Una startup pugliese sfida Hootsuite: «Rendiamo la vita facile ai social media manager»

La social media dashboard nata da un team pugliese conclude con successo il crowdfunding su Eppela, 10 mila euro l’obbiettivo raggiunto a 15 giorni dalla fine

Due anni di beta pubblica e privata, quasi diecimila canali social (suddivisi tra Facebook, LinkedIn, Twitter e Pinterest) e oltre un milione e 600 mila post finora pubblicati. Sono i numeri strabilianti di PostPickr, startup pugliese che ha realizzato una social media dashboard totalmente in italiano. Un prodotto di successo, premiato dagli addetti ai lavori e adesso anche dalla community: PostPickr, infatti, ha completato una campagna di finanziamento in crowdfunding su Eppela, e mancano ancora 15 giorni alla sua conclusione. Obbiettivo raggiunto e appena superato era di 10mila euro.

Team PostPickr

Storia di un esperimento pugliese diventato realtà, PostPickr

Un successo davvero importante, che nasce in Puglia ad Andria. Maurizio Lotito, Maria Miracapillo e Antonello Fratepietro collaborano insieme: quest’ultimo aveva sviluppato, nell’aprile 2013, un piccolo algoritmo per la pubblicazione programmata di post sul suo profilo Facebook. “Da lì – spiega Maurizio Lotito – ci siamo resi conto che non esisteva una social media dashboard in italiano, e soprattutto che quelle esistenti avevano una sorta di lacune importanti”. Da qui l’idea di iniziare a lavorare, giorno e notte, a PostPickr, un social media assistant che permette di programmare post sui social network, analizzarne le statistiche, importare delle rubriche ed impostare dei feed personalizzati, tutto da un unico accesso.

“La nostra mission – continua Maurizio – è rendere più facile la vita al social media manager, una nuova professione digitale sempre più richiesta da quelle aziende ed organizzazioni che vogliono presidiare efficacemente i social media e sfruttarne le opportunità. Vita che non è per niente semplice, costantemente sdoppiata tra la gestione in real time di ciò che avviene sui molteplici canali social disponibili e l’esigenza di una pianificazione strategica delle attività. Il tutto con una copertura h 24 e 365 giorni all’anno. PostPickr risponde con una soluzione che appare semplice e intuitiva, mettendo a disposizione del social media manager una “cabina di regia” attraverso la quale dirigere tutte le attività social, dall’impostazione del piano editoriale alla cura, produzione e pubblicazione dei contenuti, dal community management in tempo reale alla misurazione dei risultati e delle performance”.

Uno strumento utile per curare le community

La vera e propria scelta vincente di Maurizio, Maria e Antonello, però, è stata quella di affidarsi totalmente ad una community, quella dei social media manager. Il team infatti ha optato per una scelta chiara: sin dalla sua nascita, ha offerto PostPickr in beta gratuita, chiedendo in cambio a social media manager o semplici fruitori della piattaforma quali fossero le feature più importanti. Le alternative, principalmente Hootsuite e Buffer, sono prodotti customizzati e poco personalizzabili.

09-analytics

PostPickr ha deciso invece di ascoltare le esigenze di chi lavora giorno dopo giorno sui social media, inserendo funzionalità finora non contemplate e lavorando in maniera molto forte sulla user experience. “Grazie ai feedback ricevuti abbiamo migliorato e raffinato il prodotto e nel contempo si è creata una community di utilizzatori entusiasti, pronti a sostenerci anche nei momenti più bui (e ce ne sono stati) in virtù del potenziale intravisto nel nostro progetto e nelle nostre persone. Utenti che si sono poi trasformati in naturali ambassador, contribuendo con il passaparola positivo ad accelerare la crescita e la reputazione di PostPickr”.

PostPickr, infatti, è attualmente utilizzato da più di 3.200 iscritti alla piattaforma, tra cui professionisti, agenzie, organizzazioni e brand di rilevanza nazionale, che dopo la prima fase di testing ora hanno avuto grazie al crowdfunding la possibilità di accedere ai loro piani a prezzi scontati, ottenendo personalizzazioni e funzionalità aggiuntive estremamente interessanti.

Ok il crowdfunding, ma la parte difficile comincia adesso

Il passo naturale, alla fine di un percorso di condivisione, è stato proprio il crowdfunding: “Abbiamo scelto questa strada – spiegano i tre – perché volevamo una validazione dal mercato. Nonostante lavorassimo già abbastanza bene avevamo la necessità di avere una validazione dal mercato, che è arrivata a dir la verità in tempi molto breve. Abbiamo passato da poco metà campagna e abbiamo già raggiunto l’obiettivo prefissato”.

Il futuro di PostPickr, però, pare promettere bene: “Beh, la parte difficile viene adesso! Abbiamo promesso di completare entro 4 mesi le feature aggiuntive a crowdfunding raggiunto, e ora ci tocca lavorare – scherza Maurizio – però siamo estremamente soddisfatti. In più i sostenitori potranno votare in esclusiva le nuove funzionalità da integrare per prime, scelte tra quelle maggiormente richieste dalla community. Ma il vero big milestone è il lancio della versione internazionale, prevista entro l’anno, per poter finalmente partire alla conquista dei professionisti di tutto il mondo e dimostrare che anche nei social media “Italians do it better”.

Francesco Rende

Ti potrebbe interessare anche

5 newsletter a cui vale davvero la pena iscriversi se hai una startup

In un’ epoca dove siamo bombardati da informazioni e abbiamo difficoltà a filtrare i contenuti, la cara vecchia newsletter ha la sua utilità

A Chiavari nasce Wylab, un acceleratore di startup dello sport

Oltre alle startup, Wylab ospita anche un’area di coworking dedicata ai professionisti del digitale

Apple aprirà il primo centro di sviluppo di app iOS in Europa, a Napoli

E’ il secondo big della digital economy che annuncia di investire in Italia in pochi giorni, dopo Cisco che ha deciso di investire 100 milioni per la digitalizzazione del paese, partendo dalle startup. Qualcosa si muove

Arriva la prima exit del 2016: l’editore di Harmony compra 20lines

HarperCollins Italia ha acquistato 20lines, community che permette agli utenti di condividere e leggere testi brevi. La cifra non è stata rivelata

Piccole, numerose e specializzate nel gaming: il ritratto delle scaleup finlandesi

Secondo il rapporto di Mind The Bridge e Startup Europe Partnership il 18% delle realtà imprenditoriali del Paese nordico è attivo nei videogiochi. Notevole anche l’interesse estero sulla tecnologia prodotta, con 48 acquisizioni negli ultimi 6 anni

Con Alfonsino ordini il cibo sulla chat di Facebook

La startup di Caserta ha sviluppato una piattaforma che ha l’obiettivo di raccogliere ordini per i prodotti dai migliori ristoranti cittadini. Grazie solo a due chiacchiere su Facebook Messenger