Luca Annunziata

Luca Annunziata

Giu 28, 2017

Londra: Your.MD chiude un round da 10 milioni. E ha un management tutto italiano

Nuovo aumento di capitale per la startup guidata da Matteo Berlucchi, che offre consulenza medica a mezzo bot: le nuove risorse serviranno a potenziare l'intelligenza artificiale che fornisce le risposte e ad ampliare il network di partner

La startup anglo-italiana Your.MD ha chiuso il quarto round di finanziamento, raccogliendo 10 milioni di dollari in una operazione guidata da Orkla Ventures. L’interesse del ramo di investimento dell’azienda norvegese che si occupa di nutrizione testimonia la validità dell’approccio di Your.MD: la startup, guidata da un gruppo di imprenditori italiani tra cui il fondatore e CEO Matteo Berlucchi,

punta a utilizzare gli strumenti all’avanguardia come l’intelligenza artificiale e i chatbot per fornire consulenza medica direttamente sugli schermi di PC e smartphone

senza restare parcheggiati nelle lunghe liste d’attesa dei medici in carne e ossa.

Cos’è Your.MD

Your.MD ha sviluppato una piattaforma attiva in tutto il settore medico: un network in cui convergano diversi tipi di interlocutori, dai pazienti ai fornitori di servizi di healthcare, che si possano incontrare all’interno di un’app o di una chat che fornisca in tempi rapidi le risposte desiderate. Un utente può inserire indicazioni sui propri sintomi per ricevere un’informazione utile a individuare lo specialista giusto a cui rivolgersi, e in più la app stessa grazie alle partnership strette può fornire accesso a un sistema di prenotazione digitale che indichi il medico più vicino e con la lista di attesa più breve.

Il bot di Your.MD

Una ricerca su Google può essere il modo peggiore per cercare di comprendere l’origine di un malessere: l’utente medio non ha l’esperienza per riuscire a distinguere tra diverse intensità di un dolore, o la sua localizzazione, dunque il rischio è che il quadro clinico fornito porti ad una autodiagnosi decisamente pessimistica. Il bot di Your.MD cerca di fare le domande giuste per ottenere le risposte giuste: lato server è stato messo in piedi un complesso database di informazioni provenienti da fonti autorevoli in campo medico, e su questo database è stata costruita una intelligenza artificiale che tiene conto di moltissimi fattori, quali ad esempio la localizzazione dell’utente per stabilire se la sua condizione possa essere conseguenza di fattori ambientali (es: una tosse dovuta a un’allergia ai pollini, allo smog ecc), e il cui addestramento è stato seguito tra l’altro anche da medici professionisti per fornire un tocco umano al pensiero della macchina.

I piani per il futuro

Your.MD si sta sviluppando in due direzioni, dunque: da un lato ci sono le funzioni del bot che risponde via app o chat (su Telegram, Facebook) alle domande degli utenti, grazie a un sistema di intelligenza artificiale che lavora sulla classificazione dei sintomi e fornisce una consulenza personalizzata in funzione di quanto il paziente/utente scrive. Dall’altra ci sono gli accordi stretti con le aziende che forniscono già servizi più tradizionali in ambito medico: ci sono 35 partner con cui sono già stati presi accordi in tal senso, e tra gli obiettivi di questo round c’è quello di sviluppare questo network fino a raggiungere la cifra tonda di 100 partner entro fine 2017.

Matteo Berlucchi, ceo e founder

Dietro Your.MD, come detto, c’è Matteo Berlucchi: già fondatore di Anobii, ha portato con sé nella nuova avventura alcuni dei suoi compagni di viaggio, tra cui il professor Mario Alemi che fornisce la guida scientifica per lo sviluppo delle funzioni di intelligenza artificiale. Anche il COO è italianissimo: Alessandro Traverso, con un passato nel management nel mondo dell’intrattenimento e un MBA della London Business School all’attivo.