Case Manager: come si trasforma la professione dell'assistente sociale - Startupitalia
In collaborazione con Logo Content By
In collaborazione con Logo Content By

Gen 10, 2020

Case Manager: come si trasforma la professione dell’assistente sociale

Bisogni di welfare sempre più complessi richiedono una visione olistica, interventi tailor made e la capacità di coordinare una pluralità di fonti di aiuto

Gen 10, 2020

Case Manager: come si trasforma la professione dell’assistente sociale

Bisogni di welfare sempre più complessi richiedono una visione olistica, interventi tailor made e la capacità di coordinare una pluralità di fonti di aiuto

La persona al centro: questa frase negli ultimi anni è la chiave di volta degli interventi sociali. I bisogni di welfare individuali e sociali sono profondamente cambiati e dinanzi a questa complessità – che impone la messa in campo di una pluralità di fonti di aiuto e di servizi, sia formali che informali – le risposte del sistema di protezione sociale si sono orientate verso la costruzione di modelli assistenziali caratterizzati da un approccio multidisciplinare e interdisciplinare, capace di leggere in maniera olistica ciascuna situazione di fragilità e di intervenire con un piano assistenziale personalizzato.

Nata negli USA negli anni ’70, la metodologia del case management nel servizio sociale si basa su 5 elementi:

  • valutazione iniziale (assessment);
  • costruzione di un piano assistenziale individualizzato (care planning);
  • attuazione del progetto (messa in campo di un “pacchetto di servizi”, differente per ogni utente);
  • monitoraggio;
  • valutazione conclusiva.

 

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter