Zuckerberg a Roma. 5 protagonisti dell’ecosistema startup interrogano il papà di Facebook

L’evento alla Luiss con Mark Zuckerberg è blindato, ma risponderà alle domande della community. Dice. Ne abbiamo raccolte 15, da parte di Carnovale, Coppola, Granero, Kruger e Ranellucci

Dice di ammirare Augusto, erede di Cesare e primo imperatore romano. Il grande traghettatore, l’enfant prodige che da solo ha cambiato tutto, in quello che fu il più grande impero del mondo. Nel segno di Augusto Mark Zuckerberg ha annunciato sulla sua pagina ufficiale il suo prossimo viaggio a Roma.

zuckerberg-roma-copertina

Luiss blindata

E se meno di un anno fa un altro big della Silicon Valley, il ceo di Apple Tim Cook, inaugurava l’anno accademico alla Bocconi di Milano, adesso il numero uno di Facebook sceglie la Luiss, dove incontrerà – dicono dall’università – studenti e startup. Un incontro la cui organizzazione è in capo direttamente all’azienda di Palo Alto, che ha scelto di farlo a porte chiuse. Anzi, blindato.

VIDEO: Quando Zuckerberg spiegava Facebook. A un’aula vuota

Niente giornalisti, curiosi, passerelle. Qui non c’è nessuna lectio magistralis o aperture dell’anno accademico. L’evento ha un solo nome e un cognome: Mark Zuckerberg, l’ex studente di Harvard divenuto multimiliardario. Sarà lui il protagonista della giornata, soltanto lui. Lo stesso che, magari ispirandosi inconsapevolmente al suo beniamino Augusto, ha dettato anche questa volta le regole del gioco.

15 domande a Mark Zuckerberg

Il papà di Facebook ha offerto però una possibilità agli abitanti del suo impero social: l’evento di Roma sarà la cornice di uno dei suoi celebri “Townhall Q&A“, e ha invitato chi lo volesse a lasciare domande, come commento al suo post.

Startupitalia ha raccolto questo invito e ha chiesto a 5 campioni dell’ecosistema romano dell’innovazione, Gianmarco Carnovale di Roma Startup, Augusto Coppola di Enlabs, Gianluca Granero di Pi Campus, Peter Kruger di Startupbootcamp e Alessandro Ranellucci di Maker Faire Rome di formulare e non una ma ben tre domande ciascuno a Zuck.
Il risultato sono quindici grandi temi, con suggestioni e scenari in primo luogo per l’Italia, ovviamente, passando da coding, makers, startup, venture.

Aldo V. Pecora
@aldopecora

Le domande sono sintetizzate in cinque “cartoline”, cliccando su ognuna di queste sarà possibile leggerle integralmente, in italiano e in inglese.

 zuckerberg_q&a_carnovale_english

zuckerberg_q&a_coppola_english

zuckerberg_q&a_granero_english

zuckerberg_q&a_kruger_english

zuckerberg_q&a_ranellucci_english

2 Commenti a “Zuckerberg a Roma. 5 protagonisti dell’ecosistema startup interrogano il papà di Facebook”

  1. AndyT

    Augusto?

    Personalmente preferisco Cesare – un carattere più genuino, secondo me.

    Ciò detto, sarà di sicuro interessante conoscere le risposte di Mark Zuckerberg a queste domande.

  2. Matteo Conrado

    io gli proporrei di raddoppiare introiti e informazioni con l’idea che ho in mente a patto che non mi faccia fuori come ha fatto con il suo primo socio. se vuole mi contatti…io non saprei come raggiungerlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare anche

Carnovale (Roma Startup): Il futuro di internet e altre 2 domande a Zuckerberg

L’evento alla Luiss con Mark Zuckerberg è blindato, ma risponderà alle domande della community. Dice. Ne abbiamo raccolte 15

5 video sul fare startup in Italia che chi fa startup dovrebbe vedere

Il video è il format del futuro, dicono. Qui cinque esempi di interviste a chi fa startup in Italia: le difficoltà, le speranze, le opportunità. Da Coppola (Luiss Enlabs) a Rossi (Cocontest)

Coppola (LVenture): «perché non compri startup italiane?» e altre 2 domande a Zuckerberg

L’evento alla Luiss con Mark Zuckerberg è blindato, ma risponderà alle domande della community. Dice. Ne abbiamo raccolte 15

8 cose che il Governo deve fare subito per le startup secondo 8 investitori

Cosa dovrebbe contenere il decreto Finanza per la crescita 2.0 secondo chi con le startup in Italia ci lavora. Le opinioni di investitori e associazioni

In Giordania è stato realizzato il primo impianto fotovoltaico in un campo per rifugiati

I pannelli solari installati ad Azraq assicureranno elettricità 24 ore al giorno a circa 20mila persone e consentiranno di migliorare le loro condizioni di vita. L’obiettivo è portare questa innovazione anche in campi più grandi come quello di Zaatari

AXA Innovation Hub, la startup interna ad AXA che trasforma le idee in servizi concreti

20 collaboratori di AXA Italia diventano startupper e si mettono alla prova degli esperti del settore. Patrick Cohen “E’ un nuovo modo di lavorare agile e innovativo per liberare l’energia e la creatività. Senza paura di sbagliare”