desc

C’è anche una startup lombarda tra le vincitrici dell’Open Innovation Contest di NTT DATA

Economia Digitale
ECONOMY
Edit article
Set prefered

C’è anche una startup lombarda tra le vincitrici dell’Open Innovation Contest di NTT DATA

La finale globale il 29 gennaio. In quella data si sfideranno le altre startup vincitrici dei contest nazionali provenienti da tutto il mondo

La finale globale il 29 gennaio. In quella data si sfideranno le altre startup vincitrici dei contest nazionali provenienti da tutto il mondo

Economia Digitale

Una startup italiana e una inglese si sono aggiudicate l’undicesima edizione dell’Open Innovation Contest, concorso internazionale organizzato da NTT DATA in 10 città nel mondo. Tra le novità di quest’anno la special mention per il social impact per Open Stage, la startup lombarda che ha presentato una proposta per introdurre l’intrattenimento tra i servizi offerti dalle smart city. Il contest ha l’obiettivo di promuovere l’innovazione tecnologica, individuando e valorizzando le startup più innovative a livello globale.

Chi sono e cosa fanno le vincitrici del contest NTT DATA

In questa edizione 2020, la tappa italiana dell’Open Innovation Contest ha visto candidarsi oltre 50 startup provenienti da tutta Europa, in particolare da Germania e Romania. Più nello specifico Artiness, società lombarda fondata nel 2018, ha presentato un progetto in cui la realtà aumentata si apre al comparto clinico e ospedaliero, intercettando le nuove esigenze nate dalla pandemia. Il software della startup italiana, ancora in fase di sviluppo, consente a medici e chirurghi di visualizzare strutture anatomiche in 3D e di monitorare continuativamente i dati del paziente durante l’operazione.

I ragazzi della startup lombarda Artiness

L’altra vincitrice, la londinese HyperSurfaces, si è invece focalizzata sulle possibili applicazioni dell’Intelligenza Artificiale, presentando un progetto che mira a trasformare i sensori acustici, tattili e termici in oggetti intelligenti in grado di comprendere quanto accade sulla loro superficie. Obiettivo della startup inglese, infatti, è accelerare il processo di implementazione delle smart home e delle smart city.