Un uomo dice di aver inventato l’iPhone 15 anni prima di Jobs. E vuole 10 miliardi da Apple

Denuncia Apple per avergli copiato l’idea dell’iPhone, forte di un brevetto del ’92 del quale, però, ha perso la paternità perché non ha più pagato le tasse

Sicuramente negli uffici di Apple diventerà la barzelletta dell’anno. Un uomo della Florida ha appena citato in giudizio il gigante di Cupertino con una ragione piuttosto singolare: sostiene infatti di aver inventato lui, e non Steve Jobs e tutti i suoi collaboratori, il primo iPhone. E di averlo fatto addirittura 14 anni prima del lancio in commercio del melafonino, cioè nel 1992.

Le pretese di Thomas Ross

Thomas Ross, questo il nome, pretende ora una sommetta niente male: 10 miliardi di dollari di danni per il passato e le royalties sui diritti futuri. Per la precisione, l’1,5% del totale delle vendite. PIù o meno 3,5 miliardi di verdoni all’anno. A suo avviso Apple avrebbe “rubato” il suo progetto di “dispositivo di lettura elettronica”. Questo stando almeno al Telegraph, che ha visionato una copia della citazione.

iphone1-large_trans++qVzuuqpFlyLIwiB6NTmJwfSVWeZ_vEN7c6bHu2jJnT8

Un disegno originale dalla richiesta di brevetto del 1992

Una registrazione vecchia di 24 anni

Ross dice di aver registrato il brevetto proprio nel 1992 e di aver allegato alla citazione alcune immagini del disegno. In realtà in quel progetto c’è un po’ di tutto, dalle celle solari a un’“antenna per la telefonia cellulare” nonché il supporto a Ms Dos, l’allora sistema operativo Microsoft, passando per un microfono “opzionale”, così come gli speaker. Insomma, anche tante caratteristiche che l’iPhone non ha mai offerto, compreso un tastierino fisico.

ross-iphone-696x452

Un disegno originale dalla richiesta di brevetto del 1992

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/WLg8XVErfxo”]

Ma non ha pagato le tasse, quindi #ciaone

Le speranze di Ross sono al massimo di tipo comunicativo: forse riuscirà a spillare qualche intervista o a farsi notare, chissà quali sono davvero i suoi obiettivi. A parte la vaghezza del brevetto, in realtà l’uomo non ne possiede più la paternità perché nel corso degli anni non ha regolarmente pagato le tasse collegate. Tanto che l’Ufficio brevetti statunitense ha classificato quella vivace visione d’inizio Nineties come “abbandonato” già nel 1995. Peccato.

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito