CISL: la zona rossa lombarda ha fermato 473.322 lavoratori privati
single.php

Ultimo aggiornamento il 10 novembre 2020 alle 6:07

CISL: la zona rossa lombarda ha fermato 473.322 lavoratori privati

L'impatto dell'ultimo Dpcm incide sul 95,7% degli addetti del settore sport e intrattenimento, sul 71,3% del comparto “alloggio e ristorazione”, sul 34,3% del segmento dei servizi alla persona e sul 17,8% del commercio

È un lockdown light solo a parole, quello scattato ormai quattro giorni fa in Lombardia. Quando si vedono i numeri, infatti, si capisce la portata devastatrice sull’economia privata della zona rossa. E i numeri li ha tirati fuori la CISL secondo cui con l’inasprimento delle misure si sarebbero fermati almeno 473.322 lavoratori, ovvero il 10% del totale dell’economia privata.

Leggi anche: Moda: tra Covid, lockdown e aree rosse falliranno 20mila negozi

Secondo l’analisi del sindacato, l’impatto dell’ultimo Dpcm si fa sentire in particolare sul 95,7% degli addetti del settore sport e intrattenimento (43.179 lavoratori), sul 71,3% dei lavoratori di “alloggio e ristorazione” (241.073 lavoratori), sul 34,3% degli addetti ai servizi alla persona (37.430 lavoratori, parrucchieri esclusi) e sul 17,8% del commercio (141.930 lavoratori). Questi, appunto, i numeri spaventosi elaborati da Cisl Lombardia sulla base dei dati Unioncamere, Inps e Inail aggiornati al 2019, riguardanti l’economia privata (4.740.432 addetti, ovvero lavoratori dipendenti ed indipendenti).

Leggi anche: Milano deserta in lockdown. Fontana: “Situazione grave come a marzo”

“L’analisi evidenzia il significativo impatto all’intervento del Dpcm del 3 novembre 2020 sugli addetti in Lombardia di diversi settori, in particolare della ristorazione, commercio, sport e intrattenimento, già fortemente colpiti dalla crisi – sottolinea Mirko Dolzadelli, segretario regionale Cisl Lombardia -. Conferma l’importanza del risultato ottenuto dal sindacato di prorogare ulteriormente l’utilizzo di cassa integrazione Covid ed il blocco dei licenziamenti fino al 21 marzo 2021 e a livello lombardo del rilancio delle politiche attive”.

Leggi anche: Decreto Ristori Bis, dal bonus baby sitter al fondo perduto

Attenzione, però: i dati non tengono ovviamente conto degli effetti sull’indotto e sulle filiere, ma si riferiscono alle sole attività indicate dai provvedimenti del Dpcm come attività sospese. L’analisi ha stimato anche gli impatti su una Lombardia ipoteticamente “zona arancione”: in questo caso le disposizioni del Dpcm interesserebbero 296.326 addetti, ovvero il 6,3% del totale nell’economia privata. Nell’ipotesi “zona gialla” sarebbero invece 55.165 addetti interessati, ovvero l’1,2% del totale. In questo terzo caso l’impatto sarebbe soprattutto sui lavoratori dello sport e dello spettacolo, con una percentuale pari all’89,1% degli addetti operanti nel settore. Un miglioramento della situazione sanitaria, tale da riportare la Lombardia nei parametri della zona arancione, permetterebbe a 176.996 addetti di proseguire la propria attività lavorativa. Ulteriori 241.161 addetti riprenderebbero la loro attività in caso di passaggio da zona arancione a zona gialla.

Leggi anche: Covid | Le 6 Regioni che rischiano di “cambiare colore” e avere più restrizioni

Ordine medici insiste sul lockdown nazionale

“Ci auguriamo che il ministro Speranza porti sul tavolo del governo le nostre richieste”: lo ha dichiarato il presidente della Federazione degli Ordini dei medici, Filippo Anelli, intervenendo alla IV conferenza di Oncologia polmonare, organizzata dall’Istituto Tumori barese. Anelli ha ribadito che “se i numeri della pandemia continueranno a essere questi e i cittadini non prenderanno coscienza che devono ridurre gli incontri con altre persone, il governo dovrà prendere delle decisioni importanti che, secondo noi, contemplano anche il lockdown totale”. “Solo così – ha aggiunto – si può bloccare l’ascesa di questa curva e consentirci di arrivare a fine dicembre in maniera adeguata per affrontare la seconda parte della stagione invernale, quando arriverà anche l’epidemia influenzale. Altrimenti il sistema sanitario non reggerà”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche