Ranellucci (Maker Faire Rome): «l’innovatore italiano più influente?» e altre 2 domande a Zuckerberg

L’evento alla Luiss con Mark Zuckerberg è blindato, ma risponderà alle domande della community. Dice. Ne abbiamo raccolte 15

L’evento di Roma del 29 agosto sarà la cornice di uno dei celebri “Townhall Q&A“ di Mark Zuckerberg. Il founder di Facebook ha invitato chi lo volesse a lasciare domande sulla sua pagina, alle quali risponderà nel corso dell’incontro con le startup romane e gli studenti della Luiss.
Startupitalia ha raccolto questo invito e ha chiesto a 5 campioni dell’ecosistema romano dell’innovazione di formulare e non una ma ben tre domande ciascuno a Zuck. Ecco quelle di Alessandro Ranellucci, curatore dei contenuti della Maker Faire Rome.

alessandro-ranellucci

La chiusura di Parse

«Come dobbiamo leggere la chiusura della piattaforma Parse con cui Facebook stava entrando nel mercato IoT? È calata l’aspettativa sui dispositivi interconnessi oppure state ripensando il vostro approccio per connettere le persone con gli oggetti?»

Facebook e l’open source

«Facebook rilascia molti dei suoi software open source. Quali benefici ne avete avuto finora? Credi che più aziende, magari anche al di fuori del settore IT, dovrebbero adottare una politica di condivisione dei propri asset tecnologici?»

Chi sono gli innovatori italiani più influenti nel mondo?

«Il movimento dei maker in Italia sta dimostrando la capacità di unire innovazione, imprenditorialità, condivisione e obiettivi sociali. Come vedi gli innovatori italiani e chi sono, secondo te, i più influenti di loro a livello internazionale?»

ENGLISH LANGUAGE

Ranellucci (Maker Faire Rome): «who is the most influent italian innovator?» and other 2 questions to Zuckerberg

The Rome’s event of next august 29 will be the set for one of his famous “Townhall Q&A“, so Zuck invited those who want to leave questions as comments to his post. The Facebook founder has invited those who want to make questions on his page, and he will respond during the meeting with the roman startups and students of Luiss University.
Startupitalia.eu has joined this invitation and asked to 5 roman innovation ecosystem leaders to formulate Zuckerberg not one but three questions each. Here the 3 questions of Alessandro Ranellucci, Maker Faire Rome content curator.

About Parse

«How should we interpret the closure of the Parse platform which was bringing IoT devices within Facebook? Do you have weaker expectations about the evolution of interconnected devices or are you rethinking your approach for connecting people with objects?»

Facebook and open source

«Facebook releases many of its software components as open source. What benefits have you had so far? Do you think that more companies, maybe even not IT-oriented, should adopt a policy about sharing their technological assets?»

Who are the most influent italan innovators?

«The maker movement in Italy is showing its ability to combine innovation, entrepreneurship, sharing and social goals. How do you see the Italian innovators and who are, in your opinion, the most influential among them at an international level?»

Ti potrebbe interessare anche

Zuckerberg a Roma. 5 protagonisti dell’ecosistema startup interrogano il papà di Facebook

L’evento alla Luiss con Mark Zuckerberg è blindato, ma risponderà alle domande della community. Dice. Ne abbiamo raccolte 15, da parte di Carnovale, Coppola, Granero, Kruger e Ranellucci

Kruger (Startupbootcamp): «investiresti sulle startup italiane?» e altre 2 domande a Zuckerberg

L’evento alla Luiss con Mark Zuckerberg è blindato, ma risponderà alle domande della community. Dice. Ne abbiamo raccolte 15

Granero (Pi-Campus): «il piano B se Facebook falliva» e altre 2 domande a Zuckerberg

L’evento alla Luiss con Mark Zuckerberg è blindato, ma risponderà alle domande della community. Dice. Ne abbiamo raccolte 15

Coppola (LVenture): «perché non compri startup italiane?» e altre 2 domande a Zuckerberg

L’evento alla Luiss con Mark Zuckerberg è blindato, ma risponderà alle domande della community. Dice. Ne abbiamo raccolte 15

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia