Ecco le 26 startup scelte nel 2016 da Tim #WCAP: per loro 40 mila euro di grant

Si è chiusa la call e sono state selezionate 26 startup tra oltre mille richieste. Per loro 3 (+9) mesi di programma di accelerazione in Tim #Wcap

Tim #WCap ha scelto le 26 startup che parteciperanno al programma di accelerazione del 2016. 26 startup, 14 in meno rispetto agli anni precedenti (il primo risale al 2009) che avranno un grant di 40 mila euro. 15 mila in più rispetto a quelli erogati negli scorsi anni. L’investimento complessivo di TIM #WCap passa così da un milione di euro a un milione e quaranta mila euro. Le startup si divideranno nelle sedi di Roma, Milano, Bologna e Catania. E inoltre alle 10 startup che si distingueranno durante il percorso saranno assegnati altri 10 mila euro.
tim #wcap

Durante i primi tre mesi di accelerazione i team delle startup avranno l’opportunità di sviluppare la propria idea d’impresa aiutati dalla mentorship dello staff TIM #WCap e dalle infrastrutture messe loro a disposizione. Successivamente potranno continuare a beneficiare ancora per 9 mesi degli spazi di coworking, con la possibilità di partecipare a incontri con investitori, istituzioni e mondo accademico. Selezionate tra oltre 1000 candidature ricevute, le startup propongono soluzioni innovative nei settori più promettenti dell’economia digitale ed a supporto dello sviluppo delle reti di nuova generazione: dai big data e data analytics, all’Internet of Things e industry 4.0, fino ai settori smart city, smart agriculture, smart logistics, ma anche e-payment, e-health , security, smart home, smart devices, fino ai sistemi di monitoraggio e gestione di reti complesse.

Nell’Albo Veloce per diventare fornitori TIM

Le 26 startup potranno avviare collaborazioni commerciali con TIM, che metterà a disposizione i propri asset e mercati di riferimento per favorire il processo di innovazione aziendale. Le startup, infatti, entreranno nell’Albo Veloce, che le certifica per diventare fornitori TIM attraverso una procedura agevolata. Le diverse business unit saranno inoltre incentivate all’acquisto delle soluzioni proposte dalle startup, grazie ad un budget dedicato. Inoltre, le startup più in linea con gli obiettivi di business di TIM, potranno anche beneficiare degli investimenti in equity di TIM Ventures, il corporate venture capital di TIM. TIM avrà un diritto di opzione sul 5% del loro capitale.

Oltre 9 mila progetti, 294 startup supportate, 6,6M dal 2009

Dal 2009 a oggi, TIM #Wcap ha raccolto oltre 9000 progetti, supportato 294 startup e assegnato 6,6 milioni di euro fornendo un importante contributo all’intera filiera dell’economia digitale e contribuendo allo sviluppo di un ecosistema italiano dell’innovazione.

Ecco le 26 startup tra Milano, Bologna, Roma e Catania

Le 6 startup accelerate a Milano

 

Brain – Il sensore inerziale per le performance sportive

Brain ha sviluppato un sensore inerziale prosumer per la registrazione di parametri di performance sportive, dal motociclismo ad altri sport invernali ed acquatici. Il dispositivo combina, all’interno di un unico involucro, un set di diversi sensori per monitorare tutti gli aspetti della performance sportiva, dalla velocità all’angolo di piega, dai giri del motore alla traiettoria. Grazie ad avanzati algoritmi proprietari, i parametri vengono associati con estrema accuratezza alle immagini della performance registrate anche con mezzi terzi.

Dead Pixels – Il gioco di ruolo per la realtà virtuale

Dead Pixels ha sviluppato Singularity, gioco di ruolo per PC e console di nuova generazione, orientato alla narrazione e interamente pensato per la Realtà Virtuale. Il gioco combina una storia non lineare a un innovatico sistema di Natural User Interface: Handy Gesture System, che permette di utilizzare una combinazione di sguardi e gesti come input per la gestione di interfacce.

Fleetmatica – Monitoraggio dei veicoli elettrici

Il sistema Fleetmatica è di supporto nella raccolta e nel monitoraggio di informazioni che forniscono alle aziende una valutazione oggettiva su quanti e quali veicoli elettrici introdurre. Una soluzione per l’analisi di flotte di veicoli e per la gestione del passaggio all’alimentazione elettrica.

HIRIS – Analisi di dati biometrici

Attraverso una tecnologia hardware/software, HIRIS è il primo computer indossabile in grado di rilevare i movimenti dell’utente, il suo battito cardiaco, le performance di sport e fitness, permettendo a chi lo indossa di controllare a distanza i dispositivi collegati. Un prodotto per l’analisi di dati biometrici e per il controllo, attraverso gesti del polso, di altri dispositivi.

Pagita – Acquisti con un app

Attraverso una piattaforma hardware e software di mobile payment per distributori automatici, Pagita permette ai consumatori di acquistare i prodotti tramite un’app, superando l’uso del contante e delle chiavette elettroniche, e consente agli operatori un monitoraggio continuo delle vendite e la profilazione dei clienti.

Swan Networks – Soluzioni per la Reti

Swan Networks consiste in una virtualizzazione dell’hardware normalmente necessario a offrire servizi Wide Area Network (WAN). L’architettura SDN abilita i service provider a fornire servizi in modo più flessibile ai loro clienti enterprise, ottimizzando il carico della rete e incrementando i margini operativi. Una soluzione di Network Orchestration in ambito Software Defined Networking (SDN) per operatori di telecomunicazioni.

Le 7 startup accelerate a Bologna

 

Digital Metrix – Ispezioni industriali

Digital Metrix realizza Recoil, un software innovativo di ispezione e verifica industriale. Operando in tempo reale su immagini in linea, consente l’ispezione, la localizzazione e la misura non a contatto. Il software può essere utilizzato in combinazione con videocamere o sorgenti di luce strutturata per ottenere la resa migliore in ogni possibile contesto applicativo.

Freeda – App che ti consiglia il percorso più sicuro in città

App per le donne che viaggiano e si muovono in città da sole. Freeda fornisce indicazioni basate sulle recensioni degli utenti, individuando i percorsi stradali più sicuri. Obiettivo: ridurre la percezione di rischio alla guida in zone sconosciute o in orari potenzialmente pericolosi.

Idesio – Analisi ed elaborazione dei dati

Idesio svilluppa soluzioni per la raccolta di dati acquisiti da reti di sensori in aree estese o difficilmente accessibili che non richiede l’installazione di infrastrutture fisse. I dati, raccolti attraverso l’utilizzo di droni, sono elaborati su mappe geografiche, insieme a strumenti di data analytics a supporto delle decisioni.

Neurab – La riabilitazione cognitiva su tablet

Neurab ha realizzato Neurotablet, un’applicazione di riabilitazione cognitiva su tablet per pazienti con deficit cognitivi acquisiti. Allenando le diverse funzioni cognitive con training mirati, la soluzione sfrutta la plasticità cerebrale per restituire o compensare capacità cognitive perse. Pensato per soggetti colpiti da danni cerebrali, è rivolto a professionisti e care-givers che si occupano della riabilitazione dei pazienti.

RE2N – Ecosistema integrato per la strategia d’impresa

Obiettivo di RE2N è creare un ecosistema integrato di strumenti e app per la Corporate Social Responsibility e la Creating Shared Value, che metta in contatto aziende e stakeholder abilitando nuovi modelli di relazione e interazione. Rivolto ad aziende, Ong, istituzioni e territori che intendono sviluppare spazi digitali che rendano la sostenibilità un patrimonio condiviso.

Sense4Green – Efficienza delle reti idriche

Attraverso SmartWater, sistema di monitoraggio e controllo automatico, Sense4Green offre una soluzione economicamente sostenibile al problema del deterioramento delle reti idriche. Un progetto innovativo e interdisciplinare che impiega tecnologie IoT e real-time Data Analysis per migliorare l’efficienza delle reti idriche, risparmiare acqua, ridurre CO2 e rendere le nostre città più green.

TomorrowData – Strumenti per l’Internet Of Things

Internet delle cose e intelligenza artificiale a portata di PMI. TomorrowData ha sviluppato Iottly, piattaforma che integra strumenti open esistenti con nuove componenti specifiche, per semplificare e standardizzare gli sviluppi IoT. Obiettivo: ridurre l’effort gestendo lo sviluppo dal device all’interfaccia utente in un piattaforma unica e agevolare la comunicazione e il controllo remoto dei dispositivi.

Le 6 startup accelerate a Roma

 

Authometion – Il led che rileva le intrusioni

Authometion ha sviluppato una lampadina Led che, attraverso l’analisi delle onde subsoniche, riesce a rilevare intrusioni all’interno degli ambienti domestici o di lavoro. Il dispositivo, connesso a Internet, riconosce tentativi di effrazione e invia una notifica push su app al proprietario o a istituti di vigilanza.

Dtok Lab – La piattaforma per i Big Data

DtoK Lab sviluppa Nubytics, una piattaforma SaaS che consente anche alle piccole e medie aziende di accedere al mondo dei Big Data. L’esecuzione dei task viene parallelizzata in modo automatico su numerose macchine virtuali per ottenere la massima scalabilità. Rivolto a clienti che dispongono di grandi moli di dati non classificati.

Radiomaze – Trasforma i device in sensori di movimento

Internet of Things per case intelligenti. Radiomaze ha sviluppato un software che permette di trasformare ogni device dotato di wi-fi in un sensore di movimento. Grazie all’analisi dello spettro di onde, Radiomaze intercetta variazioni del segnale tra due dispositivi rilevando la presenza di ostacoli e aiutando le persone a vivere la propria casa in maniera più sicura.

Sentetic – Industria 4.0

Soluzione Hardware/Software per il miglioramento dei cicli produttivi nell’industria 4.0. Analizzando i dati di un qualsiasi dispositivo industriale, Sentetic monitora i macchinari coinvolti nei processi produttivi, prevenendo danni e malfunzionamenti. Il cuore della soluzione è un software che, basandosi su sistemi di intelligenza artificiale, interpreta i dati provenienti dalle macchine in un’ottica predittiva.

Tree Voice – Monitora la salute degli alberi

Sistema Hardware/Software che monitora lo stato di salute degli alberi. Tree Voice utilizza sensori di vibrazione installati direttamente sulle piante per eseguire un’analisi predittiva in grado di anticipare eventuale cedimenti. Tra le funzionalità, anche il monitoraggio dei livelli di inquinamento e la prevenzione incendi.

To Be – La lampada intelligente per i bambini

To Be ha sviluppato una lampada intelligente che, attraverso la tecnologia LiFi alternativa al wi-fi, offre all’interno di un portale specifico contenuti per bambini sicuri e selezionati (giochi, libri educativi, cartoni animati.). I contenuti vengono trasmessi per mezzo della luce emessa dalla lampada.

Le 7 startup accelerate a Catania

 

Evja – Il sistema che protegge le coltivazioni

Sistema di Supporto Decisionale (SSD) progettato per la IV Gamma e il settore Vitivinicolo. Utilizzando una rete di sensori, il sistema Evja è in grado di raccogliere dati relativi alla coltivazione, incrociarli con informazioni meteo e processarli usando modelli previsionali allo scopo di prevenire l’insorgere di agenti patogeni e rendere più efficienti potatura, irrigazione e gestione delle piantagioni.

Helparkinson – La piattaforma che assiste i malati

Piattaforma per assistenza e monitoraggio di pazienti affetti da malattie neurodegenerative che comportano disturbi del movimento e disabilità. Helparkinson utilizza tecnologie esistenti arricchite da algoritmi di analisi di video e immagini e protocolli terapeutici digitalizzati con l’obiettivo di collegare paziente e medico, consentendo al primo di svolgere in autonomia esercizi fisioterapici.

Legalock – L’algoritmo che certifica le persone

Combinando tecnologie esistenti, quali rilevazioni biometriche e blockchain, in un algoritmo proprietario, Legalock offre un sistema innovativo in grado di certificare con valenza legale la presenza di cose o persone in un determinato luogo ed in un determinato istante di tempo. La soluzione può essere indirizzata a vari settori, da quello bancario, all’assicurativo, dall’agricolo alla pubblica amministrazione.

NM2 – Sotto controllo le prestazioni di una rete

Il core business di NM2 è la progettazione e realizzazione di sistemi di monitoraggio di reti complesse. Attraverso una serie di strumenti software (a livello di firmware), NM2 consente di determinare lo stato di funzionamento di una rete, le sue prestazioni e le applicazioni che la utilizzano.

Sementusa – Ottimizza gli allevamenti ovicaprini

Nuova procedura, basata su tecnologie mobile e digitali, per ottimizzare l’alimentazione e la riproduzione degli allevamenti ovicaprini. Obiettivo di Sementusa è indicare un modus operandi che razionalizzi l’utilizzo di tecniche e metodologie e che controlli costantemente i risultati ottenuti, in modo da avere in ogni momento i dati riproduttivi chiari e aggiornati.

Seo Tester Online – Strumenti per la visibilità su Internet

Suite di tool rivolta a blogger, web agency e SEO Specialist che vogliono testare un sito web e migliorarne la SEO. Seo Tester Online, attraverso una serie di algoritmi proprietari, è in grado di riconoscere automaticamente il settore di mercato e la tipologia del sito analizzato, fornendo indicazioni personalizzate su come aumentarne la visibilità.

Site Assistant – L’app per gestire il cantiere

Rivolto all’edilizia 2.0, Site Assistant è un sistema per gestire e documentare l’avanzamento dei lavori nei cantieri. Il sistema integra un’app mobile, con un software desktop, con una stampante portatile e collega le foto provenienti dal cantiere con tutte le informazioni che servono a catalogare, annotare, produrre la documentazione richiesta e semplificare il lavoro quotidiano.

Ti potrebbe interessare anche

10 cartoline dalla Sicilia dell’innovazione che raccontano molto di più di quello che mostrano

Dieci cartoline dalla Sicilia dell’innovazione, simboli di una regione che vuole rinascere anche grazie alla scena delle startup. E all’eccellente qualità delle idee e delle persone che la animano

Forbes elogia le startup italiane, e cita queste 5 come esempi di successo

5 startup per Forbes raccontano la nuova Italia dell’innovazione, delle prime operazioni di venture, di Cisco e Apple. Per il magazine americano sono le prime tracce di qualcosa che cambia davvero

E’ iraniano il miglior imprenditore straniero in Italia, per MoneyGram

Reza Paya ha speso i soldi della prima exit per venire a studiare in Italia. Qui ha fatto un’altra startup e MoneyGram lo ha premiato come miglior imprenditore straniero in Italia del 2016. Lo abbiamo intervistato

Marshmallow in Puglia chiude un round con gli investitori di Shark Tank

L’investimento mira ad accelerare la crescita della società e in particolare a consolidare il team e preparare la società all’espansione sul mercato internazionale

Il Mit fa un sito che simula incidenti di auto senza pilota (e tu decidi chi deve morire)

L’università di Boston ha creato un sito sul quale gli utenti analizzano diversi scenari e propongono la scelta che ritengono più etica in caso di imprevisti su strada con le macchine self-driving. Il tentativo è quello di programmarle secondo il senso comune

Deutsche Telekom investe 4,1 milioni di dollari su Roambee (IoT)

Roambee ha ricevuto 4.1 milioni di dollari da parte di Deutsche Telekom Strategic Investments (DTSI). La mossa risponde ad una precisa strategia di open innovation da parte dell’azienda