mondo dell’imprenditoria innovativa italiana.

La pubblicazione dei dati è prevista per il mese di settembre, accompagnata da un rapporto di sintesi dedicato. Il trattamento delle evidenze e la redazione del rapporto avverranno in stretta collaborazione con il Comitato di Monitoraggio e Valutazione della policy sulle startup innovative: le competenze tecniche di Istat e dei membri indipendenti del Comitato potranno assicurare una valutazione accurata e scientificamente rigorosa delle evidenze empiriche ottenute.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti