La Nuova Zelanda cerca 100 talenti digitali (e ti paga il viaggio per il colloquio)

Dopo aver promosso la nascita di startup e aziende tech, la città di Wellington ora vuole assumere “100 tra le persone più qualificate del pianeta” per fare crescere l’ecosistema

Se non avete impegni tra l’8 e l’11 maggio potete inviare il curriculum e fissare un colloquio di lavoro a Wellington, in Nuova Zelanda: viaggio aereo e spese le pagano loro. Davvero.

wellington

Si tratta di un piano per attrarre nuovi talenti messo a punto dal dipartimento dello Sviluppo economico della capitale neozelandese, che da anni ha promosso iniziative volte a trasformare la città nella “capitale tecnologica del Sud Pacifico”.

AAA cercansi 100 talenti digitali da tutto il mondo

“Wellington – si legge sul sito dell’iniziativa – ospita una delle più vivaci realtà di sviluppo tecnologico del Sud Pacifico ed è ricca di nuove aziende e di idee. Ma ci servono persone in grado di farci crescere. Per questo vogliamo portare qui 100 tra le persone più qualificate del pianeta e offrire loro un lavoro”.

Persone più qualificate del pianeta che la Nuova Zelanda intende portarle fisicamente, al punto da spesare ai candidati il viaggio e un’intera settimana di permanenza. Le posizioni aperte, quindi, sono 100 e provengono per lo più da aziende e startup digital nate negli ultimi anni nell’isola proprio grazie ai programmi di sviluppo economico istituzionali. Tra i profili più ricercati quello di sviluppatori Android, Javascript e web architect.

@aldopecora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito