desc

Queste studentesse hanno sviluppato un batterio che mangia la plastica negli oceani

Scuola
EDUCATION
Edit article
Set prefered

Queste studentesse hanno sviluppato un batterio che mangia la plastica negli oceani

Miranda Wang e Jeanny Yao hanno sviluppato un processo che scompone i composti chimici del materiale e li trasforma in anidride carbonica e acqua. Le sperimentazioni dovrebbero iniziare già la prossima estate

Miranda Wang e Jeanny Yao hanno sviluppato un processo che scompone i composti chimici del materiale e li trasforma in anidride carbonica e acqua. Le sperimentazioni dovrebbero iniziare già la prossima estate

Scuola

Sarebbe impossibile pensare a un mondo senza plastica. Quasi tutto quello che usiamo nella vita di ogni giorno è fatto con questo materiale. Il problema, ben noto, sta nel suo essere difficilmente degradabile, e quindi un uso massiccio comporta un inquinamento direttamente proporzionale. Miranda Wang e Jeanny Yao, due studentesse della University of Pennsylvania, potrebbero però avere la soluzione.

plast

Dalla plastica alla Co2

Ampliando un progetto a cui avevano già lavorato quando erano al liceo, hanno sviluppato un batterio capace di dissolvere la plastica e di trasformarla in anidride carbonica e acqua. Diffuso su larga scala, sarebbe in grado di risolvere il problema dell’inquinamento dei mari e degli oceani, dove sono disperse enormi quantità di questo materiale. Non male, per due ragazze di 21 e 22 anni. Il processo prevede un solvente per la dissoluzione della plastica e degli enzimi che avviano la depolimerizzazione dei componenti chimici di base, scomponendoli in composti degradabili. In altri termini, si tratta di separare gli elementi che compongono il materiale e di “aggredirli” singolarmente.

Fin qui tutto (abbastanza) chiaro, ma come fare a raccogliere tutta la plastica e portarla a terra? Wang e Yao hanno pensato anche a questo: non c’è bisogno di trasportarla, considerando anche che essendo molto leggera avrebbe bisogno di grandi volumi e non sarebbe sostenibile dal punto di vista ambientale. Il processo si può fare direttamente in mare aperto. L’idea è di costruire delle stazioni mobili in cui installare delle grandi vasche (fino a 150mila litri) con il composto chimico al proprio interno.

Basterà quindi tirare a bordo la plastica e sottoporla al processo di degradazione, che dura circa 24 ore.

Le ragazze stanno facendo collezione di premi per il loro progetto: si sono già aggiudicate il Wharton Social Impact Prize, il Gloeckner Undergraduate Award, il Michelson People’s Choice Award e il premio della commissione per il miglior “Wow Factor”, oltre ai 30mila dollari del Perlman Grand Prize e il Wharton Business Plan Competition per il 2016. Ma quello che più conta è che hanno già iniziato a porre le basi per mettere in pratica la loro idea. Hanno fondato un’azienda, la BioCollection, e sperano di iniziare le sperimentazioni già quest’estate, probabilmente in Cina. L’obiettivo è di avviare la commercializzazione nel giro di due anni.