Coronavirus, sui social #iorestoacasa dà la soluzione all'emergenza
single.php

Ultimo aggiornamento il 8 marzo 2020 alle 18:46

Coronavirus, sui social #iorestoacasa dà la soluzione all’emergenza

Migliaia di post e immagini per limitare il contagio. L'unica soluzione? Sta in quell'hashtag

La Lombardia è isolata e tutta l’Italia non sa più cosa aspettarsi da questo insolito marzo. L’emergenza coronavirus ha costretto il governo a misure drastiche: interi territori sono stati messi in quarantena e la popolazione è invitata (fortemente) a uscire di casa il meno possibile per limitare il contagio. La situazione negli ospedali del nord Italia è ai limiti e le terapie intensive hanno sempre meno spazio per accogliere persone contagiate e malati. Una speranza che le direttive verranno seguite in maniera rigida viene dal successo raccolto in queste ore dall’hashtag #iorestoacasa sui social network: post, foto e video valgono come testimonianza e invito a non prendere la situazione alla leggera. Quella che il Paese vive in queste ore è una condizione senza precedenti nella storia della Repubblica.

#iorestoacasa, ascoltate Fiorello

E da chi partire sennò? Rosario Fiorello, il più divertente e bravo showman si è rivolto a tutti gli italiani tramite il profilo social di RaiPlay, invitando tutti a stare a casa e a riscoprire un modo tutt’altro che noioso di passare il tempo. Monopoli, Risiko e molto altro possono essere una soluzione per svagarsi e distogliere l’attenzione dai notiziari. Nonostante infatti la situazione riguardi l’incolumità e la salute di tutti, sono tante le persone che, incuranti dell’emergenza coronavirus, hanno scelto questa domenica di sole per andare al mare. Le immagini e i commenti dalla Liguria sono eloquenti.

Leggi anche: Le linee guida della PA per lo smartworking? Pentium 4 e Windows 7

Anche il ministero dei Beni Culturali, Dario Franceschini, ha aderito alla campagna social #iorestoacasa, ringraziando tutto il mondo della cultura e dello spettacolo che, orfano di musei, cinema e teatri, ha accolto con grande favore le direttive dei medici. Su Twitter c’è stato anche il contributo di Luciano Ligabue. Il cantante ha usato pochissime (e chiare) parole: “La cosa è seria, ragazzi”.

Leggi anche: Coronavirus, Angelus a finestre chiuse. È trasmesso in streaming

Oltre ai tanti personaggi famosi, migliaia di cittadini stanno infarcendo i social network con pensieri positivi e immagini per dare un’idea delle giornate che dovremo vivere tutti. L’hashtag #iorestoacasa è la risposta sensata a una minimizzazione del rischio che il Paese non può più permettersi.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter