Storia di una startup cresciuta così tanto che oggi fa paura a Bloomberg. Money.net

Money.net è una startup editoriale americana. Dà notizia di finanza, economia. Un’agenzia. Oggi ha assunto i capi di Bloomberg e cresce a doppia cifra. La sua storia

Apparentemente è la solita storia. Da una parte c’è Davide, con la sua fionda e le sue idee di futuro; dall’altra Golia, colosso abituato a schiacciare i pretendenti che minacciano il suo regno. Ma la vicenda, in quello che vi stiamo per raccontare, è molto più complessa e intrecciata di così. Money.net è una startup nata nel 2014 con l’obiettivo di sfidare giganti come Bloomberg, leader nell’informazione economica-digitale, con un servizio di notizie finanziarie più economico e innovativo.

aaeaaqaaaaaaaaecaaaajda1ztu4ndlllwq0odatngnkyi1inguxltfizgq5ztm2nty5za

Battere Bloomberg dopo aver aiutato a farlo diventare grande

Per farlo ha assunto un giornalista di grande esperienza, Norman Pearlstine, che conosce Bloomberg come le sue tasche, avendo ricoperto ruoli dirigenziali e gestito Bloomberg BusinessWeek, uno dei magazine più importanti e famosi del gruppo. È uno che conosce i suoi meccanismi interni, i punti forti e i punti deboli. Ma non solo. Ha un passato anche al Wall Street Journal e, cosa da non sottovalutare, ha 74 anni. Esperienza che, in un contesto simile, pieno di gioventù, non può che essere utile.

131031092339-norman-pearlstine-620xa-1

Norman Pearlstine, oggi manager di Money.net

Ma non è un’assunzione che stupisce più di tanto. Anche Morgan Downey, founder di Money.net, ha un passato all’interno di Bloomberg: Global Head of Commodities. In poche parole una figura in grado di gestire il marchio bloomberg nel mondo, organizzando incontri, panel e gestendo un mondo che si svolgeva lontano dagli uffici e dalle redazioni delle sedi centrali negli States. Una visione d’insieme. Downey ha 42 anni, l’età giusta per provare a camminare da solo e portare in scena una nuova realtà editoriale. Money.net.

Si sono occupati della vicenda grandi giornali come Forbes e il Washington Post. Oltre al New York Times che, nella sua edizione internazionale, ha sottolineato come Downey sia convinto di poter strappare una fetta consistente di lettori a Bloomberg. Lettori affamati di nuovi modelli di narrazione e di informazione. Professionisti in cerca di un servizio chiaro e sempre più rapido.

morgan-downey_ceo-of-money-net_2-1200x800

Morgan Downey, founder di Money.net

Il modello di Money.net

La prima grande novità riguarda il lato economico. Abbonarsi a Money.net vuol dire firmare un assegno di 1500 dollari all’anno, nettamente inferiore ai 21mila chiesti da Bloomberg. Un abbattimento dei costi che ha fatto crescere esponenzialmente il numero dei lettori fedeli di Money: da 10mila a 50mila in appena 12 mesi.

Quelli di Bloomberg sono circa 325mila, ma non crescono più da diversi anni. Una staticità dovuta a un servizio che si ripete sempre uguale, almeno secondo Downey. Ed è qui che entra in gioco Pearlstine: la sua presenza, oltre a dare autorità e posizionamento alla startup, servirà ad ampliare il numero servizi proposti e soddisfare le richieste degli operatori finanziari americani.

L’assunzione di 75 programmatori con la composizione di team per determinati progetti. Questa è la seconda strada battuta dalla startup. Digitalizzare tutto quello che si può e si deve. Puntare sul visual storytelling accanto alla concretezza delle notizie. Inchieste che possano diventare longform. Spazio alle infografiche e alle storie raccontate attraverso immagini, video e numeri. Soprattutto numeri. Un servizio, sempre più innovativo, che si affiancherebbe al classico feed news.

Terza scelta, non meno importante. Stringere accordi con le realtà più importanti di un mondo abbastanza chiuso e diffidente. Money.net, negli ultimi mesi, ha ratificato partnership con il sistema di messaggistica di Wall Street e con Symphony, piattaforma finanziaria che appartiene ad un consorzio di banche e che può rivelarsi un alleato strategico importantissimo.

Un modo nuovo per gestire le notizie

Downey, per Forbes e il New York Times, non ha dubbi. Scardinare il modello Bloomberg non è così complicato: «La maggior parte delle informazioni che gli investitori vorrebbero trovare è già a disposizione di tutti. Gratis. Basta sfruttare al meglio quello che le agenzie di stampa, i governi e i social media pubblicano ogni giorno».

Non una questione di esclusività ma di trattamento e diffusione delle notizie. Money.net ha puntato molto sullo sviluppo di un metodo che permetta, in primo luogo, di individuare ciò che può interessare gli utenti e, in secondo luogo, di riproporlo, in maniera rapidissima. Con una nuova veste, più sintetica e chiara.

Un metodo che riguarderà l’analisi e la trasformazione dei big data, attraverso l’uso di algoritmi complessi e computer sempre più potenti. Ai giornalisti “umani” toccherà il compito di elaborare le news in una forma sempre più moderna e di fare fact checking. Andare a fondo alle questioni, limitare gli errori. Affiancati da programmatori, sviluppatori e designer.

E la conferma della bontà di questa scelta arriva proprio da Bloomberg che, nei giorni scorsi, ha annunciato l’introduzione di nuovi servizi per i propri utenti che arriveranno, anche in questo caso, da intelligenze artificiali e sistemi di machine learning. Insomma, se da un parte Davide ha capito che per affrontare Golia non può far altro che usare la sua esperienza decennale con una visione più futuristica e tecnologica, dall’altra Golia sta percependo che per mantenere il suo status quo ha bisogno di compiere un profondo rinnovamento e guardarsi le spalle. Soprattutto da chi ha capito che il mondo dell’informazione, anche in ambito finanziario, sta cambiando per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare anche

Dalla morte del Web quella delle app: perché in 6 anni è cambiato tutto

In sei anni siamo passati dalla fine del Web alla fine delle app, che comunque hanno un mercato di 34 miliardi. Perché è così difficile fare previsioni di mercato se parliamo di digitale

I venture capital spendono soldi in idee stupide, dice il Financial Times

Venture capital spendono soldi in idee stupide. Un editoriale del principale quotidiano finanziario al mondo racconta perché. Qui in pillole

Un giornalista crea una startup editoriale tra calcio e finanza. Il modello DB Media

Andrea Di Biase, ex giornalista di MF-Milano Finanza, ha aperto una che punta su un nuovo progetto editoriale: rilanciare CalcioeFinanza.it. Senza illudersi che tutto possa reggersi sulla pubblicità. La sua ricetta

La storia esemplare di Venere.com, dai banchi universitari all’exit da 200 milioni

Come tre fisici e un economista creano da zero Venere.com, un sito di prenotazione di successo quando Internet era agli albori. E loro si sono trovati al posto giusto, al momento giusto

Rocket Lab ha lanciato il primo razzo con il motore stampato in 3D

Il test di lancio è avvenuto il 25 maggio in Nuova Zelanda e ha dimostrato la capacità di Electron di portare in orbita piccoli satelliti e di rendere lo spazio un po’ più accessibile a tutti