Giu 14, 2018

Round da 2,5 milioni per BrainControl, il device che sfida le malattie neurodegenerative

La RedSeed Ventures ha creduto nel progetto del CEO di Liquidweb, Pasquale Fedele. E ora i nuovi fondi permetteranno di sviluppare ulteriori implementazioni e lanciare sul mercato la tecnologia BrainControl

Un round da 2,5 milioni di euro provenienti da RedSeed Ventures, società di investimento specializzata in startup innovative. Questo quanto incassa Liquidweb, la Pmi che opera nel settore ICT creando prodotti basati su AI e interazione tra uomo e macchina.

Un finanziamento importante che permetterà al CEO Pasquale Fedele, ideatore di BrainControl, il dispositivo il che restituisce la capacità di comunicare ai pazienti con malattie neurodegenerative, di promuovere il device sul mercato e lavorare a ulteriori implementazioni.

Il dispositivo BrainControl

Il device della Liquidweb è nato nel 2010 sfruttando la Brain Computer Interface che permette a pazienti in stato di locked-in (il paziente è cosciente e sveglio ma non può né muoversi né comunicare) di esprimersi tramite le onde cerebrali.

Grazie a un caschetto in grado di effettuare un elettroencefalogramma e di un tablet, la tecnologia Bci funziona come una sorta di joystick mentale azionato mediante stimoli cerebrali. La mappa elettrica corrispondente a determinate attività cerebrali viene interpretata per dare voce al pensiero e agire sui dispositivi esterni.

 

Oltre a questa tecnologia, il dispositivo dispone di altri sensori biometrici (accelerometri, infrarossi e puntatore oculare), il che rende il prodotto capace di seguire il paziente durante tutte le fasi della malattia. Una rivoluzione che potrebbe influenzare la vita di 140 milioni di persone nel mondo che attualmente vivono con paralisi causate da malattie degenerative neuromuscolari, traumi ed altre cause.

Tecnologie concorrenti

Dopo aver ottenuto il marchio CE come medical device e superato uno studio clinico, ora BrainControl trova un forte supporto da parte degli investitori. “Siamo orgogliosi di aver trovato una realtà tutta italiana che ha condiviso in pieno il progetto e la roadmap proposta. Gli investors ci stanno già supportando nel piano di sviluppo internazionale e nella ristrutturazione dell’azienda mediante l’ampliamento del team”, ha detto Pasquale Fedele.

Pasquale Fedele mostra il funzionamento di BrainControl

Le tecnologie concorrenti sul mercato, che si basano su voice-controlling systems, eye tracking o altro, offrono soluzioni efficaci durante alcune fasi della malattia, ma rischiano di diventare inutilizzabili con il progredire delle stesse. Un particolare che sul lungo periodo potrebbe significare il successo per la Liquidweb.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter