Un uomo dice di aver inventato l’iPhone 15 anni prima di Jobs. E vuole 10 miliardi da Apple

Denuncia Apple per avergli copiato l’idea dell’iPhone, forte di un brevetto del ’92 del quale, però, ha perso la paternità perché non ha più pagato le tasse

Sicuramente negli uffici di Apple diventerà la barzelletta dell’anno. Un uomo della Florida ha appena citato in giudizio il gigante di Cupertino con una ragione piuttosto singolare: sostiene infatti di aver inventato lui, e non Steve Jobs e tutti i suoi collaboratori, il primo iPhone. E di averlo fatto addirittura 14 anni prima del lancio in commercio del melafonino, cioè nel 1992.

Le pretese di Thomas Ross

Thomas Ross, questo il nome, pretende ora una sommetta niente male: 10 miliardi di dollari di danni per il passato e le royalties sui diritti futuri. Per la precisione, l’1,5% del totale delle vendite. PIù o meno 3,5 miliardi di verdoni all’anno. A suo avviso Apple avrebbe “rubato” il suo progetto di “dispositivo di lettura elettronica”. Questo stando almeno al Telegraph, che ha visionato una copia della citazione.

iphone1-large_trans++qVzuuqpFlyLIwiB6NTmJwfSVWeZ_vEN7c6bHu2jJnT8

Un disegno originale dalla richiesta di brevetto del 1992

Una registrazione vecchia di 24 anni

Ross dice di aver registrato il brevetto proprio nel 1992 e di aver allegato alla citazione alcune immagini del disegno. In realtà in quel progetto c’è un po’ di tutto, dalle celle solari a un’“antenna per la telefonia cellulare” nonché il supporto a Ms Dos, l’allora sistema operativo Microsoft, passando per un microfono “opzionale”, così come gli speaker. Insomma, anche tante caratteristiche che l’iPhone non ha mai offerto, compreso un tastierino fisico.

ross-iphone-696x452

Un disegno originale dalla richiesta di brevetto del 1992

Ma non ha pagato le tasse, quindi #ciaone

Le speranze di Ross sono al massimo di tipo comunicativo: forse riuscirà a spillare qualche intervista o a farsi notare, chissà quali sono davvero i suoi obiettivi. A parte la vaghezza del brevetto, in realtà l’uomo non ne possiede più la paternità perché nel corso degli anni non ha regolarmente pagato le tasse collegate. Tanto che l’Ufficio brevetti statunitense ha classificato quella vivace visione d’inizio Nineties come “abbandonato” già nel 1995. Peccato.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti