desc

Alla Maker Faire Rome la jam di AgID per migliorare i servizi della PA

ECONOMY
Edit article
Set prefered

Alla Maker Faire Rome la jam di AgID per migliorare i servizi della PA

AgID Gov Jam è la jam in programma alla Maker Faire Rome 2016 il 15 e 16 ottobre per ideare, progettare, sviluppare prototipi e applicazioni per aiutare a costruire i servizi del futuro

AgID Gov Jam è la jam in programma alla Maker Faire Rome 2016 il 15 e 16 ottobre per ideare, progettare, sviluppare prototipi e applicazioni per aiutare a costruire i servizi del futuro

Economia Digitale
Scuola
Tecnologia

Siti e servizi della Pubblica Amministrazione con una esperienza utente e un design da dimenticare? E’ possibile costruire e ideare strumenti e processi per renderli migliori. In questa direzione si muove AgID Gov Jam – Simpler, easier, faster: nuovi servizi per un nuovo rapporto con la PA, la jam in programma alla Maker Faire Rome 2016 il 15 e 16 ottobre (dalle 9 del 15 alle 19 del 16). La sua mission? Ideare, progettare, sviluppare prototipi e applicazioni che utilizzano SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, e le altre infrastrutture immateriali come PAgoPA, l’Anagrafe Unica (ANPR), Il fascicolo sanitario elettronico, per aiutare a costruire i servizi del futuro.
In sintesi, l’obiettivo è pensare e illustrare nuovi processi e servizi che seguano le linee guida di web e service design che si trovano su design.italia.it. Appuntamento alla Fiera di Roma (Ingresso Nord, Padiglione 10, Sala Domizia. Non è necessario acquistare un biglietto per la fiera e i partecipanti alla Jam avranno libero accesso alla fiera domenica pomeriggio). Si può seguire la jam anche su Twitter con #AgIDGovJam.
Per il team vincitore di ogni challenge è previsto un premio di 1500 euro in buoni Amazon. AgID inoltre metterà a disposizione un’opportunità di stage per i vincitori.

Progettare i servizi del futuro

Le amministrazioni e istituzioni pubbliche, per essere più efficienti e inclusive, dovranno fornire servizi pubblici digitali personalizzati ed intuitivi pensati sulle esigenze del cittadino. Per questo all’interno di Maker Faire Rome 2016, AgID, l’Agenzia per l’Italia Digitale, promuove questa jam, la prima jam di 36 ore dedicata al service design, per ripensare un nuovo rapporto tra cittadino e amministrazione.

Semplificare il rapporto tra PA e cittadino

Immaginare nuovi servizi, ripensare quelli esistenti, innovare i processi attraverso la creazione di un’applicazione web o mobile in grado di semplificare il rapporto tra Pubblica Amministrazione e cittadini. Utilizzando le infrastrutture già a disposizione (SPID, PAgoPA, Anagrafe Unica) o immaginando nuovi strumenti per migliorare l’utilizzo dei servizi digitali.

Chi può partecipare alla jam

#AgIDGovJam è aperta a tutti quelli che si vogliono mettere in gioco e si riconoscano come un esperti di UX e di Service Design ma anche a designer, developer, startupper, dirigenti e impiegati della Pubblica Amministrazione, studenti e appassionati.

Da soli o in team

Ogni partecipante può venire da solo o in gruppo, ogni team potrà essere di massimo 6 persone.  I partecipanti non devono acquistare il biglietto alla Maker Faire. Per accedere nell’area sarà necessario effettuare una registrazione presso il check-in presente nell’ingresso Nord della fiera dedicato alla jam.
Il pass fornito darà diritto a partecipare alla jam e sarà valido per visitare la fiera per il pomeriggio di domenica 16.

AgID Gov Jam – Le challenge

I partecipanti all’AgID Gov Jam potranno scegliere tra due aree tematiche per ideare e sviluppare proposte in tema di service design, all’interno delle quali ci sarà la possibilità di confrontarsi su diversi specifici temi.

  1. FUTURE DESIGN: CITTADINI AL CENTRO
    – Immaginare nuovi servizi: Pensare, ideare e progettare nuovi processi e nuovi servizi seguendo le linee guida di web e service design disponibili sudesign.italia.it. Servizi digitali nuovi ed innovativi che pongano al centro della loro progettazione il cittadino e che possano essere sempre disponibili sui dispositivi più utilizzati (mobile) per un loro più ampio e diffuso utilizzo.
    – Ripensare i servizi esistenti: Proporre soluzioni che siano in grado di innovare nel design, nell’usabilità e nella facilità di navigazione di siti web o servizi digitali già esistenti.
  2. COSTRUIRE I SERVIZI DI PROSSIMA GENERAZIONE
    – Sviluppare applicazioni e soluzioni incentrate su SPID. Ai partecipanti sarà messo a disposizione un ambiente di simulazione per la realizzazione del prototipo e le risorse che definiscono l’interfaccia di SPID
    – Sviluppare e progettare prototipi e applicazioni che fanno riferimento – oltre che a SPID – anche alle altre infrastrutture immateriali dell’Agenzia, come PagoPA, l’Anagrafe Unica (ANPR) o Il fascicolo sanitario elettronico (FSE).

Il toolkit con elementi grafici e interattivi

AgID metterà a disposizione degli sfidanti un toolkit con le componenti, le indicazioni e una serie di elementi grafici e interattivi da utilizzare nella sfida.
Il toolkit è disponibile QUI.
Per quanto riguarda poi la challenge incentrata su SPID gli sfidanti potranno disporre di un API per l’integrazione di SPID nello sviluppo di applicazioni e credenziali di test per la simulazione reale.