La startup nata da The Apprentice che fa incontrare possibili amanti, col gioco

Vana Koutsomitis (ex concorrente di The Apprentice) pronta a lanciare la sua applicazione per gli appuntamenti. Che prima ti fa un quiz sulla personalità

È cresciuta a New York e parla 5 lingue. È una vera cosmopolita, perché ha lavorato in Spagna, Francia e Cina. E ha abitato anche a Shangai e Londra. Ma l’esperienza che ha reso davvero famosa Vana Koutsomitis è stata la sua partecipazione al programma televisivo The Apprentice, il talent show per futuri manager. Non è riuscita a vincere la competizione andata in onda nella sua versione inglese sulla Bbc, è arrivata seconda, ma sta cercando comunque di realizzare il suo obiettivo imprenditoriale: sta sviluppando insieme al suo compagno di college a Oxford Joris Magenti un’applicazione che offre un servizio di appuntamenti e vuole raccogliere 120mila sterline per lanciarla. L’app si chiama DatePlay e usa dei giochi interattivi per capire la personalità degli utenti prima di proporre eventuali partner.

vana-koutsomitis-apprentice-finalist

Vana Koutsomitis

In crowdfunding su Seedrs

Gli investimenti che arriveranno serviranno allo sviluppo del marketing del prodotto. Vana Koutsomitis vuole ottenere il seed investment tramite una campagna di crowdfunding lanciata su Seedrs. In realtà l’app, che ha ottenuto una valutazione di 2 milioni di sterline, ha già ricevuto 75mila sterline da investitori privati. Gli investitori possono donare da 10 a 10mila sterline e l’ex concorrente di The Apprentice ha un mese per raggiungere la somma prefissata. È convinta che ce la possa fare perché la sua app è diversa dalle altre piattaforme di dating già disponibili: «La differenza tra DatePlay e le altre è che noi aggiungiamo un elemento di divertimento all’appuntamento integrando i giochi nell’interfaccia», ha detto Vana Koutsomitis a Business Insider.

screen shot 2016-07-18 at 14.37.50

Un gioco stile Buzzfeed per definire la personalità

Vana Koutsomitis ha lasciato il suo lavoro nella banca giapponese Namora per dedicarsi alla sua app destinata ai ragazzi tra i 18 e i 24 anni. Anche se l’applicazione non può essere ancora scaricata dai principali store, ha già ottenuto molti consensi tra i suoi futuri utenti: in 20mila si sono già pre-registrati alla piattaforma che ti fa conoscere l’anima gemella, giocando. L’app sarà gratuita per chi la scaricherà a meno che non vorrà delle funzioni aggiuntive che costeranno 4,99 sterline al mese. Chi decidesse di sottoscrivere l’abbonamento Premium, non avrà la pubblicità e potrà addirittura vedere il suo profilo in cima alla lista dei contatti. Con più possibilità di ottenere un appuntamento. Prima, però, tutti devono passare per il quiz che definisce le preferenze degli utenti. La founder di DatePlay lo definisce un gioco in stile Buzzfeed. Sulla capacità del quiz di valutare la compatibilità tra persone, sono stati avanzati molti dubbi. Ma Koutsomitis risponde: «Stiamo usando un dottorato per sviluppare i giochi. È basato su delle ricerche scientifiche». Una volta definita la personalità dell’utente, vengono proposti i possibili incontri. La persona vede il profilo e soprattutto la foto del suo potenziale partner e può scegliere se procedere con l’incontro o scorrere verso un’altra persona. E magari giocare un altro po’.

gioco

Blockchain per i rifugiati: ecco come la usa (bene) la Finlandia

Il progetto con la startup locale Moni coinvolge migliaia di persone: una carta-conto e un’identità digitale memorizzate su blockchain pubbliche lavorano per l’inclusione sociale dei migranti

Airbnb vale 6,5 miliardi di euro per i ristoranti, 257 milioni a Roma

Un rapporto della piattaforma su 44 metropoli internazionali indaga l’impatto degli ospiti sulla ristorazione locale: in media spendono fra i 40 e i 100 dollari a serata, spesso nel quartiere dove alloggiano

Centy ed Eggup | Che fanno le 2 nuove startup di Digital Magics

I due nuovi progetti innovativi di Digital Magics. Ronchini: «Ci hanno convinto non solo per l’elevato valore innovativo, ma soprattutto per le risposte concrete che queste due startup hanno dato ai rispettivi mercati»