2.275 hanno detto al ministero cosa ne pensano delle policy sulle startup #StartupSurvey

Si tratta della prima rilevazione nazionale sull’ecosistema italiano delle startup innovative, curata dal Ministero dello Sviluppo Economico insieme a Istat

E’ andata molto meglio del previsto. Quasi la metà  delle startup interpellate dal Mise hanno risposto al primo sondaggio che le riguarda. Sono 2.275, infatti, i questionari dello #StartupSurvey compilati (il 44,2% del totale), peraltro inclusivi di 1.027 suggerimenti di policy individuali: una percentuale considerevole per una survey a partecipazione volontaria.

Leggi: Cosa dice il questionario che il ministero ha inviato a 5mila startup italiane

Le regioni più partecipative sono state la Lombardia (con 501 questionari compilati), l’Emilia-Romagna (258) e il Lazio (200), mentre hanno fatto registrare una partecipazione superiore al 50% il Friuli Venezia Giulia, il Trentino-Alto Adige e la Valle d’Aosta. Da notare che proprio nella più piccola regione italiana hanno partecipato 7 delle 11 startup registrate al 31 dicembre 2015.

startupsurvey_infografica 16_06_2016

Il patrimonio di esperienze ed esigenze individuali ottenuto sarà tradotto in informazioni sintetiche nei prossimi mesi, fondando un’indispensabile fonte di informazioni sia per i futuri sviluppi della policy dedicata alle startup innovative (scheda di sintesi) che per tutta la cittadinanza: i dati, una volta resi anonimi, saranno disponibili per tutti coloro che, per ragioni professionali, di ricerca o interesse personale vogliono conoscere più in profondità il mondo dell’imprenditoria innovativa italiana.

La pubblicazione dei dati è prevista per il mese di settembre, accompagnata da un rapporto di sintesi dedicato. Il trattamento delle evidenze e la redazione del rapporto avverranno in stretta collaborazione con il Comitato di Monitoraggio e Valutazione della policy sulle startup innovative: le competenze tecniche di Istat e dei membri indipendenti del Comitato potranno assicurare una valutazione accurata e scientificamente rigorosa delle evidenze empiriche ottenute.

Ocean Cleanup ripulirà il Pacifico dalla plastica a partire dal 2018

La startup di Boyan Slat ha implementato una barriera galleggiane in grado di concentrare tutto l’inquinamento plastico e permetterne il recupero. Il sistema sarà impiegato nel Great Pacific Garbage Patch, uno dei più consistenti accumuli di immondizia marina al mondo

Impact Hub Milano cerca 5 startup a impatto sociale. IHM Acceleration

Fino al 25 giugno l’incubatore milanese concentrato sull’impact investing seleziona i cinque migliori progetti d’impresa nel campo dell’impatto sociale e ambientale e beneficiare di risorse in denaro e servizi in cambio di equity