2.275 hanno detto al ministero cosa ne pensano delle policy sulle startup #StartupSurvey

Si tratta della prima rilevazione nazionale sull’ecosistema italiano delle startup innovative, curata dal Ministero dello Sviluppo Economico insieme a Istat

E’ andata molto meglio del previsto. Quasi la metà  delle startup interpellate dal Mise hanno risposto al primo sondaggio che le riguarda. Sono 2.275, infatti, i questionari dello #StartupSurvey compilati (il 44,2% del totale), peraltro inclusivi di 1.027 suggerimenti di policy individuali: una percentuale considerevole per una survey a partecipazione volontaria.

Leggi: Cosa dice il questionario che il ministero ha inviato a 5mila startup italiane

Le regioni più partecipative sono state la Lombardia (con 501 questionari compilati), l’Emilia-Romagna (258) e il Lazio (200), mentre hanno fatto registrare una partecipazione superiore al 50% il Friuli Venezia Giulia, il Trentino-Alto Adige e la Valle d’Aosta. Da notare che proprio nella più piccola regione italiana hanno partecipato 7 delle 11 startup registrate al 31 dicembre 2015.

startupsurvey_infografica 16_06_2016

Il patrimonio di esperienze ed esigenze individuali ottenuto sarà tradotto in informazioni sintetiche nei prossimi mesi, fondando un’indispensabile fonte di informazioni sia per i futuri sviluppi della policy dedicata alle startup innovative (scheda di sintesi) che per tutta la cittadinanza: i dati, una volta resi anonimi, saranno disponibili per tutti coloro che, per ragioni professionali, di ricerca o interesse personale vogliono conoscere più in profondità il mondo dell’imprenditoria innovativa italiana.

La pubblicazione dei dati è prevista per il mese di settembre, accompagnata da un rapporto di sintesi dedicato. Il trattamento delle evidenze e la redazione del rapporto avverranno in stretta collaborazione con il Comitato di Monitoraggio e Valutazione della policy sulle startup innovative: le competenze tecniche di Istat e dei membri indipendenti del Comitato potranno assicurare una valutazione accurata e scientificamente rigorosa delle evidenze empiriche ottenute.

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito