Recovery Fund, Lagarde: "Pacchetto sia ampio e legato a riforme"
single.php

Ultimo aggiornamento il 19 giugno 2020 alle 15:07

Recovery Fund, Lagarde: “Pacchetto sia ampio e legato a riforme”

Per la numero 1 della BCE disattendere le speranze dei mercati potrebbe essere molto pericoloso per le Borse del Vecchio continente

Un pacchetto “ampio”, così da accontentare le istanze degli Stati del Sud, ma legato saldamente alle riforme politico-economiche che ci vorrà ricorrere ai fondi dovrà necessariamente attuare, proprio come chiedono i Paesi del Nord. Questa la proposta della numero 1 della BCE, Christine Lagarde, che potrebbe effettivamente mettere tutti d’accordo, considerando che sul Next Generation Eu sono più i contrasti che i pareri favorevoli.

Lagarde: «Pacchetto ampio, veloce e ancorato alle riforme»

Il pacchetto di rilancio dell’economia deve essere «ampio, veloce, flessibile e saldamente ancorato alle riforme economiche». Più rapidamente viene concordato, meglio è per l’economia. Questo il messaggio della presidente BCE Christine Lagarde che ha parlato al Consiglio europeo in video conferenza, stando a fonti europee. Sempre secondo le stessi fonti, Lagarde ha aggiunto che «l’azione decisa ed efficace da parte sia dei governi nazionali che degli attori europei ha dimostrato la sua validità spianando la strada a un rimbalzo verso la fine dell’anno e ha contribuito a guadagnare un po’ di tempo. Ciò si riflette nel ‘sentimento’ del mercato, ma la mancata realizzazione» di quanto deciso e dell’impegno assunto per sostenere l’economia «potrebbe portare a un cambiamento in tale valutazione».

Christine Lagarde

© Christine Lagarde Twitter

Se i Governi non raggiungeranno un accordo sulle misure di stimolo per rilanciare e sostenere la ripresa economica dopo l’emergenza Coronavirus, i mercati rischiano di essere esposti. È il monito che, secondo quanto riferisce Bloomberg, ha lanciato oggi, nel giorno della videoconferenza dei leader europei, la presidente della BCE, Christine Lagarde. La numero uno della Banca Centrale Europea ha spiegato che la calma sui mercati finanziari è dovuta proprio al fatto che è atteso dagli investitori un intervento dei Governi dell’Unione ma se tale intervento non dovesse manifestarsi, si manifestasse troppo ridotto rispetto alle aspettative e o troppo tardi, allora il ‘sentiment’ potrebbe cambiare, travolgendo le Borse del Vecchio continente.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter