immagine-preview

Feb 20, 2019

Coinbase acquisisce Neutrino la startup blockchain italiana

Si tratta della più grossa operazione di exit nel campo della sicurezza informatica fatta in Italia, anche se la cifra dell’operazione non è stata rivelata

“L’acquisizione rappresenta la exit più importante nello campo della sicurezza informatica italiana degli ultimi 10 anni e la prima nello settore della crittografia valutaria. Abbiamo deciso di entrare a far parte di Coinbase perché siamo totalmente allineati con la mission dell’azienda di costruire un sistema finanziario aperto e condividiamo lo stesso impegno per la regolamentazione, la conformità e la sicurezza nel settore delle criptovalute”. Ha dichiarato entusiasta Giancarlo Russo, CEO di Neutrino.

Gli americani del colosso Coinbase Inc. hanno appena annunciato l’acquisizione della startup italiana Neutrino, nata nel 2016 e cresciuta alla velocità della luce grazie alle sue piattaforme per l’analisi, l’indagine e l’identificazione di transazioni illegali sulle blockchain.

Obiettivo dell’acquisizione di Neutrino è la prevenzione di furti di fondi dai conti degli utenti del cripto-exchange californiano. La blockchain pubblica di Neutrino, concentrata nello sviluppo per il monitoraggio, analisi e tracking dei flussi delle criptovalute, rimarrà un’azienda autonoma con sede a Milano ed opererà nella sede di Coinbase a Londra (come si legge nel comunicato stampa).

Neutrino permetterà un’analisi di dati più trasparente che porterà alla luce eventuali attacchi dei ransomware sulla piattaforma di Coinbase e l’identificazione dei cattivi attori.

Neutrino: L’eccellenza dell’imprenditorialità italiana

Quella di Neutrino è una vera e propria storia di successo che racconta nell’imprenditorialità italiana: eccellenza e avanguardia della tecnologia. In poco più di un anno, questa startup con sede a Milano, ha creato una delle migliori piattaforme per l’analisi, l’indagine e l’identificazione di transazioni illegali sulle blockchain.

Coinbase ha dichiarato che Neutrino continuerà ad operare come azienda autonoma facendo leva sull’ufficio londinese.I fondatori e gli otto dipendenti, infatti  si trasferiranno a Londra, nella sede in Gran Bretagna di Coinbase.

 

“Neutrino aiuterà Coinbase a prevenire il furto di fondi, a indagare su attacchi di hacker e ransomware e a identificare transazioni sospette. La tecnologia di Neutrino è la migliore che abbiamo incontrato in questo spazio e svolgerà un ruolo importante nel legittimare la crittografia, rendendola più sicura e accessibile per le persone di tutto il mondo.” Hanno dichiarato dalla società Coinbase Inc.

 

Un’altra opportunità, secondo Coinbase, sarà proprio quella di utilizzare la blockchain preposta da Neutrino per attirare sempre più utenti, grazie le funzionalità offerte dalla tecnologia.

 

In una dichiarazione, il CEO di Nutrino, Giancarlo Russo, conferma l’importante traguardo derivante da questa acquisizione per l’innovazione tecnologica italiana, e ha aggiunto: “Abbiamo deciso di aderire a Coinbase perché siamo totalmente in linea con la missione dell’azienda di creare un sistema finanziario aperto e condividiamo lo stesso impegno per la regolamentazione, la conformità e la sicurezza nello spazio di criptovaluta”.

 

Le transazioni di criptovalute

La società conta 3 soci fondatori: Giancarlo Russo, Marco Valleri e Albero Ornaghi e 8 dipendenti. Nel 2017, un anno dopo la sua nascita, ha ottenuto un finanziamento di 500mila euro per il 30% del capitale dal fondo 360 Capital Partners, che ha scommesso (in tempi non sospetti) sulla sua idea di business: realizzare piattaforme che permettessero di tracciare le transazioni di criptovalute. Uno strumento di antiriciclaggio 2.0, in pratica, che è stato utilizzato da diversi clienti, facendo rapidamente crescere la società: oggi invidiata in tutto il mondo.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter