desc

“Vi spiego perché sui social ha vinto il NO”

Economia Digitale
SMART MONEY
Edit article
Set prefered

“Vi spiego perché sui social ha vinto il NO”

Il commento di Matteo Flora su come i consensi del No sono cresciuti in questi mesi sui social network. In 3 punti (partendo dai big data)

Il commento di Matteo Flora su come i consensi del No sono cresciuti in questi mesi sui social network. In 3 punti (partendo dai big data)

Economia Digitale

I dati Social danno, a seconda della fonte che si prende in esame, il NO tra il 51% ed il 56%. indipendentemente dalla percentuale il dato netto è irrefutabile: il NO sui social ha vinto. A mani basse.

Ma… Già, ci sono una serie di “ma” da tenere in considerazione.

Primo ma: anche se le numeriche del NO sono sicuramente più importanti, c’è da dire che il fronte del Sì si è sempre espresso in modo più pacato, come quasi sempre accade per la parte che è, in un modo o nell’altro, a favore della forza al governo.
Era “di moda” essere per il NO, e questo ha, sicuramente, condizionato in modo importante la quantità di persone che hanno deciso di esprimersi in modo deciso per un voto del NO.
E dove è di moda dire NO dobbiamo aspettarci una ristretta quantità di SÌ.

Secondo ma: nelle ultime 36 ore il fronte degli indecisi è aumentato in modo significativo, andando a rappresentare una percentuale importante di utenti della rete che, comunque sia, chiedeva informazioni. Una quantità importante di elettori che nelle ultime 24 ore erano assolutamente influenzabili e che l’ingente quantità di pubblicità che i due comitati hanno sfoggiato in queste ore (silenzio elettorale o meno, prima o poi bisognerà pensarci) ha sicuramente avuto modo di influenzare.

img_8477

Terzo ma: in azione questa volta i BOT, sistemi automatici di creazione post, erano in funzione per tutti gli schieramenti, ma nettamente più importanti nella parte del NO, con migliaia di utenti e migliaia di contenuti al giorno che si accumulavano per sostenere, in modo automatico, le ragioni di una delle parti.

E quindi? E quindi i Social hanno detto di NO e sicuramente il fronte del NO ha avuto un ausilio assolutamente maggiore nel promuovere le proprie idee.
E le dichiarazioni di voto, se stavolta non mentiranno, parlano di una Italia che ha scelto, almeno sui social, di dire – o forse sarebbe meglio dire “urlare” – le ragioni di un NO forte.

Matteo Flora
*founder e Ceo The Fool