La Nuova Zelanda cerca 100 talenti digitali (e ti paga il viaggio per il colloquio)

Dopo aver promosso la nascita di startup e aziende tech, la città di Wellington ora vuole assumere “100 tra le persone più qualificate del pianeta” per fare crescere l’ecosistema

Se non avete impegni tra l’8 e l’11 maggio potete inviare il curriculum e fissare un colloquio di lavoro a Wellington, in Nuova Zelanda: viaggio aereo e spese le pagano loro. Davvero.

wellington

Si tratta di un piano per attrarre nuovi talenti messo a punto dal dipartimento dello Sviluppo economico della capitale neozelandese, che da anni ha promosso iniziative volte a trasformare la città nella “capitale tecnologica del Sud Pacifico”.

AAA cercansi 100 talenti digitali da tutto il mondo

“Wellington – si legge sul sito dell’iniziativa – ospita una delle più vivaci realtà di sviluppo tecnologico del Sud Pacifico ed è ricca di nuove aziende e di idee. Ma ci servono persone in grado di farci crescere. Per questo vogliamo portare qui 100 tra le persone più qualificate del pianeta e offrire loro un lavoro”.

Persone più qualificate del pianeta che la Nuova Zelanda intende portarle fisicamente, al punto da spesare ai candidati il viaggio e un’intera settimana di permanenza. Le posizioni aperte, quindi, sono 100 e provengono per lo più da aziende e startup digital nate negli ultimi anni nell’isola proprio grazie ai programmi di sviluppo economico istituzionali. Tra i profili più ricercati quello di sviluppatori Android, Javascript e web architect.

@aldopecora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup